Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Perché non ho emozioni?

Inviata da Roberta il 15 apr 2018 Elaborazione del lutto

Buonasera, sono spaventata dal mio modo di affrontare la perdita di mia mamma.. martedi è mancata qui in casa, l'ho trovata io quando sono tornata da lavoro, sono stati duri i primi giorni tra pianti e sensi di colpa...ma da ieri ho iniziato a non provare piu nulla, non provo emozioni, mi sento apatica e quando parlo di lei non riesco a ricordarmi nulla, come se non ci fosse mai stata o kmq fosse una persona a me lontana... come mai questo mio distacco?? È una fase normale o è una cosa con cui devo parlare con uno specialista per tirare fuori il dolore che inconsciamente ho cercato di cancellare??

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

buongiorno, quello che le sta capitando si chiama in termini psicotraumatologici ottundimento o freezing delle emozioni. Il tutto perche la eventualità di una elaborazione del lutto è al momento un elemento di grande soffrerenza o di forte disagio. Le consiglio tuttavia, di iniziare una psicoterapia breve con l'EMDR. Cordialmente

Dott. Davide Perrone Psicologo a Torino

87 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Roberta, la perdita di una persona a noi vicina ė un evento traumatico che richiede un riadattamento alla vita sotto diversi punti di vista. Quello che stai vivendo fa parte del processo di elaborazione del lutto, che ha dei tempi di maturazione ben precisi: in questi casi "distaccarci" ci permette di imparare a tollerare gradualmente il dolore causato dall'evento. Non spaventarti di quello che vivi, anzi condividere ció che provi con chi ti sta vicino puó favorire una maggiore elaborazione. Se noti che il distacco che vivi si trasforma in disagio, valuta l'idea di rivolgerti ad un terapeuta per lavorarci su. Auguri, dott.ssa Daniela Cannistrâ.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

231 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Le reazioni che riferisci sono del tutto normali.
Il lutto che hai subito è di un certo calibro e anche le condizioni che racconti sono dense di significato. Il nostro corpo e la nostra mente, di fronte ad eventi stressanti si organizzano e danno la risposta più adeguata al momento e al bisogno di sopravvivere anche in situazioni avverse. Perciò, in questo caso, sono normali, il tuo senso di smarrimento, il senso di vuoto, il calo della memoria, ansia, e quant'altro. Datti tempo sei solo anestetizzata dal dolore, poi verranno le lacrime.

Antonietta Lapegna Psicologo a Castellammare di Stabia

32 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Roberta
Ciò che lei descrive corrisponde ad una delle possibili reazioni che possono verificarsi in seguito al lutto di una persona cara.
Le emozioni ed il dolore possono essere talmente assoluti che il suo Io decide di chiudersi in una bolla per non esserne sopraffatta. É uno stato transitorio e in un certo qual modo protettivo. Piano piano secondo i suoi tempi accederà nuovamente al suo dolore e potrà elaborarlo e metabolizzarlo.
Un caro saluto
E condoglianze sentite
Dott.ssa Fabiana Nicolini

Dott.ssa Fabiana Nicolini Psicologo a Bologna

124 Risposte

42 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Fa parte di un lutto normale una prima fase di disorientamento.Il tuo inconscio sta venendo a patti con la nuova realtà. Coraggio!

Dott. Luciano Malerba Psicologo a Torino

125 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Roberta ,
Quello che lei ha vissuto Credo che sia stata un esperienza molto forte e molto dura. Penso sia abbastanza normale avere delle altalene emotive rispetto ad un lutto Importante come questo. La perdita di un genitore è un momento esistenziale importante , indipendentemente dal tipo di relazione che si era strutturata perché ci costringe consciamente inconsciamente a ristrutturare la nostra posizione identitaria di figlio. Tuttavia se lei sente questa apatia e si ente così deperdoqnlizzata risotto alle emozioni le consiglio di farsi seguire da qualcuno che possa aiutarla a vivere questa fase delicata e a far emergere le sue emozioni al fine di sfere bene .

Dott.ssa Di Segni Fabiana Psicologo a Roma

65 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Elaborazione del lutto

Vedere più psicologi specializzati in Elaborazione del lutto

Altre domande su Elaborazione del lutto

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15700

psicologi

domande 19850

domande

Risposte 79300

Risposte