Perché il mio bimbo di 5 anni non piange?

Inviata da Sonia il 11 set 2014 Psicologia infantile

Buongiorno. Sono la mamma di un bimbo di 5 anni molto intelligente, sensibile ed emotivo. Da quando era ancora piccolo si è distinto per momenti di permalosità e nervosismo. Ancora oggi quando qualcuno fa o dice qualcosa che non gli va si arrabbia e piange. Può essere anche uno scherzo o una battuta, ma lui non la coglie come tale. Idem se ci sono dei no o se gli si chiede di aspettare, si arrabbia e urla o piange. Non sempre si comporta così, dipende molto dal momento e dalla situazione che a mio parere lui vive in modo più o meno stressante. Sia io che il papà abbiamo provato in diversi modi a spiegargli e a fargli capire che non serve arrabbiarsi sempre e soprattutto per ogni cosa, ma non abbiamo ottenuto grandi risultati se non con il tempo e la crescita. Forse sbagliamo in qualcosa? Chiedo gentilmente dei suggerimenti per riuscire a fargli superare questo malessere che in certi momenti lo esasperano tanto. Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno Sonia, l'intolleranza alla frustrazione è sintomo di un disagio. Ha ragione nel riconoscerlo. Senza allarmismi le consiglio tuttavia alcuni colloqui psicologici. Le cause infatti possono essere molteplici, da specifiche peculiarità del bambino a dinamiche relazionali familiari disfunzionali.

Cordialmente,
dott. Alessandro Bertocchi Bentivoglio (Bo)

Dott. Alessandro Bertocchi Psicologo a Bentivoglio

93 Risposte

131 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Sonia. Vivere le emozioni nel modo adeguato non è una competenza innata, ma appresa nel contesto di vita e con il tempo...la rabbia e la tolleranza alla frustrazione sono emozioni spiacevoli ma in ogni occasione è necessario rinforzare la capacità di farvi fronte per affrontare la crescita e l'età adulta in modo funzionale. Vi sono professionisti capaci di lavorare con bambini così piccoli, con parole e strumenti adatti che potranno aiutare suo figlio ad avere strumenti per gestire tali emozioni. Verranno probabilmente anche analizzate le conseguenze che tali episodi producono, cioè che effetto hanno su di lei e su suo marito, come reagite, cosa fate, cosa gli dite ecc....
saluti

Dott.ssa Battilani Linda Psicologo a Maranello

14 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sonia,
leggo il tuo nome dall'invio. Qaundo ho letto il titolo del tuo post sono stato colto subito da un'immagine nella mia mente, un bambino che è solo e che nonostante la confusione non si muove e rimane fermo a giocare inconsapevole del mondo che lo circonda.
Leggendo per esteso la tua richesta mi sono accorto che questa immagine non coincideva con il bambino molto sensibile di cui leggevo.
Nell'infanza di tutti noi è stato normale avere dei periodi in cui si è più sensibili a tante cose. Se stai notando che il tuo bambino all'improvviso è cambiato e che è diventato tanto sensibile da reagire subito evidentemente stà tentando di dirti che qualcosa nel clima della casa o nella sua vita non stà cambiando.
Non mi dilungo con interpretazioni che potrebbero essere molto speculative; è tanto che lavoro nel campo della valutazione dell'infanzia che e spesso finchè non si osserva dal vivo qualche cosa non si è mai certi di quello che è o non è in movimento in quel momento.
Scusami se può sembrare brutto o molto forte ciò che ti scriverò; se ha qualche preoccupazione potresti rivolgerti allo psicologo del tuo consultorio familiare, del tuo medico di base o della neuropsichiatria infantile a te più vicina per poter mitigare tutti i dubbi.
Non so se avrò altre notizie di questa situazione e per questo spero che le cose andranno meglio.

Dr. Adriano R. Principe
Psicologo

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Sonia,
Vi siete consultati con gli/le insegnanti?. Ritengo fondamentale che tutti coloro che circondano il tuo bambino, si debbano occupare di lui, programmando degli interventi educativi adeguati. Potreste rivolgervi all'Equipe psico-socio sanitaria del vostro distretto scolastico, ma se preferisci rispettare la privacy, è indispensabile una consultazione di uno/a psicoterapeuta dell'Età Evolutiva. Sono a disposizione, se credi.
Dottssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

615 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77150

Risposte