Perché nonostante la convivenza, sono esclusa da ogni settore della sua vita?

Inviata da Teresa · 6 gen 2017 Terapia di coppia

Conviviamo già da 3 anni. Le mie 2 figlie vivono con noi. Si sta amplificando un comportamento che non fiascos sportsmen. Lui mi esclude da tutto il resto della sua vita. Cioè non mi racconta mai nulla del duo lavoro, se chiedo come é andata, mi risponde: bene, un po' ho lavorato, un po' ho chiacchierato del più e del meno. Stop nulla di più. Va da sua madre a pranzo tutti i sabato. Noi 3 pranziamo a casa. Quando torna si siede sul divano e non dice nulla. Non ha amici con cui esce, né da soli, né con me. Quando ci sono degli eventi o non viene o dopo suppliche mi accompagna. Mi sento sola é come se avessi un coinquilino gentile premuroso. Sono molto molto molto triste. Potete spiegarmi che tipo di comportamento é?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 GEN 2017

Gentile Teresa,
ci sono persone che non amano parlare molto della propria vita e di quello che fanno durante il giorno, forse il suo compagno è uno di questi.
E se inizia lei a raccontargli la sua giornata e quello che lei ha fatto durante il giorno, lui come reagisce? è partecipe con commenti o anche in quel caso è silenzioso?
Con queste persone puó essere utile fare domande piú specifiche per avere delle risposte, ad esempio: con chi hai parlato oggi al lavoro? di cosa hai parlato? cosa intendi quando dici abbiamo parlato del piú e del meno? a quali attivitá nello specifico ti sei dedicato oggi al lavoro? cosa hai mangiato a pranzo? tua mamma cosa dice? quali sono le cose piú belle che ti sono capitate oggi? e quelle piú noiose? in che modo ti piacerebbe trascorrere il tempo che passiamo insieme?/cosa ti piacerebbe che facessimo assieme?
Faccia presente al suo compagno che per lei è importante scambiare due parole e condividere insieme racconti e qualche attivitá insieme.
In tutto il suo racconto leggo peró anche con piacere che è gentile e premuroso: ci sono alcuni uomini che comunicano il loro amore piú con i fatti che non con le parole. Stia attenta quindi a cogliere i piccoli gesti premurosi che lui fa per lei e se lui non li traduce con parole a voce, cerchi di capire lei come dar voce con una frase a quei gesti, interpreti la frase che sta dietro a quei gesti. Ad esempio il fatto che lui le prepari una buona cena puó voler dire: "ti voglio coccolare, voglio che tu mangi bene e il mio cucinare per te è un atto di amore". Il fatto che abbia accettato i suoi figli in casa puó significare: "io accetto tutto di te, anche il passato e voglio bene ai tuoi figli come se fossero anche miei".
infine se a lui riesce difficile comunicare a voce, provate a farlo scrivendovi di tanto in tanto delle lettere dove esprimete i vostri sentimenti, ovvero cosa vi fa stare bene, cosa vi fa stare male del comportamento dell'altro, cosa sperate, cosa potete offrire all'altra persona, senza dimenticare di elencare anche i pregi e ció che apprezzate l'una dell'altro.
Vi auguro tutto il meglio.

Cordiali saluti,

dott.ssa Elisa Canossa, psicologa psicoterapeuta a Padova e Sustinente (MN)

Dott.ssa Elisa Canossa - Studio di psicologia e psicoterapia Psicologo a Sustinente

726 Risposte

2184 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 GEN 2017

Gentile Teresa,
dalle poche informazioni che lei dà si evince sostanzialmente che non è contenta di questa convivenza ed è probabile che sia stato così fin dall'inizio.
Pertanto, come minimo, è necessaria una "restituzione" cioè che lei dica al suo compagno che è "molto, molto, molto triste" per il suo comportamento e per la mancanza di dialogo che la fa sentire esclusa dalla sua vita.
Anche se è un fatto caratteriale gli spieghi cosa prova e come si sente e verifichi se lui fa qualche sforzo per diventare più interattivo.
Da una convivenza, specie se c'è stato un precedente fallimento relazionale, ci si aspetta un rapporto soddisfacente e possibilmente non monotono o, peggio, spento.
Se non dovesse vedere nessun cambiamento, le suggerisco di chiedere una consulenza psicologica dal vivo per affrontare il problema sulla base di maggiori informazioni.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6974 Risposte

19369 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16650

psicologi

domande 23050

domande

Risposte 84400

Risposte