Perché mi sento così male interiormente?

Inviata da Sorata · 7 apr 2015 Crisi adolescenziali

Ho 16 anni e non sono felice ma in questo momento credo di nasconderlo bene perché nessuno nota il mio malessere.
Spesso mi chiedo se valga la pena continuare a vivere, spesso piango rivangando il passato e dato che non dormo mai la notte sto ore ed ore su internet a cercare quale possa essere il mio problema. Un tempo ero spensierata. C'è un vuoto persistente che mi tormenta. Non vivo. Ora sto meglio rispetto a prima: a giugno ero entrata nella tristezza più totale ma per un motivo ben preciso, cioè l'assenza improvvisa di una persona a cui mi ero ossessivamente legata. Col tempo però il dolore non mi passava, credo di esser stata depressa e che ci fosse un motivo più profondo a causare le mie sofferenze. Verso novembre ero entrata in un periodo alternato in cui stavo abbastanza "bene", ma avevo delle crisi di pianto in momenti davvero improbabili e senza un'apparente ragione!
Ho sentito il bisogno di essere aiutata o anche solamente ascoltata, e dunque mi sono iscritta ad un forum chiamato "The last ship". Ultimamente ho ripreso ad entrarci spesso. Ho anche pensato all'eventualità di andare da uno psicologo, ma non riuscirei mai a chiederlo a mia madre, in più non potrei permettermelo.
In generale, al mio fianco ci sono molte persone che mi vogliono bene, ma con loro non riesco proprio ad aprirmi, con nessuno ci riesco del tutto a dir la verità, di solito sono io quella che ascolta gli altri...
Però ho bisogno di capire cosa mi succede, perché sto male precisamente? So di avere una bassa autostima, una brutta storia alle spalle e al momento una vita poco da teenager, ma non credo che ciò contribuisca molto. Allora cosa mi succede? Come torno spensierata senza più avvertire questo terribile vuoto interiore? Come ne capisco la ragione? Come torno a vivere? Come smetto di pensare continuamente a impasticcarmi e farla finita? Forse sono solamente pigra e non ho voglia di affrontare il peso che è la vita, almeno non da sola. Sono un'ingrata vero? In questo modo parlano i falliti no? Come cambio?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 4 OTT 2015

Gentile ragazza,
le tue ricerche su Internet e la partecipazione a quel forum sono una buona cosa e mostrano la tua voglia di capire più a fondo le ragioni del tuo malessere e trovare possibili rimedi ad esso ma sarebbe più utile per te il confronto con uno psicologo e per questo puoi anche rivolgerti a qualche consultorio familiare o servizio pubblico della tua USL di appartenenza.
E' evidente che la delusione per la fine della tua storia d'amore ti ha prostrata e sconvolta ma fortunatamente sembra che tu stia reagendo bene e che il peggio sia passato.
Alla tua età è facile in questi casi sentirsi come se crollasse il mondo addosso ma è altrettanto facile che la forza vitale faccia superare il momento critico.
Ti suggerisco di non chiuderti e cercare un sostegno psicologico nel servizio pubblico se non puoi permetterti una terapia privata.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7048 Risposte

20149 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 APR 2015

Cara Sorata
in ritardo ma ci sono!
Voglio dirti essenzialmente che comprendo bene il tuo stato d'animo e so per esperienza diretta che alla tua età ci si può sentire in questo modo.
A volte ci si "affaccia" sul vuoto interiore per vari motivi: difficoltà a comprendere la vita; difficoltà a trovare una giusta collocazione a se stessi; non conoscerci abbastanza; non possederci abbastanza, un amore non ricambiato; delusioni varie...
Tutto sembra crollare ...qual'è il "bandolo della matassa"???
Come riannodare i fili dispersi???
Labirinti...
Tu hai 16 anni e questa è una magica età!
Parti da qui. Comprendi bene a fondo che hai un cammino davanti e che puoi percorrerlo e trovare mete.
In primis trova qualcosa di te a cui ancorarti.
Trova un interesse forte per qualcosa e dedicatici con tutta te stessa, rispecchiati e ritrovati in questo interesse; poi amplia e "connetti" varie cose ad esso e trova così con calma ma con forza i tuoi talenti.
Comincia ad ammirarti e piacerti attraverso la nuova consapevolezza di te.
La consapevolezza di te sarà come Arianna nel mito del Labirinto (conosci questa storia? Facciamo che tu sei Teseo, cioè l'Eroe e Arianna è la tua Anima che tiene il filo per non farti perdere e per farti tornare).
Quando uscirai dal Labirinto, sarai straordinariamente forte e interessante come persona.
Gli altri lo capiranno.
Non pensarlo come un lungo percorso, anzi...l'importante è iniziare con un piccolo passo..trova almeno qualcosa che ti interessa e coltivalo!!!
Un affettuoso augurio!
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6995 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 APR 2015

Cara Sorata
Lo sconforto e il tuo stato persistente di malessere mi inducono a pensare che dovresti trovare al più presto uno psicologo o uno psicoterapeuta che ti aiuti e ti accompagni in un percorso di ricostruzione della tua vita e che ti permetta di 'riconoscere le tue risorse e i tuoi personali punti di forza che ora da sola non sei in grado di vedere e di mettere a frutto.Ci sono nella scuola degli sportelli di ascolto condotti da psicologi ma anche presso le ULSS della tua città potresti trovare delle figure di riferimento senza che tua madre necessariamente lo venga a sapere.
Ti auguro ogni bene.

Dott.ssa Milena Angeli Psicologo a Padova

67 Risposte

39 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 APR 2015

Cara Sorata,
la tua giovane età mi impone dei limiti nel rispondere al tuo post, tuttavia, vorrei invitarti a non vivere nascostamente il tuo disagio perchè spesso le risposte che cerchiamo si trovano nel confronto con gli altri piuttosto che nel rincorrere in tondo i nostri pensieri. Se senti il bisogno di un aiuto e non solo di aiutare gli altri o di essere ascoltata e non solo di ascoltare chiedi, parlane, confrontati. Magari c'è uno psicologo nella tua scuola a cui puoi rivolgerti in prima battuta o un tutor. Prova a parlarne con tua madre così potrete valutare insieme altre possibilità.
Non essere così severa con te stessa.. e non precluderti le possibilità ..
Un caro saluto

Dssa Daniela Sirtori - Monza

D.ssa Daniela Sirtori Psicologo a Villasanta

246 Risposte

218 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Vedere più psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Altre domande su Crisi adolescenziali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16850

psicologi

domande 23750

domande

Risposte 85750

Risposte