Paura Ossessiva Psicosi

Inviata da Alessio · 28 mag 2019 Crisi adolescenziali

salve a tutti egregi dottori e grazie anticipatamente per l’attenzione. era da tanto che volevo esprimermi a riguardo ma non ne ho mai avuto il coraggio, ma ora credo di avere raggiunto il limite.
sono un ragazzo ed è da circa 2 anni che condivido la mia quotidianità con una perenne ipocondria e credo che da essa abbia sviluppato un leggere disturbo ossessivo compulsivo, ma è solo una autodiagnosi, quindi non ne sono certo. ho avuto a che fare con la paura di innumerevoli malattie, sopratutto quelle più gravi: cito le varie sclerosi multipla, sla, tumori, tetanica, aneurisma cerebrale e addirittura sono arrivato ad aver paura di aver contratto la peste. non vorrei dilungarmi troppo per non esaurire la vostra pazienza, quindi vorrei arrivare al punto: questa volta è il turno della paura della schizofrenia. tutto cominciò quando mi sono imbattuto in un sito in cui si diceva che i cannabinoidi, usati in età minore ai 21 anni, potrebbero provocare una psicosi. giustamente ho smesso di fumare (ero solito a fumare 1 volta, massimo 2 a settimana, da circa 8 mesi) ed ora sono tre settimane che non tocco nulla; ma nonostante questo la paura di una psicosi non è passata. ogni giorno mi fermo ad ascoltare ogni singolo suono cercando di capire se sia reale o prodotto della mia mente e inoltre, è come se ogni movimento catturasse involontariamente la mia attenzione. mi capita spesso di scorgere qualcosa con la coda dell’occhio o captare minimi movimenti sempre con l’ansia che siano sintomo di qualcosa. ho notato anche che ogni tanto mi capita di vedere fasci di luce o puntini ed esso mi inquieta molto. di solito sono sempre riuscito a superare momenti di ansia del genere, ma questa volta ho raggiunto il fondo siccome ogni giornata è davvero compromessa da questa paura e più cerco di non pensarci più i pensieri mi assillano la mente. scusate per il messaggio molto lungo ma avevo un po’ bisogno di sfogarmi. inoltre, vorrei chiedervi: ho letto che la schizofrenia ha, nella maggior parte dei casi, come sintomi iniziali l’isolamento sociale e di depressione e sono cose che non provo, questo implica che non mi debba preoccupare o sono soltanto casi? grazie mille per l’attenzione e scusate per il lungo messaggio ma avevo veramente bisogno di sfogarmi. attendo risposte a presto, arrivederci.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 29 MAG 2019

Buongiorno Alessio, tutte queste paure sono alimentate da una forte ansia, a cosa sia dovuta questa faccio fatica a dirlo, non ho informazioni e occorrerebbero dei colloqui. Per cui potresti rivolgerti al servizio pubblico , ad un consultorio per cominciare ad affrontare la questione. L'uso dei cannabinoidi potrebbe avere tutta una serie di effetti, ma aspetterei prima di parlare di schizofrenia.

Resto a disposizione.

Dott.ssa Luigia Cannone Psicologo a Rimini

140 Risposte

91 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 MAG 2019

Buongiorno Alessio,
i sintomi che descrive potrebbero essere dovuti a diverse cause; è necessario che faccia un colloquio con uno specialista che potrebbe essere una psicoterapeuta e una psichiatra.
E' importante che si rivolga a qualcuno affinchè i sintomi non peggiorino a non portiano ad una vera e propria patologia.
non abbia paura di un colloquio, può esserle d'aiuto e dare acnhe dei chiarimenti.

Dott.ssa Cristina Quaranti Psicologo a Bolzano

13 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 MAG 2019

Gentile Alessio, come la collega penso che stia vivendo un disturbo d'ansia a a livelli veramente preoccupanti. Mi chiedo che cosa le impedisca di avviare al più presto una psicoterapia. L'ipotesi di ammalarsi di schizofrenia dopo aver fumato mi pare veramente poco probabile, ma a cosa servono le nostre rassicurazioni se lei ha "deciso" di angosciarsi? Andrebbe valutata tutta la sua vita, se è soddisfacente sul piano affettivo, professionale, e così via. Ma argomenti tanto vasti non possono essere affrontati qui.
Dovrebbe inoltre imparare una tecnica di rilassamento come la meditazione mindfulness, che ha avuto un successo travolgente a livello clinico negli ultimi anni. Per questo però occorre almeno frequentare un gruppo od un terapeuta di tipo cognitivo-comportamentale.
Un cordiale saluto
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

944 Risposte

382 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Vedere più psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Altre domande su Crisi adolescenziali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88400

Risposte