Pensieri e immagini intrusive, aiuto!

Inviata da Claudio · 17 ago 2015 Disturbo ossessivo compulsivo

Salve,
sono circa 8 giorni che avverto strane sensazioni. Tutto è cominciato il 7 agosto, 2 giorni dopo che ho avuto paura di aver messo messo incinta la mia ragazza. Tutto quel giorno era stato bellissimo, ma poi è arrivata l'ansia per quella cosa, guardandola ho avuto una strana sensazione, come se non la volessi più. Due giorni dopo mi è balenato nella testa un pensiero come "a settembre la lascio" ma non voluto, una sorta di pensiero intrusivo. Nei giorni successivi la cosa si è amplificata e hanno cominciato a venirmi anche pensieri omicidi e suicidi, sempre intrusivi, e anche immagini intrusive. In più mi è tornata in mente la mia vecchia ragazza e stamattina ho avuto come la sensazione che mi piacesse ancora ma così non è, perché so di essere ancora innamorato della mia ragazza e di odiare quella vecchia. Non so più cosa fare, tutti questi pensieri mi fanno stare malissimo e anche la mia ragazza ci sta male. Io amo lei e non vorrei lasciarla per nulla al mondo. Può essere che ho un DOC da relazione?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 AGO 2015

Gentile Claudio,
è possibile che questi pensieri che lei definisce come intrusivi possano essere stati scatenati dall'idea della paternità e dalle conseguenze/implicazioni che una gravidanza potrebbe avere. Le informazioni che però fornisce in merito a sé sono poche per formulare qualsiasi ipotesi, mancano informazioni sulla sua età, sul periodo che sta attraversando in generale, sulla natura del rapporto con la sua attuale ragazza e con la precedente, sulla sua modalità di gestire le situazioni stressanti, su eventuali pregressi episodi analoghi accorsi in passato. Potrebbe quindi esserle utile richiedere una consulenza psicologica al fine di fare questi approfondimenti, di interpretare e spiegare quello che le sta accadendo e acquisire strumenti e strategie che le consentano di gestire la situazione contingente.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Stefania Valagussa

Dott.ssa Stefania Valagussa Psicologo a Concorezzo

251 Risposte

1040 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 AGO 2015

Caro Claudio,
la prima cosa da fare è chiedere alla tua ragazza di fare un test di gravidanza (dosaggio della beta-HCG da prelievo ematico) per non far crescere magari le tue ansie sul nulla.
A parte ciò, i sintomi che hai descritto si inquadrano in una struttura di personalità sul versante rigido che, contrariamente a quanto potrebbe far pensare il termine "rigido" significa personalità fragile.
La tecnica di rilassamento e l'invito a non alimentare i pensieri intrusivi che ti ha dato lo psicologo che hai consultato non possono essere sufficienti a risolvere il tuo problema in maniera devinitiva semplicemente perchè non basta una sola seduta ma occorre un percorso di terapia e non credo che ciò non ti sia stato detto.
La maggior parte delle persone ha l'idea che l'aiuto della psicoterapia sia quello che viene andando sporadicamente dallo psicologo nei momenti di crisi acuta ma non è così!
Sta a te decidere se vuoi accontentarti di quello che ti è stato detto in quel primo contatto terapeutico o fare le cose per bene.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio Campagna (Salerno)

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7340 Risposte

20670 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 AGO 2015

Gentile Claudio,
si rivolga ad un terapeuta a lei vicino, potrà sicuramente aiutarla a dare un nome e un significato a tali pensieri. Approfondire la questione, andando oltre il sintomo d'ansia, le permetterà di allargare la sua consapevolezza e conoscenza di sè.
I miei auguri di ogni bene.

Dr.ssa Fabiola Santicchio

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 AGO 2015

Sono andato oggi da uno psicologo e ha detto che sono in un grande stato d'ansia e mi ha dato un esercizio per la respirazione e mi ha detto che devo mettere i pensieri fuori dalla porta...

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 AGO 2015

Gentile signor Claudio, credo che si siano due cose importanti nella sua richiesta di aiuto, la riflessione che sta facendo su di sè e sul suo rapporto con la sua attuale ragazza e il mettersi in discussione con il suo passato e quello che attualmente sta provando in termini di disagio psicologico (ansia, pensieri intrusivi, stati d'animo contrastanti). E il fatto che si sia messo in discussione con la complessità del suo passato lo vedo come un fatto estremamente positivo, seppur non semplice da vivere. Spesso la vita ci mette nelle condizioni di affrontare situazione nuove e ognuno reagisce in modo diverso, nel suo caso lei sta cercando di elaborare il suo timore di aver messo incinta la sua ragazza con pensieri ricorrenti, quasi nel tentativo di risolvere il suo timore pensandoci sempre. Questo però, da quello che leggo, non porta ad una risposta o ad una risoluzione, bensì ad un sintomo ricorrente e fastidioso e da qui nasce il disagio. Da qui la sua necessità di confrontarsi con un professionista, il dialogo terapeutico, infatti, al contrario dei pensieri ripetitivi apre alla comprensione e il confronto con uno psicoterapeuta aiuta a comprendere la natura e quindi la risoluzione del disagio stesso.
Cordialità
Di Renzo Antonietta- Verona

Dott.ssa Antonietta di Renzo Psicologo a Verona

38 Risposte

14 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 AGO 2015

Caro Claudio,
è probabile che la nuova preoccupazione ti stia addossando di responsabilità che nel presente non sei nelle condizioni di sostenere e che ti richiedono comunque di cercare una soluzione sicuramente conflittuale. Si tratta di un sosseguirsi incessante di richieste stressanti determinate da un principio di realtà che stai iniziando a rifiutare attraverso fantasie difensive che hanno l'effetto di complicare il tuo equilibrio psicologico. Pertanto hai bisogno di un sostegno di qualche mio/a collega della tua zona che ti accompagni nella ricerca di una 'via di uscita', vale a dire pensare meno ed agire in modo adeguato. Nel frattempo resto a tua disposizione per ulteriori comunicazioni. Un caro saluto
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

671 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 AGO 2015

Gentile Claudio,
le consiglio di rivolgersi ad un esperto psicoterapeuta a lei vicino e parlare con lui approfonditamente dei sintomi che accenna nel testo. Una consulenza ed eventualmente un percorso clinico potrà sicuramente aiutarla ad allargare la consapevolezza e conoscenza di sé, andando oltre il sintomo d'ansia.
I miei migliori auguri.
Dr,ssa Santicchio

Dott.ssa Fabiola Santicchio Psicologo a Potenza

18 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 AGO 2015

Caro Claudio,

il DOC da relazione non esiste, ma il disturbo ossessivo-compulsivo si.
Per comprendere se si tratta di ossessioni è necessaria però una valutazione psicologica contattando un Collega di persona.
Gli eventi da lei descritti sono tipici di persone ansiose che tendono a controllare rigidamente le proprie emozioni e difficilmente tollerano cambiamenti e/o pensieri se non sono in linea con il loro modo di concepire situazioni, relazioni ecc.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicoanalitica

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

769 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 AGO 2015

Carissimo Claudio,
indubbiamente la causa scatenante di questi suoi pensieri e' stata la possibile paternità.
Le consiglio di rivolgersi ad un terapeuta sella sua zona, magari psicoanalista lacaniano, in modo da poter affrontare il suo disagio e la sua confusione.

Un caro saluto
Dott.ssa Daniela Fornari

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

395 Risposte

438 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Vedere più psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Altre domande su Disturbo ossessivo compulsivo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27700

domande

Risposte 95500

Risposte