Paura di star male fuori casa e disturbo d’ansia

Inviata da Alias · 4 ago 2021

Gentili Dottori, sono un ragazzo di 23 anni, già in terapia da un po’ per disturbi d’ansia e agorafobia. Scrivo per presentare brevemente la situazione e magari ricevere qualche consiglio. Sono un ragazzo molto ansioso e che somatizza tantissimo. Tutte le volte che sono fuori casa, in presenza di altre persone soprattutto, mi assale un fortissimo senso di nausea (a volte unito a vertigini, affanno, dolori alla pancia) che mi rende la vita complicata. Sottolineo la presenza di altre persone in quanto la mia paura più grande è star male (in particolare vomitare, cosa di cui ho il terrore e ovviamente non è mai accaduto in molti anni) davanti agli altri, soprattutto in questo periodo di pandemia in cui mi sento gli occhi addosso anche solo se starnutisco.
Tramite il percorso di psicoterapia sono arrivato al punto di affrontare le situazioni, mentre prima le evitavo ed ero arrivato al punto di non uscire quasi più di casa. Ora invece faccio bene o male tutto, con grande sforzo, ma lo faccio. Tra poco devo partire con la mia ragazza e sono terrorizzato, sia per le numerose volte in cui dovrò mangiare fuori sia perché la mia ansia si amplifica quando devo andare a dormire. Ho infatti molta difficoltà nel dormire fuori casa soprattutto perché ho paura di stare male di notte. Mi rendo conto di quanto il pensiero sia irrazionale ma mi blocca e subito mi si irrigidisce lo stomaco, cosa che mi provoca dolore e nausea.
Ho avuto esperienze negative in qualche gita scolastica, quando avevo 14/15 anni, in cui effettivamente presi l’influenza e l’ho vissuta male, ma da quando ho memoria dormire fuori è sempre stato difficile per me, sin da piccolo. Concludo dicendo che i miei sono divorziati da quando ero piccolissimo e la cosa è stata gestita piuttosto male nel corso degli anni, in quanto sono spesso stato tirato in ballo in questioni in cui non avrei dovuto essere. La mia ragazza, con cui sto da ormai 4 anni, è a conoscenza di questi problemi e mi sta molto vicino, ma sento verso di lei come il dovere di essere forte e, soprattutto, non credo possa darmi una mano in momenti di difficoltà perché sento di essere io quello che deve tutelare lei, non per un retaggio ancestrale secondo lui è l’uomo ad essere forte, ma perché è lei che “va difesa”…passatemi il termine…inoltre lei non sempre è in grado di gestire la situazione, e la capisco, perché a volte discutiamo. In ultimo vi dico che l’unica persona con cui non avverto quest’ansia è mia madre, con cui vivo, poiché mi sento “protetto” nel caso in cui stessi male. Una protezione verso le altre persone. Essendo lei molto forte caratterialmente so che potrebbe “schermarmi” dai giudizi altrui in caso di difficoltà…spero di essere riuscito a rendere il concetto.
Vi ringrazio in anticipo anche solo per aver letto fin qui e vi porgo cari saluti.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 5 AGO 2021

Buongiorno,
sei giovanissimo e vorrei farti riflettere su questi due aspetti:

-il dovere di essere forte verso la tua ragazza è per caso lo stesso dovere che hai sentito quando i tuoi genitori ti hanno tirato in ballo in questioni in cui non avrebbero dovuto? E quando dici di tutelare, difendere, la tua ragazza è quello che forse hai dovuto fare con tua madre nella separazione, proteggendola?
-il rapporto madre-figlio è un rapporto molto complesso. La protezione eccessiva di una madre verso un figlio produce effetti contrari, nel tuo caso, ci sono meccanismi psicologici di attaccamento e di separazione non superati, la troppa iper-protezione di una madre non aiuta un figlio ma ne peggiora i sintomi, ci credo che hai tutte queste ansie.

Un caro saluto e buona vacanza
Dott.ssa Silvana Censale

Dott.ssa Silvana Censale Psicologo a Prato

157 Risposte

69 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 OTT 2021

Buongiorno.
Sono il dott. Massimiliano Castelvedere, di Brescia. Sono tra quei professionisti che ritengono che il cambiamento personale sia un processo lungo e complicato. Purtroppo non ci sono scorciatoie percorribili e i consigli che uno psicologo potrebbe dare in una chat lasciano il tempo che trovano: non esiste la “bacchetta magica”. Per inquadrare l’eventuale problematica di un paziente serve invece una consulenza approfondita (almeno 4 sedute). A seguire, se nella consulenza si evidenzia un problema significativo, per trattarlo e cercare di risolverlo è necessaria una vera e propria psicoterapia o una psicoanalisi.

Illudersi che si possa fare qualcosa scrivendo in una chat serve solo a perdere tempo e significa che non si è pronti a mettersi in discussione. Se lei è una persona veramente motivata a capirsi e a cambiare, le do la mia disponibilità per fissare un appuntamento (anche online).

Dott. Massimiliano Castelvedere Psicologo a Brescia

672 Risposte

85 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 AGO 2021

Caro Alias,
Mi dispiace per il disagio che vivi e lo stress emotivo che ti porti dentro.
Questo dovere di proteggere ed essere protetto, credo, sia la causa delle tue ansie e paura di ammalarti.
Il contatto con l'esterno ti procura ansia a causa di un iperprotezione che hai vissuto ed esperito da parte di tua madre. Quest'ultimo adesso si ripercuote sulla relazione di coppia.
Ti consiglierei di intraprendere un percorso psicologico per cercare di uscire dal vortice emotivo che ti fa stare male.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1106 Risposte

322 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19000

psicologi

domande 30550

domande

Risposte 104700

Risposte