Paura di soffrire ancora?

Inviata da Lena. 16 mag 2018 3 Risposte  · Terapia di coppia

Sono stata lasciata dal ragazzo dopo 4 anni di relazione a distanza (lui era del mio paese ma io sono fuori per gli studi) l'anno scorso, e questo mi ha colpito profondamente.
Sono una persona molto sensibile all'abbandono, nutro spesso e volentieri senso di colpa anche in situazioni in cui non ci sarebbe da preoccuparsi, e questa relazione penso che abbia fatto emergere delle paure e delle insicurezze.
Nonostante io abbia superato la perdita, non riesco più ad approcciarmi al genere maschile che vedo come ostile e lontano da me. Provo una sensazione di vergogna anche solo quando un ragazzo che conosco (ma non benissimo), si avvicina per parlarmi poiché temo di essere banale nei discorsi e nel mio modo di comportarmi.
Il mio timore è che un domani questa mia chiusura, che continua ad autoalimentarsi nonostante i miei sforzi, possa impedirmi di avere una relazione e di lasciarmi andare.
Cosa posso fare per sbloccarmi?

paura , ragazzo , riesco , relazione

Miglior risposta

Gentile Lena,
la chiusura di questa relazione, le ha lasciato un senso di insicurezza e molti dubbi sulla adeguatezza affettiva.
Valuti la possibilità di un percorso psicologico, che l'aiuti a rinforzare la sua autostima, facendo emergere le risorse relazionali che sicuramente possiede, permettendole di investire in una nuova progettualità.
Coraggio!
Dott.ssa Vanda Braga

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Cara Lena, probabilmente questa separazione ha fatto venire fuori antiche ferite pregresse: parla di difficoltà con l'abbandono, vergogna, senso di colpa, insicurezza.....ferite che vanno attenzionate per essere lenite. La chiusura e diffidenza che vive oggi può essere gestita e affrontata andando a vedere contemporaneamente la ferita che sta alla base e che, in qualche modo, la alimenta. I giochi non sono fatti e il suo futuro non è scritto: se solo lo vuole, inizi un viaggio alla scoperta di se stessa con il supporto di un professionista che a pelle le ispira fiducia. Il cambiamento non è impossibile.
Auguri, dott.ssa Daniela Cannistrà.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

17 MAG 2018

Logo Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta

580 Risposte

187 voti positivi

Buongiorno Lena, è possibile che la fine della relazione, che già di per sè può essere vissuto come evento traumatico, sia stato un evento scatenate di un disagio già esistente ma latente. Adesso i suoi pensieri negativi e di svalutazione sono invece fattori di mantenimento, cioè vanno a costruire un circolo vizioso che seppur a lungo termine disastroso attualmente la protegge "costringendola" ad evitamento. Ciò che può fare adesso è rivolgersi ad uno psicoterapeuta con il quale lavorare su questi meccanismi ma anche ricostruire l'origine di questi comportamenti mentali. Utilizzando metodologie psicologiche potrà optare su un cambiamento funzionale.
Dott.ssa Fiorella Iannetta

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

17 MAG 2018

Logo Dott.ssa Iannetta Fiorella Dott.ssa Iannetta Fiorella

32 Risposte

6 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Paura di soffrire

10 Risposte, Ultima risposta il 02 Dicembre 2016

Penso di soffrire di panico ho paura

2 Risposte, Ultima risposta il 23 Agosto 2016

Paura di soffrire di Doc

3 Risposte, Ultima risposta il 10 Novembre 2015

Ho paura di soffrire di depressione, come fare?

3 Risposte, Ultima risposta il 03 Settembre 2013

Ho paura di sbagliare ancora

4 Risposte, Ultima risposta il 25 Marzo 2015

Ho ancora paura del terremoto...

7 Risposte, Ultima risposta il 14 Aprile 2017

non so piu cosa fare e come salvare la mia storia e non soffrire

4 Risposte, Ultima risposta il 26 Giugno 2017

Si può smettere di soffrire? Sono distrutta

1 Risposta, Ultima risposta il 28 Febbraio 2017

Perché mi ha fatta soffrire ma non riesco a staccarmi?

3 Risposte, Ultima risposta il 08 Gennaio 2016