Pensieri strani e terapia

Inviata da Dida · 7 apr 2016 Orientamento professionale

Buonasera, sono una ragazza di 23 anni e vado in psicoterapia da sei mesi.
Mi trovo molto bene e sono convinta che si sia attivato il transfert di tipo positivo. È una psicoterapeuta molto brava, gentile, professionale, la adoro!
Detto questo, è da qualche mese che spesso masturbandomi penso alla terapia, mi spiego meglio, non alla terapeuta nel senso dell'attrazione sessuale, ma al setting, alla cura, a ciò che lei rappresenta per me. Appunto perché io sia a conoscenza del transfert mi sono fissata immaginandomi di essere arrivata ad un punto della terapia in cui si stia "ripetendo la fase edipica" dell'età in cui appunto io praticavo autoerotismo, e sembra che si sono come risvegliate delle pulsioni infantili tutt'ora. A volte penso di volerlo fare in questi mesi non più soltanto per piacere personale ma perché si stiano attivando queste dinamiche. (Ho sempre il desiderio di masturbarmi). E il piacere lo provo. È una paranoia? Una resistenza? Un'ossessione? Che cosa sto proiettando verso di lei?
Tra l'altro mi masturbo,( anche se con questi pensieri ) con più naturalezza, e con più frequenza rispetto a prima della terapia in cui mi sembrava una pratica "da non fare" perché triste, e mi chiedevo se fosse normale per una ragazza aver voglia di farlo da sé perché sottolineava il mio stato di solitudine, senza un ragazzo che potesse farmelo.
Per me la mia terapeuta rappresenta proprio un modello di femminilità a cui aspirare sotto tutti gli aspetti. Potrebbe essere collegato anche a questo il pensiero verso di lei e verso la terapia quando ho desiderio? Non vorrei sfociasse in un pensiero ossessivo. Non trovo il nesso, perché non provo attrazione sessuale, non sono omosessuale, penso a lei solo come modello.
Vorrei solo dare un significato ai miei pensieri attuali e al collegamento con la terapia.
Mi direte di parlarne con lei, certo capirà, ma è imbarazzante affrontare l'argomento. Mi sento anche in colpa a chiederlo a voi e non a lei direttamente, perché a lei dico tutto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 8 APR 2016

Gentile Nessy,
lei parla della psicoterapia sottolineando il transfert positivo con la sua terapeuta che rappresenta per lei un modello di femminilità e parla della sua pulsione a masturbarsi con maggiore frequenza e piacere da quando ha iniziato questa esperienza.
Intanto mi sembra evidente che l'autoerotismo, specie nella post-adolescenza e nell'età matura, è una alternativa di ripiego alla mancanza di una relazione affettivo-sentimentale-sessuale.
In questo senso interpreto anche il suo desiderio di masturbarsi pensando alla psicoterapia e alla sua terapeuta.nonostante la sua dichiarata non-omosessualità.
Poi mi chiedo quali sono i temi vivi e le problematiche che l'hanno motivata a fare un percorso di psicoterapia e mi viene il dubbio che possano essere temi inerenti proprio alla sessualità.
Pertanto sarebbe auspicabile avere più informazioni in merito.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7538 Risposte

21080 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 GIU 2017

Buongiorno,

sono certa che la sua terapeuta, che conosce la sua storia meglio di noi, non avrà difficoltà nel gestire questo tipo di episodi, ma valorizzerà la sua richiesta e il suo bisogno di interpretare questo fenomeno per fini terapeutici.

Buona giornata
Dott.ssa Ilaria Albano
Psicologa a Roma

Dott.ssa Ilaria Albano Psicologo a Milano

269 Risposte

330 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 APR 2016

Cara Nessy
nella tua lettera ho trovato tante domande giuste da farsi (in questa situazione) e le risposte giuste che da sola ti sei data.
Se queste risposte non le avessi trovate da te, io ti avrei risposto al tuo stesso modo.
Ora solo una cosa voglio dirti: apriti e parlane con la tua psicologa e dì a lei la tua riflessione che hai scritto a noi.
Non vergognarti, in psicoterapia si può, anzi, si deve, parlare di queste cose.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7335 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 APR 2016

Nessy,
lei parla della psicoterapia sottolineando il transfert positivo con la sua terapeuta che rappresenta per lei un modello di femminilità e parla della sua pulsione a masturbarsi con maggiore frequenza e piacere da quando ha iniziato questa esperienza.
Intanto mi sembra evidente che l'autoerotismo, specie nella post-adolescenza e nell'età matura, è una alternativa di ripiego alla mancanza di una relazione affettivo-sentimentale-sessuale.
In questo senso interpreto anche il suo desiderio di masturbarsi pensando alla psicoterapia e alla sua terapeuta.nonGentile ostante la sua dichiarata non-omosessualità.
Poi mi chiedo quali sono i temi vivi e le problematiche che l'hanno motivata a fare un percorso di psicoterapia e mi viene il dubbio che possano essere temi inerenti proprio alla sessualità.
Pertanto sarebbe auspicabile avere più informazioni in merito.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7538 Risposte

21080 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 APR 2016

Buonasera Nessy, paradossalmente credo che la sua attitudine a voler comprendere i collegamenti tra questo suo momento di nuova scoperta di Sé e la terapia, sia il concetto da evidenziare maggiormente. Non la masturbazione in sé, né se orientata (implicitamente) alla sua terapeuta, o altro. La psicoterapia, in generale, ha come obiettivo (almeno secondo me) principe proprio una comprensione "diversa" da quella che solitamente ci proponiamo (propiniamo). Poi, anche intervenire sulle nostre esistenze per migliorare la qualità di vita percepita. Non credo sia utile vedere l'autoerotismo solo in chiave negativa, anzi, se compreso, nelle sue varie forme, è una espressione ulteriore ed ancora più emotiva della propria identità. Dunque, con tutto il pudore che posso comprendere, ma sarebbe molto utile parlarne con la sua terapeuta in quanto, oltre a fornire ulteriori nuove informazioni, ma offrirebbe anche una nuova emotività, che sta nascendo e si sta strutturando (in parte, con questa espressione) e, dunque, ha un altissimo valore clinico e terapeutico.
Buona fortuna
dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista-Postrazionalista Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo a Roma

734 Risposte

1147 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 APR 2016

Gentile Nessy,
la masturbazione potrebbe anche essere collegata alla scoperta di una nuova vitalità, in lei. Sessualità e vita sono due elementi che, ci insegna Yalom, vanno a braccetto.

Cosa ne pensa? Cosa ne penserebbe la sua terapeuta?

Come ha ben osservato, potrebbe essere utile parlarne con lei. Cosa immagina potrebbe ottenere da un momento di condivisione in cui parlare di femminilità, sessualità, masturbazione?

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2110 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento professionale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento professionale

Altre domande su Orientamento professionale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102250

Risposte