Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Perchè non provo piacere con la penetrazione ed è difficile lasciarmi andare?

Inviata da Glenda il 9 lug 2017 Sessualità

Salve, sono una donna di 28 anni, sono sposata da 2 anni con il mio primo amore, con il quale sto da 7 anni. Con lui ho avuto il mio primo rapporto sessuale (lo so, è strano).
è da quando stiamo insieme che, con la stimolazione del clitoride riesco a raggiungere l'orgasmo (anche se mi capita di metterci molto tempo e spesso è come se non si "sfogasse" completamente), mentre con la penetrazione non provo nulla!! Nei primi tempi mi faceva male o mi dava fastidio, ma tutti mi dicevano che era normale...ora non provo più dolore ma non sento nulla!.
Mio marito, per aiutarmi, mi tocca con le dita durante il rapporto, ma in quel caso, anche la stimolazione del clitoride non mi da soddisfazioni. Ho provato a toccarmi da sola durante il rapporto e abbiamo anche comprato l'anello vibrante, ma nulla!.
Per problemi di peso ho smesso di prendere la pillola anticoncezionale, non prendo medicinali, tranne ovviamente quando sono influenzata o ho dolori a causa della cervicale o altro....quindi non credo che il mio problema sia legato a medicinali che possono crearmi problemi.

Faccio molta fatica a lasciarmi andare, anche durante il rapporto, è come se la mia testa si rifiutasse di non pensare!!!!.
Ho sempre creduto fosse colpa mia, ma sono arrivata persino a pensare che forse il problema è che nessuno dei due ha mai avuto altre esperienze.
Ho avuto anche grossi problemi con la libido, nel senso che, non riuscendo mai ad avere un rapporto soddisfacente, mi sentivo sempre frustrata e non avevo mai voglia!!!.
Sto cercando di sforzarmi e ultimamente abbiamo avuto più rapporti, cerco di parlare dei miei problemi con mio marito ma lui non sembra preoccuparsi più di tanto, e la cosa mi fa innervosire ancora di più! abbiamo provato posizioni nuove ecc..ma niente!. Mi sento frustrata e il fatto di non riuscire a trovare un lavoro non migliora la mia situazione.
Non mi sento bene con me stessa, ne fisicamente e tanto meno in ambito di lavoro e non ho molte soddisfazioni personali.
Quando andavo a scuola, ero sempre molto prolifica nel disegno, ho tantissimi schizzi e lavori e disegnavo di continuo, mi rilassava e provavo molta soddisfazione, perchè sapevo di essere brava. Ora non riesco più nemmeno a disegnare e ogni piccolo fallimento mi sembra una montagna, come se fossi in un vortice e non riesco a venirne fuori.
Il sesso non riesce a darmi piacere e soddisfazione, ne a rilassarmi e più proviamo più mi innervosisco... la cosa sta diventando molto pesante per me e mina seriamente il rapporto di coppia.
L'unica cosa che mi fa stare un po meglio sono le coccole e passare del tempo insieme nell'orto, all'aria aperta mentre lavoriamo la terra, ma è comunque facile rompere la mia serenità...mi rendo conto di essere diventata una vera "rompipalle"!!!!.
Vorrei sentirmi più sicura di me, sia sotto le lenzuola che nella vita di tutti i giorni e vorrei riuscire a lasciarmi andare e a rilassarmi, godermi la vita senza avere la testa sempre piena di pensieri, come se, nemmeno quando facciamo l'amore, la mia testa riuscisse a staccare!!!.

Ho fatto ricerche su internet e mi è stato consigliato di provare un terapista, ma non abbiamo soldi e non possiamo permettercelo!.
Ho letto che molte donne non riescono a fare l'amore se non bevono alcolici prima del rapporto...ma davvero non vorrei diventare dipendente dall'alcol per riuscire ad avere una vita sessuale soddisfacente!!. So che è economico, ma non credo mi faccia bene...considerando anche il fatto che sto cercando di dimagrire e non mi aiuterebbe certo nel mio obbiettivo.

In varie ricerche su internet, stanno saltando fuori molti rimedi naturali, come Arginina e Citrullina, i fiori di Bach, ecc... ma non so se si possano prendere senza una ricetta medica e soprattutto, non so se funzionano!. Mia cugina ha trovato molto sollievo dai suoi attacchi di panico, quando era più giovane, grazie ai fiori di Bach... ma possono andare bene anche per la mia situazione?! perchè se bastasse questo...sarei la persona più felice del mondo!!!!!.
In caso contrario, esistono medicinali o sistemi naturali, esercizi fisici o altro, che posso fare?!.

Scusate per il mio papiro ma avevo bisogno di sfogarmi un pò!.
Grazie per l'attenzione!.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Glenda, quello che lei chiama papiro è in realtà una descrizione precisa ella situazione di insoddisfazione generale che sta vivendo nel rapporto con sè stessa, nel non riuscire a realizzarsi sul lavoro, nel sentirsi dentro a un corpo in cui sono si riconosce, che fanno un bel contorno al problema della mancanza di soddisfazione nell'ambito sessuale, che non penso proprio dipenda dal fatto che non avete fatto tante esperienze prima. ci sono diversi ordini di problemi: il rapporto con se stessa, per amare e lasciarsi andare bisogna stare bene con sè e amarsi e conoscere bene il funzionamento del proprio corpo, il rapporto di coppia, rispetto al quale l'amplesso sessuale è una forma di incontro e di comunicazione molto importante.
Non credo che ci sia una ricetta o un farmaco che possa sanare questa situazione in modo rapido , veloce, credo che invece ci possano essere tanti piccoli percorsi finalizzati all'obiettivo di stare bene con se stessi: e non necessariamente devono essere tutti a pagamento: ad esempio esistono centri asl per il controllo del peso ed è sufficiente accedere con la richiesta del medico di base, al centro per l'impiego possono essere attivati brevi percorsi di orientamento per riattivare la ricerca del lavoro, al consultorio possono essere fornite brevi consulenze di coppia che aiutano a d inquadrare il problema e ad iniziare ad affrontarlo.
Ascolti il suo disagio e lo provi ad affrontare, probabilmente è ora per lei di iniziare un cammino di cambiamento.
Un abbraccio di incoraggiamento,
D.ssa Maura Lanfri

Dott.ssa Maura Lanfri Psicologo a Forlì

133 Risposte

41 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Glenda,
Percepisco, da ciò che scrive, una frustrazione che non coinvolge solo la sfera della sessualità ma, più in generale, anche altri aspetti della sua vita tra cui il lavoro, la relazione con suo marito, l'immagine che ha di se stessa e del suo corpo. Tutti questi aspetti sono collegati tra loro e il malessere che vive nel rapporto sessuale rispecchia uno stato di insoddisfazione che si espande anche ad altri contesti.
Per quanto riguarda l'aspetto sessuale innanzitutto le sconsiglio l'uso di alcolici per facilitare il rapporto perché, oltre all'aspetto poco salutare della questione, si rischia poi di entrare in un circolo per cui per fare sesso c'è bisogno di bere e un aumento della quantità di alcool può portare nel tempo a tossicità e a una difficoltà di eccitazione e della risposta orgasmica.
Mi sembra poi di capire che durante i rapporti sessuali lei sia molto concentrata su ciò che sente e soprattutto su ciò che dovrebbe sentire; questo controllo eccessivo non la aiuta a provare sensazioni piacevoli e a lasciarsi andare, anzi la mette in una condizione di ansia che alimenta le sue preoccupazioni. Il mio consiglio è di provare a sperimentare un sesso un po' meno "pensato" è controllato; capisco sia difficile in questo momento, ma può provare a partire dai punti positivi. Ha scritto che riesce a provare piacere e a raggiungere l'orgasmo tramite la stimolazione clitoridea; Potrebbe ad esempio partire da questo, prendersi questo momento di piacere provando a non pensare al fatto che forse dopo non proverà piacere. Sperimenti con suo marito la sessualità al di fuori della penetrazione, provate a prendervi il tempo per godere delle cose più semplici cercando di non giudicarvi troppo.
Il mio suggerimento è comunque quello di rivolgervi a un consultorio nella vostra zona, in modo da poter affrontare in maniera più appropriata la situazione e da poter ricevere l'aiuto necessario.
Spero di esserle stata d'aiuto,
Un caro saluto

Dott.ssa Giulia Paganini Mori Psicologo a La Spezia

2 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Glenda,
quello che ci racconta potrebbe essere una difficoltà a livello sessuale o psicologico o emotivo o relazionale o di coppia e anche tutti insieme, nel senso che uno è collegato all altro, come in un effetto domino. Può essere legato al vostro vissuto prematrimoniale (nessun altra esperienza lei dice) o alla scarsa conoscenza reciproca o soggettiva riguardo al piacere. Forse viene a mancare complicità e novità. Escluderei assolutamente l uso di alcool o altre sostanze. Vi inviterei invece a chiedere consulto al Consultorio della vostra zona dove non pagate. Sono molte le coppie che affrontano un percorso terapeutico, anche sessuologico. Ne va del vostro benessere soggettivo e di coppia. Un caro augurio.

Dott.ssa Elisa Fagotto Psicologo a Portogruaro

334 Risposte

182 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Sessualità

Vedere più psicologi specializzati in Sessualità

Altre domande su Sessualità

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15750

psicologi

domande 19950

domande

Risposte 79450

Risposte