paura e ansia lavoro

Inviata da Silvi · 20 mar 2019

Salve ho 28 anni ,sono laureata da un pò di tempo; ho deciso di continuare gli studi senza avere un'idea esatta di quello che avrei voluto fare da grande.Ho sempre avuto tanti interessi come per la storia,la lettura,le lingue e mai una vera e propria passione o predisposizione.Studiando,non sono mai stata a contatto con il mondo del lavoro; soltanto successivamente ho avuto modo di lavorare per tre estati di fila,ogni volta massimo per due mesi,in un bar di parenti ma la mia esperienza lavorativa finisce li.E come mai? crisi a parte,sono cosciente del fatto che ho paura.Ho paura di perdere la mia routine tranquilla,ho paura e ansia di inviare CV a destra e a manca, delle volte ( credo) con la scusa della poca autostima in me stessa....anche se credo che questo sia vero: ho poca fiducia nelle mie capacità nonostante abbia avuto successo nel lavoro precedente,nel mio tirocinio universitario....nonostante la gente che mi circonda mi dice che sono capace;é una cosa di cui sto prendendo consapevolezza da un pò di tempo,perché ormai è arrivato il momento di trovare un lavoro; anche perché questo si ripercuote sul rapporto con i miei genitori che giustamente se ne stanno facendo una malattia....una parte di me NON vuole assolutamente dipendere economicamente dal mio uomo in futuro,ma ho questa paura e ansia che mi bloccano(In molte situazioni so gestire la mia ansia e so avere il controllo,su questo devo dire che per fortuna ho una certa consapevolezza,come quando mi è capitato di fare due colloqui e alla mia seduta di laurea).. Delle volte poi, ho anche timore di rispondere a numeri sconosciuti,se so che ho inviato cv poco prima; inizia a battermi il cuore molto velocemente e non penso più a niente,capita anche di non rispondere.Dentro di me credo ci sia molta insicurezza,nonostante so di essere capace,e me lo dicono;ho paura di perdere quella spensieratezza e quella routine che mi fanno rimanere tranquilla e senza responsabilità...vorrei un suggerimento,indicazione,o anche degli esercizi (non saprei),da poter fare per poter magari pian piano riuscire a tirarmi fuori da tutto questo e vivere il mondo del lavoro come se fosse un mondo anche per me. Scusate per il papiro.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 23 MAR 2019

Gentile Silvi,
comprendo la paura di affrontare il mondo del lavoro, per lei rappresenta una novità ed un cambiamento rilevante. Tuttavia crogiolarsi nella routine non permette di sperimentarsi, d'altra parte iniziare qualcosa di nuovo spaventa sempre.
Provi a porsi piccoli obiettivi concreti rispetto al lavoro ad esempio faccia una piccola programmazione settimanale (portare curriculum, informarsi per stage o corsi) ed inizi a rispettare le scadenze che si è proposta. Nel momento in cui riesce a raggiungere piccoli obiettivi l'autostima migliora gradualmente.
Nel frattempo per superare l'insicurezza e l'ansia le consiglierei di effettuare un percorso di counseling in cui apprendere tecniche per gestire le emozioni negative.
Resto a disposizione per qwualsiasi chiarimento
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2254 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2019

Gentile Silvi
mi ha colpito il suo racconto, sono anni che mi occupo di problematiche legate al lavoro e il suo è un caso tipico relativo a un giovane che per tanti anni si è concentrato molto sullo studio non avendo possibilità di confrontarsi col mondo del lavoro vero e proprio. Un mondo che quindi fa paura, sembra pieno di insidie e in parte lo è anche. Nel mondo del lavoro italiano di oggi al giovane è richiesto di buttarsi in più iniziative, di proporsi in continuazione, di formarsi in molte aree, di avere mille esperienze da potersi vendere. Insomma per la grande competitività che c'è nel mercato del lavoro di oggi è richiesto un attivismo che non tutti hanno nel loro DNA o che magari alcuni sviluppano dopo le prime esperienze.
Comprendo quindi il suo scoraggiamento Silvi. Tuttavia questo sentimento la porta ancora più lontana dal suo obiettivo ovvero l'autonomia. Ci vuole grande determinazione e coraggio. Io le consiglio di intraprendere uno dei tanti percorsi di tirocinio che oggi lo Stato mette a disposizione, un'esperienza in azienda dove non ci sono amici e parenti potrà farla crescere e renderla più sicura. Nel contempo le consiglio comunque di chiedere un aiuto psicologico online oppure ad uno specialista della sua zona per poter esplicitare i suoi vissuti e vedrà che in breve tempo potrà trovare la sua strada.
Le faccio tanti auguri.
Un caro saluto
Dott.ssa Lucina Cicioni
Psicoterapeuta/Consulenza Online

Dott.ssa Lucina Cicioni Psicologo a Pescara

4 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 MAR 2019

Gentile Silvi, comprendo il suo disagio. Esistono certamente delle tecniche per ridurre l'ansia ed accrescere l'autostima, come la mindfulness, ma non è certo possibile insegnargliele qui, perché occorre controllare e dosare la loro applicazione. Se fosse così facile, a cosa serviremmo noi terapeuti? Tutto e subito? Difficile. Occorre impegnarsi in un percorso non necessariamente lungo, ma serio e su misura. Cordialmente
Dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

949 Risposte

387 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 MAR 2019

Buongiorno Silvi,

è evidente il suo stato di agitazione e preoccupazione. Come se avesse il bisogno di descrivere tutto quello che prova. Penso che alla base ci possa essere un problema di autostima e sarebbe importante intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole mi può scrivere
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1666 Risposte

1180 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 MAR 2019

Ciao Silvi,vuoi realmente fare qualcosa ? Comincia a stabilire degli obiettivi. Il lavoro : che tipo di lavoro vorresti cercare ? Inviare cv a casaccio non serve ed è frustrante perché spesso non si ottengono risposte. quindi cerca di individuare un settore in cui hai competenze e che ti interessa.
Mettiti alla prova . Cosa mai potrebbe accadere di irreparabile.

Resto a disposizione

Dott.ssa Luigia Cannone Psicologo a Rimini

140 Risposte

91 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17450

psicologi

domande 25700

domande

Risposte 90450

Risposte