paura di una relazione e convivenza.

Inviata da fed · 8 mar 2021

Buongiorno, ho 30 anni mi chiamo Federica. Da un anno e mezzo mi frequentavo con un ragazzo che ora è il mio attuale compagno. Dopo una rottura di un paio di mesi voluta da lui perchè "ero troppo" mi ha cercato nuovamente e ci siamo rimessi insieme; ora stiamo per comprare casa ma non mi sento felice.
Mi son accorta che ho vissuto da "spettatore" quello che succedeva in questi ultimi mesi dalla scelta della casa, ai mobili etc.
Diverse voltemi è sembrato di mettere da parte me stessa per la sua felicità; ci sono stati momenti in cui mi son sentita umiliata e aggredita verbalmente da lui solo perchè gli facevo notare delle mancanze o sceglievo di andare fuori con gli amici.
Nel periodo che ci siamo lasciati avevo conosciuto un altro ragazzo con il quale c'è stato subito feeling e molto spesso mi trovo a pensare a lui.
Più si avvicina il giorno in cui entrare in casa più mi sale la paura di iniziare questa convivenza.
Avevo già provato a parlargli di queste mie paure e volere una pausa ma mi ha fatto notare che senza di me non può farcela in una casa nuova, senza considerare cosa possono dire famigliari etc. e io mi sento bloccata da queste idee e giudizi che possono venire dalle altre persone.

Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 MAR 2021

Cara Fed, riassumendo quello che hai scritto mi pare di poter dire che tu non lo ami più: nel periodo in cui vi siete lasciati hai conosciuto un altro ragazzo a cui tieni molto e ti senti trascinata per inerzia ad andare a convivere con lui, perché questo serve a lui più che a te. Mi sembra chiaro che tu vuoi trovare il coraggio di fare la scelta giusta e di saper affermare quello che senti. Nessuno può fare questa scelta per te, comunque. Di certo, però, hai bisogno di lavorare su te stessa in terapia, di conoscere i tuoi meccanismi e di chiarire quello che provi. A quel punto saprai fare una scelta più netta e saprai anche affermare quello che veramente desideri. Non esitare a rivolgerti a un professionista. I miei migliori auguri e un cordiale saluto.

Dott. Vincenzo Crupi Psicologo a Palermo

118 Risposte

224 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 MAR 2021

Buongiorno Federica, da alcuni episodi occorsi con il tuo fidanzato, hai compreso che non sei libera di esprimere serenamente te stessa quando sei con lui. Hai compreso anche di non sentirti capita poichè quando hai esternato il tuo punto di vista, non solo non sei stata colta ma addirittura umiliata. Per questo adesso hai comprensibilmente paura di intraprendere una convivenza con questa persona. Quando pensi di tirarti indietro, sei frenata da un possibile senso di colpa quando lui ti dice che senza di te non può farcela e dal timore di giudizi negativi da parte di familiari ed amici. Intanto la prima cosa a cui pensare, in senso protettivo ed autoconservativo, è la tua persona. Se hai ben chiaro che accanto al tuo fidanzato non ti senti libera e serena è segno che non è la persona giusta per te. Il resto viene di conseguenza. E' più importante che tu stia bene di come potrebbero reagire altre persone alla tua decisione di non andare più a convivere o di prenderti un momento di pausa dal rapporto. Agli altri si può semplicemente dare una spiegazione. Un grande in bocca al lupo! D.ssa Antonella Ricci

Dott.ssa Antonella Ricci Psicologo a Tivoli

160 Risposte

58 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2021

Salve Federica, non credo che il fatto che che senza di te non può farcela in una casa nuova o i pareri dei parenti siano un buon motivo per andare a vivere insieme. Se questi aspetti la toccano così in profondità da compromettere le sue reali scelte, la sua felicità allora è bene che si fermi e chieda aiuto per affrontare il suo blocco che la porta al non scegliere per se stessa, per la sua serenità e per la serenità delle persone che le sono intorno.

Dott. Andrea Caso Psicologo a Piano di Sorrento

44 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2021

Cara fed,
mi sento d suggerirle di accogliere le sue sensazioni di disagio come preziosi segnali di un malessere intenso che lei vive in questo momento.
La relazione che lei descrive, per come la vive, non le procura gioia, anzi è fonte di tensione.
La mancanza di motivazione è un prezioso elemento che va esplorato perché la può aiutare a comprendere quali sono i suoi bisogni e desideri.
Se riuscirà a farsi aiutare in questo momento eviterà a se stessa e ad altri sofferenze future.
Si affidi con fiducia ad uno psicologo e buona fortuna
Giordana Milani

Dott.ssa Milani Giordana Psicologo a Biella

189 Risposte

66 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2021

Buongiorno Federica,
posso comprendere il suo malessere ed i suoi dubbi. Dice di non sentirsi felice e sembra agire più spinta dal timore del giudizio altrui che dalla sua reale convinzione. È importante che lei lavori, magari in un percorso personale con un professionista, sul capire cosa vuole realmente e come poterlo esprimere in maniera assertiva ed efficace, per cominciare a costruire qualcosa che la renda davvero felice. Glielo auguro davvero, coraggio!

Dott.ssa Maria Cecilia Silvestri Psicologo a Modena

1 Risposta

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2021

Carissima questo genere di scelta e sono sempre una responsabilità che ci si prende verso la coppia. Ovvero, la disponibilità a una costruzione quotidianità del rapporto. Ora, lei non si sente pronta in un anno o due non si può conoscere bene una persona ma probabilmente neanche in dieci. Tutti i rapporti vivono momenti difficili
Per cui può solo provare e vedere come va. Dopodiché nulla la dovrà fermare se deciderà di andare via. Resto a disposizione anche on-line. Cari saluti.
Dottoressa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

667 Risposte

316 voti positivi

Fa terapia online

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2021

Cara Federica
talvolta mettere davanti le necessità degli altri alle proprie è una modalità di agire nel mondo appresa all'interno della propria storia. Forse questa strategia, che finora sembrava essere adatta, ora non lo è più e quindi va cercata una nuova modalità che rispetti questa nuova consapevolezza di voler essere al centro della propria vita.
Talvolta le paure sono fisiologiche in momenti di cambiamento e danno anche lo spessore del cambiamento che si va a fare, a lei la bussola di valutare se siano gestibili o se senta che la sovrastano.
La questione di non aver partecipato attivamente, ma "da spettatore" al cambiamento in atto potrebbe essere anche un modo per lasciare all'altro la possibilità di decidere e controllare il cambiamento.
Provi a valutare la possibilità di parlare con qualcuno in modo da rispettare questa nuova esigenza che sembra emergere, ma anche per provare a non ricascare sempre in una modalità che forse ora risulta non più utile.
Un cordiale saluto
Studio Lego

Studio Lego Psicologo a Padova

23 Risposte

7 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2021

Ciao Federica, umiliazioni e aggressioni verbali non hanno nulla a che fare con l'amore e il rispetto per l'altro.
Sarebbe importante indagare i motivi che ti hanno riportata da lui, considerato che avevi trovato un altro ragazzo, durante la vostra rottura, con cui si era da subito instaurato un feeling. Come mai hai rinunciato all'opportunità di essere la co-protagonista di un rapporto per scegliere invece di fare la semplice spettatrice e il mezzo della sua felicità?
Peraltro bisognerebbe comprendere l'origine della paura del giudizio degli altri, in quanto ti impedisce di fare le tue scelte.
Per qualsiasi dubbio o chiarimento sono a tua disposizione.

Dott.ssa Francesca Orefice Psicologo a Bologna

478 Risposte

165 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2021

Ciao Federica!
Dalle tue parole mi arriva una forte tristezza, e sento anche questa tua forte sensazione di essere in gabbia. Io credo che esperienze di vita importanti come questa richiedano una piena convinzione, un pieno contatto con se stessi ed i propri sentimenti.
Se dovessi sentire pienamente te stessa ed il tuo corpo, cosa mi diresti se io fossi il tuo compagno?
Non desensibilizzare una parte di te per accontentare gli altri, sentiti ascoltati e dopo cerca un confronto costruttivo con lui in cui poter trovare lo spazio che meriti.
Io sono qui, per qualsiasi dubbio o necessità non esitare a contattarmi
Barbara Iurato

Dott.ssa Barbara Iurato Psicologo a Modica

17 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAR 2021

Gentile Fed, le relazioni che scegliamo dovrebbero rendere la nostra vita migliore, non farci stare male o farci sentire infelici. A volte per paura delle reazioni e dei giudizi degli altri rinunciamo alla nostra felicità nel tentativo di salvare l'immagine e non apparire "cattivi" o "egoisti" agli occhi degli altri.
Rinunciare a se stessa è una scelta che ha un prezzo in termini di felicità e leggerezza. Le suggerisco di valutare la possibilità di rivolgersi a uno/a psicologo/a così da chiarirsi e fare una scelta consapevole in linea con le sue necessità e desideri.
Un saluto

Luisa Fossati

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

426 Risposte

470 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 MAR 2021

Cara Federica, penso sia molto importante riuscire a riconoscere e ad esprimere se stessi nell'ottica del proprio benessere. Trovo che potrebbe esserLe molto utile un percorso psicologico che miri ad una maggiore consapevolezza di sé e delle Sue risorse per meglio comprendere come esprimersi e come anche svincolarsi da situazione che non La fanno star bene.
Le auguro buona fortuna e serenità.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1615 Risposte

872 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18800

psicologi

domande 29950

domande

Risposte 102100

Risposte