Pausa di riflessione dopo 6 anni

Inviata da Tommy · 6 ott 2015 Terapia di coppia

Salve,
sono un ragazzi di 27 anni, e sto affrontando un periodo particolarmente difficile: la mia ragazza, 24enne, con la quale sono fidanzato ufficialmente da 6 anni, mi ha chiesto una pausa.
Siamo giunti a questa decisione ( di comune accordo) dopo che le ultime due settimane si sono rivelate particolarmente difficili: ogni qualvolta ci sentivamo al telefono, o uscivamo, e si parlava del suo lavoro (lei attualmente lavora, io sono in cerca), lei mi raccontava della sua esperienza, della sua gioia, dei complimenti di colleghi e colleghe per il lavoro svolto. Forse per un moto di orgoglio, forse per il fatto che io mi senta "in difetto" nei suo confronti data la mia provvisoria disoccupazione, io rispondevo ai suoi racconti in maniera ironica, pungente, quasi cattiva, con continue frecciatine e riferimenti. Questo, ovviamente, accompagnato dalla mia quasi totale mancanza di complimenti nei suoi confronti per il lavoro svolto (come se volessi privarla di un possibile elemento di vantaggio verso di me), rendeva le nostre telefonate e le nostre uscite più tese e incerte. La situazione, protrattasi in questo periodo, ha portato la mia fidanzata a non sentire più passione e spinta fisica verso di me.
Non solo. Poiché lei sta ottenendo bellissimi risultati nella sua esperienza lavorativa ( è una donna magnifica: intelligente colta e bellissima), tendo nell'ultimo periodo a magnificare invece le mie esperienze (studi, master, esperienza lavorativa all'estero), apparendo così ai suoi occhi come presuntuoso e arrogante.
Non aiuta nemmeno il mio carattere, essendo una persona piuttosto egocentrica, accentratrice e, diciamolo, ambiziosa.
Ora siamo così giunti ad una pausa. Lei ha ribadito di amarmi, ma sente in lei la mancanza di una spinta fisica al bacio e al contatto, e ha chiesto questa pausa proprio per voler ritrovare uno slancio nei miei confronti. Vorrebbe anche poter ritrovare il mio lato allegro e gioviale, quello meno "formale", che a suo dire ormai ho perso, sostenendo che in quest'ultimo periodo ha ritrovato la sua parte più felice, allegra e spensierata grazie alle colleghe del suo ufficio.
Io mi ritrovo qui a chiedere un parere: potrebbe davvero servirci questa pausa? Potrebbe giovare ad una storia che, pur avendo altri e bassi, ci ha visto sempre uniti nonostante le tante avversità affrontate? E perché lei mi contesta di essere "troppo perfetto"?? io farei di tutto per lei, perché la ritengo la donna della mia vita, e per questo mi sono sempre comportato nei suoi confronti nella miglior maniera possibile, proprio per essere il suo "principe azzurro".

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 OTT 2015

Gentile Tommy
i miei complimenti per la lucidità con cui analizza la situazione. Sembra anche a me che si sia creata tra voi una sorta di competizione in cui dovesse essere decretato il vincente e il perdente. L'esito di questa escalation simmetrica è stata la richiesta di una pausa di riflessione, avanzata dalla sua ragazza.
Mi sembra di capire, Tommy, che la sua aggressività si sia acuita in quanto si sentiva lei il perdente in questo momento della vostra storia.
Qualunque sia l'esito di questa pausa, che lei secondo me non può far altro che accettare e sopportare, con tutto il carico di sofferenza che ne deriva, essa è già stata molto utile, se non alla coppia, a lei, Tommy, in quanto l'ha portata appunto a riflettere sulle modalità con cui si com-pone con la sua ragazza, sul suo bisogno di occupare a tutti i costi una posizione di reale o presunta superiorità.
Che cosa si sente di costruire (per se stesso) su queste nuove preziose consapevolezze?
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania D'Antuono - Venezia

Dott.ssa Anna Stefania D'antuono Psicologo a Venezia

141 Risposte

480 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 OTT 2015

Salve Tommy,
come consulente di coppia le posso dire che si deve essere instaurato in lei un meccanismo atavico di voler mantenere il suo ruolo di "forte della coppia", sminuendo però di fatto i risultati della sua compagna.

Questo ha provocato in qualche modo un meccanismo non tanto di sana competizione ma ha fatto sì che emergessero invece le sue insicurezze e il suo lato narcisista, che è stato anche un po' infantile e perfido.
Sentirsi continuamente criticati dal partner anche quando si fa bene, fa sentire sminuiti e quindi la ragazza dicendole che lei è "troppo perfetto" le ha dato un doppio messaggio da un lato forzarla a riflettere sul suo modo di vedersi...semplificando "visto che sei tanto perfetto e hai sempre tanto da ridire/criticare e sei meglio di me, si vede che io per te non sono abbastanza"...e dall'altro che se lei si basta "quindi che senso ha stare insieme?".

Oltretutto le stava togliendo un momento di crescita personale felice, quando si ama una persona si è felici con e per lei e non contro...

Valuti di approfondire la problematica con un collega, perché se non si è mai presentata ad oggi anche nelle amicizie, vuol dire che lei ha delle sue debolezze/fragilità che può imparare a gestire, perché a meno di trovare una persona insicura e sottomessa (quindi non la tipologia della ragazza con cui è in pausa) che colluda con questo suo comportamento, è possibile che si trovi ancora nella medesima situazione.

Diciamo che per ritenerla la donna della sua vita, in questo particolare momento non glielo ha davvero dimostrato, se ne ricordi la prossima volta che le viene l'impulso di sminuire qualcuno accanto a sé...

Cordialmente

Claudia Popolillo - Studio Logos Psicologo a Lodi

213 Risposte

227 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 OTT 2015

Gentile Tommy,
credo che questa pausa, nella quale mi pare ci capire che si è un po' "ritrovato", le stia servendo per comprendere meglio certe sue dinamiche, oltre a confermare il profondo sentimento che la lega alla sua ragazza.
Faccia tesoro di questa esperienza, "lavorando" sulle caratteristiche delle quali parla: egocentrismo e desiderio di accentrare.
Questi suoi lati potrebbero recarle nuovi dissapori e momenti di litigio o sofferenza. Infine ritengo che una riflessione meriti questa competizione. Cosa si nasconde dietro di essa? Senso di inferiorità? Paura di non essere all'altezza? Si apra emotivamente, anche con la sua fidanzata, e sono certa che potrete superare questo momento.

Un cordiale saluto,
Dott.ssa Beatrice Lazzeri
Firenze, Empoli

Dott.ssa Beatrice Lazzeri Psicologo a Prato

24 Risposte

14 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 OTT 2015

Gentile Tommy,
lei si riconosce un sacco di difetti e poi si meraviglia che dopo magari aver sopportato per anni, la sua ragazza le ha chiesto una pausa di riflessione?
Lei ha parlato di orgoglio ferito e di sentirsi in difetto per essere al momento senza occupazione ma le sembra che questi siano dei buoni motivi per deridere o svalutare il lavoro della sua ragazza?
Forse lei ha tirato troppo la corda e ha deluso la sua ragazza in qualcosa alla quale teneva molto sicchè col suo raffreddarsi rispetto al contatto fisico e col dirle che lei " è troppo perfetto" la sua ragazza sta garbatamente prendendo le distanze da lei.
Se non corre subito ai ripari e non corregge i suoi atteggiamenti è molto probabile che la perderà nonostante la sua buona fede.
Un buon modo per correre ai ripari è quello di intraprendere una psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7134 Risposte

20297 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 OTT 2015

Caro Tommy,
ci chiede se questa pausa possa giovare alla vostra relazione.
Non possiamo prevedere il futuro, ma solo osservare il presente.

In questo momento avete scelto la pausa a fronte di un meccanismo, tra voi, che vi poneva in una sorta di competizione. Potrebbe essere successa una cosa di questo tipo: si sono scontrati il suo orgoglio e il suo desiderio di avere un ruolo di primo piano nella relazione e la volontà della sua ragazza di dare valore alla sua esperienza lavorativa.

L'esito è un senso di inadeguatezza da entrambe le parti che porta lei a chiedersi in cosa ha sbagliato e come recuperare l'autostima e che ha portato la sua ragazza a staccarsi per mantenere l'autostima guadagnata con la sua nuova esperienza di lavoro.

Le è successo in altre occasioni di essere ritenuto "troppo perfetto" e venire lasciato solo per questo?

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella



Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2074 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88400

Risposte