Perché si diventa apatici?

Inviata da Valeria il 16 feb 2016 Depressione

Negli ultimi tempi non ho più desiderio di fare nulla.
La pigrizia mi rende sempre più apatica.
Sono iscritta all'università, lo studio procede sempre più a rilento. Non ho più voglia di dedicarmi alle mie passioni. Forse lo sport potrebbe aiutarmi, non ho voglia neanche di quello. Passerei intere giornate a letto. Qualche volta, invece, ho un umore altalenante e mi sento più propositiva e "carica". Persino la mia relazione sentimentale (che finora è andata sempre bene, dura da un anno) ne risulta intaccata.
Non credo ci sia stato alcun evento scatenante, almeno, non so rintracciarlo.
Come si affronta questo periodo?
Sento che la mia vita sta diventando routinaria e monotona...
Come ci si scuote?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Carissima, leggendo la tua lettera mi è arrivata chiara la sensazione di mancanza di interesse per tutto ciò che fai, questo è un processo che non nasce dal nulla o dall'oggi al domani e dietro vi è sempre una motivazione, anche, se come tu stessa riferisci non ne riesci a trovare una...e infatti per te che vivi le esperienze in prima persona è più difficile riuscire a fare un autovalutazione ecco perché è importante consultare uno specialista, il quale ti aiuterà ad individuarne le cause e a modificare nel modo corretto il tuo agire, ecc. Un grande abbraccio. Dott.ssa Floriana Di Lauro. Psicologa esperta in terapie Cignitivo-Comportamentali. Manfredonia (Fg)

Dott.ssa Floriana Di Lauro Psicologo a Manfredonia

3 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

buongiorno Milena, a volte abbiamo bisogno di fermarci. La stanchezza del nostro corpo o l'improvvisa apatia del nostro entusiasmo parlano della necessità di fermarci e di noi in questo momento.
Attraversi questo momento, ci "passi in mezzo", non ne fugga ma invece lo interroghi.
buon viaggio
dott.Luca Pinciaroli _Studio Psicoterapia Mana

Studio di psicoterapia Mana Psicologo a Torino

9 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Milena
può essere che sia una crisi di stanchezza, comunque è chiara anche la mancanza di motivazione; è questa che dovresti recuperare
Se ti sei iscritta all'università e hai scelto una certa facoltà, avrai avuto un motivo per farlo, un sogno da raggiungere, un progetto...Dove sono finiti ora?
I tuoi genitori immagino che finanzino i tuoi studi...non dovresti dunque impegnarti e trovare forza per reagire?
Tu protesterai alle mie parole e dirai che proprio non riesci...
In questo caso cara, devi farti aiutare e intraprendere un percorso di psicoterapia; anche in questo ci vorrà motivazione e impegno... vedi non si scappa, in ogni caso è richiesta una tua reazione alla situazione.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6693 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Milena
hai individuato il "mostro" interiore che tenta di sottrarti alle responsabilità e ai compiti della vita e tenta anche di sottrarti il bello e il buono che tu puoi fare e che tu puoi dare.
Questo"mostro" è la pigrizia!
L'ho chiamato apposta così in modo che tu possa come osservarlo e oggettivizzarlo e vederne le potenzialità distruttive e che tu possa combatterlo nel giusto modo.
Combatterlo nel giusto modo, significa che dovrai aggirarlo con una certa abilità e non andargli addosso indiscriminatamente.
Devi aggirarlo e trovare in lui dei punti deboli, poi affondare con armi adatte: qualche interesse, qualche passione, la voglia di vedere qualcuno, la voglia di fare una passeggiata e respirare all'aria aperta (questa è una potente arma); insisterai col curarti di più e anche un pò di shopping... qualcosa che ti piace.
Andare al cinema o un tè con amica del cuore.
Se non hai una amica del cuore anche una amica simpatica va bene.
Carissima, l'arma più grande però che puoi usare per curare la tua apatia è cercare di dare maggior senso alla tua vita.
Vedi, noi tutti, non viviamo solo per noi stessi, ma anche per essere in rete di scambio con altri.
Se fai qualcosa di buono ad un altro lo fai a te stessa e se pensi a muoverti con la motivazione di rendere più felice o sereno qualcuno avrai la giusta spinta.
Se non trovi nessuno per cui fare qualcosa, guardati dentro e fallo per la tua bambina interiore, che vuole essere accompagnata per mano e vuole crescere.
Se da sola non riesci, cerca aiuto e avrai un alleato/a psicoterapeuta, combattente insieme a te.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6693 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Milena,
penso che tu, da ciò che dici, hai già verificato che la terapia paradossa autosomministata del restare per giorni e giorni a letto anche se non ti guarisce può essere utile perchè poi ad un certo punto preferisci alzarti sentendoti più propositiva e carica.
Penso che tu stia vivendo in questi ultimi tempi un calo del tono dell'umore da cui sarebbe bene uscire per non rischiare di scivolare in una vera fase depressiva e magari compromettere anche del tutto la tua relazione sentimentale.
Ti suggerisco innanzitutto di obbligarti a tenerti impegnata in qualche attività, qualunque essa sia se già non sei in una fase di anedonia per cui niente ti dà piacere.
Dopo di ciò ti suggerisco di chiedere un sostegno psicologico per approfondire con un esperto questo tuo malessere e trovare la soluzione ad esso.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6461 Risposte

18103 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Milena,
Lei scrive che la sua vita sta diventando "routinaria e monotona".
Partiamo da qui.

Cerchi di concentrarsi su quali siano le sue aspettative per quanto riguarda la sua vita. Provi a chiedersi: cosa mi piacerebbe accadesse? Cosa mi scuoterebbe positivamente? Che evento mi farebbe piacere avvenisse?

Poi, una volta arrivata ad identificare almeno un evento, una aspettativa, si chieda se è qualcosa che viene da fuori, oppure è qualcosa che può provocare Lei.

Questi sono i primi passi e di qui si comincia l'intervento motivazionale vero e proprio.

Può essere svolto da uno psicologo -anche online- oppure può provarci in prima battuta Lei, ma vista la situazione e l'apatia, consiglio almeno 4,5 consulenze per vedere poi come va.

Durante l'intervento si analizzano anche le sue convinzioni in merito alla sua vita, cosa sognava e cosa adesso le è diventato lontano, tanto da anestetizzarsi al punto di diventare emotivamente apatica.

Consideri l'intervento motivazionale come eventualità per darsi nuovo "carburante", divertirsi ed essere soddisfatta di quello che fa.

Cordialmente,
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino - Psicologa, Roma.

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Psicologo a Ardea

197 Risposte

237 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Milena,
dovresti domandarti il perché ti senti così, al di là di uno specifico evento scatenante della tua vita.
Da quanto dura questo periodo? Come ti sentivi prima? E' cambiato qualcosa ultimamente nel tuo stile di vita?
L'aiuto di uno specialista, psicologo o psicoterapeuta potrà giovarti e guidarti nel trovare in te stessa queste risposte.
In bocca al lupo
Saluti
Dott.ssa Angela Beatrice Marino
Psicologa

Dott.ssa Angela Beatrice Marino Psicologo a Arese

49 Risposte

37 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77150

Risposte