Perché nessuno mi considera (neanche sui social)?

Inviata da Claudia il 26 set 2018 Crisi adolescenziali

Salve, sono una ragazza di 21 anni e mi sento in continuo disagio con me stessa.
Mi è stato detto tante volte "gli altri non ti ameranno mai se non ti ami tu per prima", ma ho smesso di crederci oramai. Infatti, sebbene il problema dell'insicurezza mi perseguiti da sempre, ad oggi posso dire che di passi avanti ne ho fatti, che non mi reputo più una ragazza così "brutta", o una persona così antipatica e dispiacevole come facevo prima. Eppure nessuno mi considera... Ed ecco che ritorno a chiedermi cosa ci sia che non vada in me... Sono io quella sbagliata? Perché nessuno mi si avvicina all'università per scambiare due chiacchiere? Perché nessun ragazzo si interessa a me? Perché ho così tanta difficoltà a crearmi delle amicizie?
La gente quasi mi evita, e spesso quando non lo fa mi dice che sembro fredda e antipatica, sempre nervosa, che lancio occhiatacce e non dico mai una parola (cose di cui io nemmeno mi rendo conto).
Finisco per dare peso perfino al fatto che io sia ancora vergine alla mia età perché ho avuto un solo ragazzo in vita mia, o a cose come i "like" su instagram. Ne ho sempre pochi rispetto a tutte le altre e so che è una cosa stupida su cui soffermarsi, ma realizzare di non avere così tanta considerazione sui social come tutte le mie amiche e conoscenti mi fa sentire così piccola, invisibile...
Vorrei soltanto sentirmi in pace con me stessa, per una volta nella mia vita.
Mi rendo conto che questo problema possa sembrare irrilevante, una stupidaggine, ma ho davvero bisogno di aiuto. Ogni giorno è sempre la stessa storia, e sono stanca delle notti insonni, dei pianti improvvisi, e di tutto questo disagio che mi perseguita. Vi ringrazio in anticipo per la comprensione e la disponibilità.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Claudia, la sua difficoltà non è una stupidaggine poichè i rapporti sociali sono fondamentali per noi. Si dovrebbe capire quali sono gli atteggiamenti che mette in atto che favoriscono la distanza altrui ed iniziare a modificarli. A tal proposito potrebbe essere utile fare una psicoterapia. Buona fortuna!

Dr.ssa Graziella Pisano, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Frattamaggiore (NA).

Dott.ssa Graziella Pisano Psicologo a Frattamaggiore

119 Risposte

3555 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Claudia,
il suo disagio è assolutamente comprensibile e non è una stupidaggine , perché fa soffrire lei, per cui non deve sminuirlo. Dalle sue parole comprendo una certa insicurezza di fondo. E' importante riflettere sul fatto che non amando se stessa nemmeno gli altri la possono amare. Io le consiglio di andare a fondo di questa questione con l'aiuto di un professionista, psicologo, psicoterapeuta o psicoanalista per poter lavorare sulla propria storia e sbloccare queste insicurezze e teorie.
E' bene che la sua sofferenza svanisca e che inizi a volersi bene e ad apprezzarsi. Sapendosi valorizzare le verrà più semplice e spontaneo rapportarsi con gli altri. Siamo comunque tutti diversi, ci sono persone con cui riusciamo a rapportarci e altre con cui non riusciamo. Possiamo piacere ad alcuni e ad altri no e viceversa a lei possono piacere delle persone e non altre. Questo bisogna accettarlo. Non si fissi sull'immagine che ha di sé, vada oltre.

Rimango a disposizione.
Un cordiale saluto
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

278 Risposte

109 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Claudia,
nessuna sofferenza è una stupidaggine. Se la mancanza di riconoscimenti positivi esterni la fa soffrire, sia che venga da relazioni dirette faccia a faccia sia che venga dai social, è qualcosa di cui occorre occuparsi per migliorare la situazione.
Lei dice che gli altri le restituiscono una sua immagine in cui non si riconosce, dicono che lei abbia un atteggiamento che invece lei non sente di avere: potrebbe iniziare un percorso psicologico che la aiuti a rendersi più consapevole di se stessa e delle sue modalità comunicative e relazionali, per poi andare eventualmente a modificarle e a lavorare sulla sua autostima.
Rimango a disposizione
In bocca al lupo e un cordiale saluto
drs Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

992 Risposte

458 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Vedere più psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Altre domande su Crisi adolescenziali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77300

Risposte