Paura ed attacchi d'ansia perché non ricevo attenzioni da chi mi ama

Inviata da Giuseppe23 · 8 apr 2016 Attacchi di panico

Da un po' di tempo soffro di continui attacchi di ansia, seguiti da sconforto e da panico con crisi di pianto perché non sento di ricevere le attenzioni che richiedo da parte della mia compagna. Non riesco a sentirla vicina ed ogni volta che si allontana da me mi sento sperduto. Sento che sto rovinando la mia e la sua vita. Per provare a sentirmi meglio e spegnere il cervello ho iniziato a bere e a fumare e non sto riuscendo a smettere. Come posso fare per smettere di stare male con me stesso e con lei?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 8 APR 2016

Gentile Giuseppe, ha provato a parlarne con la sua compagna di questo suo malessere? Potreste valutare magari un percorso di sostegno psicologico di coppia, oppure iniziare un suo percorso individuale da un terapeuta del suo territorio per affrontare questo suo disagio.
Cari saluti
Dott.ssa Barnaba - Taranto

Dott.ssa Barnaba Valentina - psicoterapeuta Psicologo a Taranto

94 Risposte

304 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 APR 2016

Caro Giuseppe
il fatto che tu abbia cominciato a compensare il problema col bere e col fumare è un fatto assai grave; questo comporterà nuovi problemi e consoliderà i vecchie e, inoltre, non sarà quello il modo per farti amare di più o per far in modo che la tua ragazza sia più affettuosa, anzi, potresti perderla davvero.
Quindi qual'è il modo giusto?
Solo uno, andare in psicoterapia ed affrontare il problema alla radice.
Coraggio, non perdere altro tempo e telefona ad uno psicoterapeuta.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6957 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 APR 2016

Gentile Giuseppe,
È opportuno che di tutto ciò che le accade, ne parli con uno psicologo o psicoterapeuta in zona. Questo, anche al fine di salvare, se lo riterrà necessario, la sua relazione e di porre fine ad agiti, come quello di bere, apparentemente calmanti per lei al momento, ma deleteri se protratti nel tempo.
Cordialmente
D.ssa Lorena Di Benedetto - Catania

Dott.ssa Lorena Di Benedetto Psicologo a Catania

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 APR 2016

Caro Giuseppe,
se, oltre alla tua, stai rovinando anche la vita della tua compagna, forse è comprensibile che, per autodifesa, lei si allontani da te!...
Facendo un ragionamento più serio, per provare a sentirti meglio non dovresti spegnere il cervello danneggiandolo con fumo e alcool ma dovresti affrontare il problema delle tue ansie con uno psicoterapeuta per comprenderne le origini e mettere in atto la cura adatta che può consistere in una psicoterapia individuale o di coppia.
Prova dunque a chiedere alla tua compagna se è disposta ad accompagnarti dallo psicologo ed a partecipare alle sedute e, se non dovesse essere disponibile, cerca su questo stesso portale uno psicologo che lavora nella tua città e comincia a prendere un primo appuntamento.
Un cordiale saluto.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6974 Risposte

19369 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 APR 2016

Caro Giuseppe,

per comprendere meglio la sua situazione, credo sia importante approfondire cosa intende con 'vicina', con 'si allontana da me' e con 'sperduto'.
Cosa le impedisce di parlarne prima di tutto con la sua compagna?
Rimango a disposizione.

un caro saluto

dott.ssa Monica Salvadore

Dott.ssa Monica Salvadore - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Torino

369 Risposte

847 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 APR 2016

Buongiorno Giuseppe,
a volte i nostri sintomi sono un modo per "gridare" agli altri una sofferenza che non riusciamo a esprimere in altro modo.
Il mio consiglio è quello di rivolgersi a uno specialista che possa aiutarla a comprendere questa sua necessità di essere amato e ricevere attenzioni a tutti i costi, che la porta a stare molto male e a mettere in atto comportamenti disfunzionali e pericolosi per la sua salute e a aumentare la fiducia in se stesso, cosa che le consentirà anche di instaurare relazioni più serene e meno dipendenti.
A disposizione

Dott.ssa Claudia Petrilli

Dott.ssa Claudia Petrilli Psicologo a L'Aquila

21 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 APR 2016

Buongiorno Giuseppe, la problematica che lei riferisce sembra riguardare la sua relazione di coppia, dunque, trattandosi di un sintomo importante come l'ansia, le consiglio di rivolgersi assieme alla sua compagna ad un terapeuta di coppia, per affrontare insieme questa situazione alla quale sta reagendo in tal modo, onde non aggravare abuso di alcool e fumo.
A disposizione
Dott.ssa Moglie L.

Dott.ssa Lucia Moglie Psicologo a Ancona

110 Risposte

60 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 APR 2016

Gentile Giuseppe,
oltre al fumo e all'alcol, ricorda momenti in cui, ultimamente, è stato un pochino meglio?
Ci sono stati momenti in cui le è parso di ricevere più attenzioni? Cosa stava succedendo in quei momenti?

Le sembreranno domande controintuitive, ma sono utili per provare a scoprire quali sono gli elementi di una relazione che possono alleviare ansia e paura.

Provi a vedere se riesce a notarli attraverso queste riflessioni. Non fosse così, valuti la possibilità di consultare uno psicologo per essere aiutato a trovare una soluzione al suo problema.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2061 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 APR 2016

Buongiorno Giuseppe!
Data la sua grande sofferenza è opportuno che prenda contatti con uno psicologo della sua zona. Ogni persona ha una propria storia e delle particolari motivazioni che la portano a stare male, perciò non è possibile dare una sola risposta del perché si sta male. Vedrà che se ne parlerà con uno specialista, riuscirà a comprendersi meglio.
Cordiali saluti
Dott.ssa Claudia Vian - Psicologa - Mirano ( Ve )

Dott.ssa Claudia Vian Psicologo a Mirano

49 Risposte

50 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Attacchi di panico

Vedere più psicologi specializzati in Attacchi di panico

Altre domande su Attacchi di panico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16650

psicologi

domande 23050

domande

Risposte 84400

Risposte