Perché durante una litigata si piange e la voce si strozza?

Inviata da Marika. 1 dic 2015 6 Risposte  · Assertività

Buongiorno.
Sono molto frustrata. Ho 24 anni e vivo in casa con i miei genitori. Ho una domanda da porre: Esiste una terapia comportamentale per gestire il proprio autocontrollo durante una litigata? Mi spiego meglio.
Spesso litigo con i miei genitori... E ogni volta che la situazione si accende io comincio a lacrimare e la voce mi si strozza, cosi da non riuscire più a continuare. I miei in quel momento mi prendono x un'attrice che vuole solo fare la vittima, ma io so che in realtà mi viene spontaneamente. Sopratutto quando vedo che non mi credono o non vogliono capire cosa intendo dire. Ovviamente le lacrime non mi aiutano perché sminuiscono il mio "battermi" e lasciano intendere che non ho più cartucce e dunque corro in ritirata, sempre a parer loro. È molto frustrante la cosa. E mi capita solo quando ho da dire con loro, non con terzi. Finisce sempre che me ne devo andare perché sono un fiume in piena e loro, naturalmente non capiscono e la mia battaglia è persa, perché non gli è rimasto nulla del mio discorso, sempre costantemente interrotto da loro, vedendo la mia "debolezza psicologica", anche se non è appropriato chiamarla cosi.
Avete qualche consiglio da darmi? Vi ringrazio tanto.

genitori , consiglio , capire

Miglior risposta

Buonasera.
Quello che traspare dalla sua lettera è che lo scontro con i suoi genitori è emotivamente per lei molto forte. Fino a farle emergere, incontrollate, emozioni che poi non riesce ad esprimere con la voce e che probabilmente non riesce nemmeno a nominare.
Un fiume in piena che la strozza e che le fa sgorgare lacrime incontrollabili. Pertanto ne il suo pensiero ne il suo sentire riesce ad esprimersi come lei desidererebbe.
Ed è normale che questo non succeda in altre situazioni.
A quanto vedo il suo rapporto con i suoi genitori è molto teso e la comunicazione non è ne fluida ne chiara. Si sente molto poco compresa da una parte e sente di non riuscire ad esprimersi dall'altra. Un sorta di gatto che si morde la coda.
Al di là di strategie per riuscire a controllare questo fiume in piena quando sta uscendo, io la inviterei a cercare, magari attraverso l'aiuto di qualcuno, di mettere in ordine le sue emozioni, che nei momenti di scontro escono tutte insieme. Questo potrebbe aiutarla a riuscire maggiormente ad entrare in contatto con loro, per poterle gestire meglio nei momenti di rabbia e scontro. E magari potrebbe anche riuscire a farle emergere anche quando non sta litigando con i suoi genitori.
Andrea Redaelli
psicologo psicoterapeuta

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Cara Marika,
durante una discussione si provano emozioni che possono essere intense e attivare l'organismo in modo altrettanto intenso. Accadono, quindi, fenomeni come la voce strozzata e il pianto che dipendono dall'attivaione fisiologica intensa.

Può imparare a gestire le emozioni e a comunicare facendosi rispettare facendosi aiutare da uno psicologo. E' possibile avviare una consulenza presso consultori o professionisti privati. I professionisti privati, talora, svolgono anche consulenze online.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

3 DIC 2015

Logo Dott.ssa Francesca Fontanella Dott.ssa Francesca Fontanella

1030 Risposte

2008 voti positivi

Carissima,
credo che il tuo disagio dipenda da un non realizzato processo di separazione dalle figure primarie. Pertanto, a mio avviso, dovresti avvalerti della relazione terapeutica di un professionista con formazione psicodinamica. In seguito, la stessa relazione potrebbe essere contestualizzata in un gruppo . A disposizione per eventuali altre informazioni, qualora necessarie
Dott.ssa Carla Panno
Milano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

3 DIC 2015

Logo Dott.ssa Carla Panno Dott.ssa Carla Panno

1057 Risposte

610 voti positivi

Gentile Marika,
Rispondo subito in modo affermativo alla Sua domanda. Si, esistono tecniche cognitivo comportamentali in grado di aiutarla a gestire le emozioni che la bloccano quando si trova a confliggere con i suoi genitori.
Dall'Assertivita', che è una tecnica di comunicazione con cui si apprende ad esprimere e far valere il proprio punto di vista nel pieno rispetto delle proprie idee e dell'altro, all'Autocontrollo passando per un rafforzamento dell'Autostima e molto altro ancora.
Nell'ambito di un percorso terapeutico o di sostegno psicologico, Lei potrebbe appropriarsi di questi strumenti per riuscire a gestire in modo più appropriato le situazioni di conflitto che al momento La sconvolgono.
Un cordiale saluto,
Dr.ssa Giovanna Pasquarelli

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

3 DIC 2015

Logo STUDIO P e P delle dottoresse C. Paoloni e G. Pasquarelli STUDIO P e P delle dottoresse C. Paoloni e G. Pasquarelli

14 Risposte

18 voti positivi

Marika
devi tenere presente che soprattutto nelle litigate tra genitori e figli, l'impatto emotivo è fortissimo e dunque quello che ti capita è del tutto naturale.
Ovviamente i genitori restano più controllati emotivamente in quanto loro sono entrati nella fase di "smorzamento" emotivo anche perché hanno il "potere" per rimanere tranquilli (o quasi), mentre le rivendicazioni o le novità sei tu a portarle e sei tu che lotti... poi loro sono in due!
Sarebbe davvero molto importante per te acquisire quella autorevolezza per poter portare le tue ragioni senza attacchi d'ira e con sicurezza tale da farli rimanere allibiti e tu ne usciresti enormemente rafforzata nella tua autostima.
Se tu avrai la motivazione giusta e la voglia di svolgere un percorso di psicoterapia volto alla gestione delle emozioni e all'acquisizione di sicurezza e autostima, ti troverai rafforzata e con padronanza anche nelle "liti" (che poi saranno discussioni) coi tuoi genitori e in moltissimi altri ambiti di vita.
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

3 DIC 2015

Logo Dott.ssa Silvana Ceccucci Dott.ssa Silvana Ceccucci

3084 Risposte

6632 voti positivi

Gentile Marika,
il consiglio è di iniziare un percorso di psicoterapia che la aiuti a gestire meglio le sue emozioni in modo che non le impediscano di esprimere i suoi pensieri con delle buone argomentazioni.
Si tratta di acquisire una maggiore assertività senza sconfinare nell'aggressività da una parte e senza farsi travolgere dalle emozioni dall'altra.
A dirla tutta, l'emozione prevalente che la fa scoppiare a piangere nel bel mezzo della discussione è sicuramente la rabbia che non potendo (per fortuna)
esitare in acting-out aggressivi viene espressa col pianto, che per giunta non serve nemmeno per rabbonire i suoi genitori e questo è un motivo in più per canalizzarla in modo diverso e più utile.
Occorrerebbe tuttavia conoscere i motivi di questa grande conflittualità che scatena gli scontri perchè non è scontato che siano necessariamente in torto i suoi genitori.
Pertanto, a prescindere da queste ed altre considerazioni, lei farebbe bene a non innescare l'escalation durante i litigi anche perchè nel ruolo di figlia gestisce meno potere e quindi non le conviene lo scontro frontale.
Può invece, in questi momenti, cogliere l'occasione per sforzarsi di esercitare il suo self-control.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

2 DIC 2015

Logo Dott. Gennaro Fiore Dott. Gennaro Fiore

6244 Risposte

17449 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Mio figlio piange sempre!

3 Risposte, Ultima risposta il 22 Maggio 2017

post rottura di coppia

5 Risposte, Ultima risposta il 24 Maggio 2013

La mia compagna e le sue bugie

1 Risposta, Ultima risposta il 05 Febbraio 2019

Come capire se è un manipolatore?

3 Risposte, Ultima risposta il 22 Dicembre 2018

Forse ho brucciato l'occasione della mia vita. Come rimediare?

5 Risposte, Ultima risposta il 23 Giugno 2015

Rapporto tormentato con una donna, come gestirlo?

5 Risposte, Ultima risposta il 09 Dicembre 2015

Sono un'illusa o c'era un po di amore?

3 Risposte, Ultima risposta il 04 Marzo 2016

Un consiglio sulla mia ex relazione, come portarmi, lui cosa farà?

2 Risposte, Ultima risposta il 25 Novembre 2016

Mi sembra di non vivere davvero, la mia vita è inutile

2 Risposte, Ultima risposta il 18 Aprile 2019