Paura di stare male.

Inviata da Lily · 23 ott 2017 Fobie

Sono una ragazza di 25 anni e sono ingegnere. Finita la triennale mi sono spostata all'estero e ci sono tutt'ora. Ho già vissuto in due paesi diversi e ho finalmente ottenuto il mio grande desiderio di avere un buonissimo posto di lavoro con colleghi fantastici e soprattutto ben retribuito. Nonostante questi successi, ho questa grossa paura dentro che non mi passa.
In pratica ho questa costante paura di stare male in mezzo le persone e in particolare di svenire. Non è mai successo ma alcune volte quando sono in mezzo a persone inizio a pensare "Oddio e se adesso sto male?" e da lì iniziano le palpitazioni, sudorazione, vampate di calore e a volte capogiro. Di solito questa crisi prende piede velocemente e dopo aver raggiunto il picco svanisce. In luoghi chiusi e affollati tipo cinema non sono proprio in grado di sedermi nel centro della fila. Mi sale proprio la paura di stare male e se succede di avere gli occhi puntati contro di chi mi sta intorno. Ho notato che se mi siedo o sono comunque in prossimità della via di uscita mi sento molto meglio e riesco ad essere serena.

Questa paura inoltre credo sia collegata alla mia fobia per i prelievi del sangue. Quando ero piccola ho dovuto fare spesso prelievi del sangue e questa cosa mi ha proprio traumatizzato. Ogni volta che lo facevo stavo così male che svenivo. Addirittura quando mi hanno operato di tonsille a 12 anni avevo più paura e ansia di fare il prelievo e avere il flebo che dell'operazione in sé.
Con gli anni però è migliorato il mio rapporto con questa paura degli agli. Infatti per fare check up sono stata disponibile a fare prelievi. Naturalmente metto la crema anestetica per non sentire quando l'ago entra. Facendo così mi agito comunque ma almeno non svengo non sentendo il "dolore".

Da anni però questa paura di quel piccolo "dolore" per il prelievo si è espanso a qualsiasi dolore in generale. Appena in mio corpo sente un dolore un pò più forte del normale va in black out. Tanto per fare un esempio.. Una volta mi è venuto il singhiozzo forte e sono svenuta. un'altra volta ho preso una botta forte al piede e sono svenuta.

Quindi, credo, che questa paura si sia allargata al dolore fisico. Tutto ciò è peggiorato a seguito della morte di mio padre (6 anni fa) a causa di un tumore.

Questa fobia però è un pò sfuggita di mano dalla settimana scorsa. La mia coinquilina mi stava raccontato della nascita della sua nipotina e mi ha fornito dettagli riguardo il travaglio e il parto in generale. Sentendo parlare di "dolore" ecc. sono quasi svenuta. Ho perso totalmente la vista ma sono stata svelta da coricarmi a letto in modo da non perdere conoscenza.

Non so più come gestire questa paura e ho davvero voglia di essere libera.

Inoltre è da anni che sto pensando di rifarmi il naso perchè quando sorrido non mi piace la punta. In tanti non notano questo mio difettino ma per me è un grosso peso che voglio togliermi.
In questi giorni sono in contatto con un chirurgo fidato con cui parlerò il mese prossimo.
Questo desiderio è davvero grosso e sogno ciò da anni ma ho il terrore dell'intervento in sé ma sopratutto del post.
Come posso essere a mio agio in mezzo alle persone con questa paura "e se poi sto male?". Sicuramente dopo un intervento avrò qualche dolorino ma vorrei essere in grado di dominarlo senza essere invalidata con questa fobia.

Grazie mille.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 OTT 2017

Salve Lily, vive una situazione di ansia che diventa a volte invalidante e non le permette di vivere la sua vita come vorrebbe. Sembra anche avere poca fiducia in se stessa e nelle sue risorse, si piace poco (tanto che pensa all'intervento chirurgico), anche se nello stesso tempo funziona bene sul lavoro e pare soddisfatta di quello che fa. Credo che un percorso di psicoterapia potrâ senza dubbio aiutarla nel conoscersi, interpretare meglio i messaggi del suo corpo, lavorare sul suo bisogno di controllo, aiutarla a fidarsi di piú di se stessa e a "lasciarsi andare". Le faccio un grosso in bocca al lupo e incrocio le dita per lei!

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

246 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 OTT 2017

Buon giorno.
Complimenti per aver realizzato il suo grande desiderio di aver un buon lavoro, ben retribuito e con validi colleghi.
Il disturbo che descrive denota la paura di perdere il controllo: il controllo di sé stessa e delle sensazioni del proprio corpo.
Sembra, nel tempo, aver creato una certa distanza tra se e il suo corpo, al punto che ogni segnale che il corpo le fornisce, distante dalle ordinarie percezioni che ha di lui, lei va in allerta e ...scappa svenendo.
Le suggerirei d'intraprendere un percorso terapeutico di tipo breve strategico, che la aiuterebbe ad affrontare con strategie appropriate le sue paure.

Dott.ssa Paola De Marco

Dott.ssa Paola De Marco Psicologo a Mestre

46 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 OTT 2017

Gentile Lily,
come da lei accennato sembra essere in una situazione dove sta cercando una via di uscita che può essere la porta che la fa uscire d auna situazione di forte disagio, l'operazione al naso e, probabilmente, se andassimo ad osservare meglio la sua vita ci sarebbero altri esempi.
Un episodio per lei traumatico non è detto che sia traumatico per un' altra persona (il prelievo ripetuto di sangue) occorre quindi approfondire a cosa si può collegare di più profondo. Le consiglio una psicoterapia da cominciare il prima possibile in modo da non cronicizzare il disturbo d'ansia e poterlo gestire al meglio. Io personalmente faccio parte dell'area della psicologia psicodinamica individuale però ritengo che possa essere accolta con efficienza e competenza da colleghi di area differente della sua zona. La scelta sta a lei ma non impieghi troppo per compierla

Rimango a sua disposizione.

Rimango a sua disposizione

Dott.re Lorenzetto Claudio Psicologo a Ferrara

345 Risposte

115 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Fobie

Vedere più psicologi specializzati in Fobie

Altre domande su Fobie

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84150

Risposte