Perché mi sento inadeguata di continuo e ho forti attacchi d'ansia??

Inviata da ChiaraB. 25 mag 2018 5 Risposte  · Ansia

Purtroppo io non ho autostima, zero, inesistente. Questo mi porta a sentirmi inadeguata in ogni situazione, mi sento sempre inferiore agli altri, ad essere maldestra e fare danni di continuo. E questo mi porta anche a non riuscire a pormi e di conseguenza realizzare degli obbiettivi. Metto in dubbio ogni mia scelta, ogni mia opinione, mi chiedo sempre se ciò che faccio abbia un senso. Non riesco a capire se non riesco a realizzare i miei obbiettivi perché non ho fiducia in me, o se non ho fiducia in me perché non riesco a realizzare i miei obbiettivi. Non ce la faccio più, mi deprimo perché penso che quello che fanno gli altri sia meglio, e al contrario mi tranquillizza sapere che un'altra persona ha il mio stesso problema, che non sono la sola. Ma non è giusto così, vorrei riuscire a guardare soltanto la MIA strada, a non reagire così tanto male agli errori o agli insuccessi, vorrei essere sicura di quello che faccio...
Grazie e buona giornata a tutti

riesco , male , capire

Miglior risposta

Non mi è ben chiaro cosa lei chiede. Ad ogni modo penso che per i suoi vissuti potrebbe fare dei colloqui terapeutici. mi rendo a disposizione per qualsiasi domanda.
Dott.ssa Antonazzo Floriana Zora psicologa e specializzanda in Psicoterapia V anno.
Ho studio a roma e bari.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Buon giorno Chiara, comprendo la Sua sofferenza.
I rimedi: sà noi analisti sappi,mo che infine disturbi quali i Suoi sono manifestazioni sintomatiche che hanno la loro origne nella "preistoria" personale. E quindi solo con un percorso di autoconoscenza che riporti i sintomi attuali alla connessione con le antiche origini ce ne si può liberare definitivamente.
Certo è un percorso impegnativo e perciò sono state messe a punto metodiche di intervento psicologico che, pur senza giungere alla fonte, possono essere di buon aiuto. Tra queste io trovo più efficaci la psiocoterapia psicodinamica e ' l'ipnosi clinica eriksoniana.
Se desidera avere più informazioni in merito potrebbe visitare il mio sito Marco-Tartari.it.
Io resto a Sua disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti e La saluto molto cordialmente. Dr. Marco Tartari, Roatto Asti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

1 GIU 2018

Logo Dott. Marco Tartari Dott. Marco Tartari

664 Risposte

382 voti positivi

Chiara...complimenti per la tua esposizione, hai reso benissmo la situazione. A monte del tuo problema c'è la convinzione di essere incapace, inadeguata, e probabilmente non amabile. In genere, dietro questa convinzione c'è un genitore critico e perfezionista (la mamma?). Tutto il resto e' solo una conseguenza: se ho questa convinzione faccio le cose con la paura di sbagliare o non le faccio proprio, conseguentemente faccio poco o male e prendo questo non come CONSEGUENZA della mia convinzione, ma come DIMOSTRAZIONE. Quindi: l'ansia aumenta, mi deprimo e mi arrabbio con me stessa. Una buona psicoterapia ti aiuterebbe tantissimo. Coraggio, se ne esce sicuramente:

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

30 MAG 2018

Logo Emozioni Umane - Dott.ssa Papadia Emozioni Umane - Dott.ssa Papadia

554 Risposte

367 voti positivi

Gentile Chiara,
Sembra domandare come può sentirsi sicura che le decisione che prende la porteranno a realizzare i suoi obiettivi. Quello che sente come autostima nulla è probabilmente da inserire nella sua storia personale perché la costruzione dei suoi obiettivi è in relazione stretta con essa è pertanto anche la sua autostima.
Cerchi un aiuto psicologico da un collega della sua zona .Il lavoro la aiuterà sicuramente a focalizzare problema,obiettivi e soluzioni personali che possono essere generate esclusivamente dal suo agire in una condivisione responsabile.

Saluti,
Dott.re Lorenzetto Claudio

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 MAG 2018

Logo Dott.re Lorenzetto Claudio Dott.re Lorenzetto Claudio

182 Risposte

64 voti positivi

Gentile Chiara,
Questa è una parte della sua storia e credo sia ammirevole il fatto che abbia trovato il coraggio e le parole per raccontarla. Sicuramente non è tutto qui: per riuscire ad affrontare e superare questa difficoltà è necessario un maggiore approfondimento utile a cogliere non solo le cause conosciute ma soprattutto quelle non evidenti (inconsce) che al momento la bloccano.
L'aiuto di uno psicologo potrebbe aiutarla a sbloccarsi, acquisendo la consapevolezza che dal riconoscimento dei propri limiti è possibile sviluppare le proprie capacità!
Cordialmente
Paolo Mandolillo

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 MAG 2018

Logo Dott. Paolo Mandolillo Dott. Paolo Mandolillo

6 Risposte

6 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Colite continua dopo periodo di stress

7 Risposte, Ultima risposta il 18 Marzo 2013

Ultimatum continui e convivenza in crisi

3 Risposte, Ultima risposta il 19 Gennaio 2018

Sovrappensiero, attacchi di panico/ansia, sogni ricorrenti

4 Risposte, Ultima risposta il 25 Agosto 2015

Ansia ed attacchi di panico

14 Risposte, Ultima risposta il 26 Luglio 2012

Il mio fidanzato vuole un figlio, io non mi sento pronta

9 Risposte, Ultima risposta il 21 Ottobre 2015

Perché persiste la sensazione di stranezza?

1 Risposta, Ultima risposta il 24 Agosto 2017

Come faccio a combattere la mia ansia? Io non voglio lasciarlo

4 Risposte, Ultima risposta il 04 Maggio 2016

Potete darmi una mano?

1 Risposta, Ultima risposta il 12 Febbraio 2019

Vi prego di rileggermi...non ce la faccio

1 Risposta, Ultima risposta il 20 Dicembre 2018