Paura di morire... Paura di vivere

Inviata da Alessandra. 3 mar 2013 6 Risposte  · Crisi esistenziale

Salve, sono una ragazza di 24 anni e da maggio soffro di attacchi di panico e mi pervadono mille paure... Il 20 maggio scorso sono stata svegliata in tarda notte dal terremoto e da lì non ho avuto più la serenità e la tranquillità che mi contraddistinguevano... Ho iniziato ad avere attacchi di panico, tremori, paura di dormire ma soprattutto paura di morire... La paura più frequente è che tutto posso improvvisamente finire... In particolare che possa avere un aneurisma cerebrale... Non ho mai parlato con uno psicologo e sono un po' restia a farlo perché non può darmi certezze sui tempi di guarigione... Però io vorrei tornare a STARE BENE...
Grazie

paura , panico , ragazza

Miglior risposta

Gentile Alessandra,
credo che sarebbe importante superare le proprie reticenze e rivolgersi a un professionista che possa aiutarLa a recuperare una condizione di benessere. In seguito a un evento traumatico l'organismo fornisce una risposta che serve per riadattare il corpo. L'evento traumatico viene RIVISSUTO ad esempio nei sogni, EVITATO e c'è un generale aumento dell'attivazione fisiologica. Lo stresso di per sè è funzionale ma se si protrae per lungo tempo può influire in modo negativo a livello psicofisico. Tra l'altro è importante sottolineare che ognuno di noi reagisce in modo differente di fronte agli eventi, per cui andrebbe approfondita la sua storia personale e famigliare. Una delle terapie più efficaci e più rapide nei casi simili al suo è l'EMDR.

Cordiali saluti.

Dr. Antonio Cisternino

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Alessandra,
condivido quanto esposto dai colleghi in precedenza.
Comprendo il timore della sua paura di una "non guarigione immediata" ma altrettanto vorrei farla riflettere sul fatto che , essendo giovane, il suo disagio sta interferendo con la sua qualità di vita. Parlare con un professionista di cosa sta vivendo in questo momento potrebbe aiutarla. Di per sè non sono le situazioni che ci creano ansia, disagio ma il nostro modo di interpreterle, i nostri pensieri su di esse. E di conseguenza vi sono le emozioni ed i comportamenti conseguenti. Probabilmente, a seguito di quell'evento, vive alcune situazioni in modo più minaccioso ( anche il suo sistema di allarme, si attiva molto più velocemente) facendole pensare di star male e di avere un attacco di panico.

In bocca al lupo.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

11 MAR 2013

Logo Psicologa - Psicoterapeuta e Grafologa Roma Psicologa - Psicoterapeuta e Grafologa Roma

59 Risposte

85 voti positivi

Cara Alessandra, il trauma che hai vissuto ha sollevato probabilmente antiche paure ed ora la tua sfera emotiva risulta fuori controllo. Come se il terremoto avesse smosso e fatto emergere anche ciò che si trovava negli abissi della tua anima. Sei sconvolta e ti senti impotente, ma non aver paura. Si tratta solo di lavorare con qualcuno su tutta "questa carne al fuoco", di dargli o ri-dargli la giusta collocazione ed il giusto significato. Ritengo che questo lavoro, seguita da un professionista della paiche,sia davvero importante e non è detto che sia lungo. Nel frattempo però è opportuno tamponare il malessere con un supporto farmacologico, per il quale dovrai consultare uno psichiatra o un neurologo. Purtroppo noi psicologi non possiamo suggerire o prescrivere medicinali, ma posso assicurarti che un ansiolitico, abbinato ad una cura con antidepressivi è al momento la soluzione-tampone migliore per te. Un augurio e resto a disposizione per eventuali chiarimenti. Dott.ssa S. Orlandini

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

5 MAR 2013

Logo Dott.ssa Sabina Orlandini Dott.ssa Sabina Orlandini

336 Risposte

173 voti positivi

Gentile signora Alessandra,
quanto scrive è di pertinenza psicologica. Uno psicoterapeuta oltre a diagnosticare quanto le succede anche cura. Uno psicologo con formazione quadriennale in psicoterapeia cognitivo comportamentale è in grado di curare e anche fornire tempi di cura con obiettivi concordati e raggiungibili nel tempo. Un "contratto terapeutico" cognitivo-comportamentale prevede di fissare a grandi linee anche tempi e obiettivi comportamentali desiderati e raggiungibili concretamente. La firma dello specialista sul contratto è l'impegno verso di lei.
dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

5 MAR 2013

Logo Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia)

1087 Risposte

1546 voti positivi

Cara Alessandra,
gli attacchi di panico ed i pensieri correlati sembrano sollecitati dalla paura che hai vissuto con il terremoto. Dato che persistono da circa un anno penso che non puoi farcela a superarli da sola. Per tornare a stare bene è oppostuno farti aiutare da uno psicologo. Molti approcci terapeutici possono fin dall'inizio darti almeno orientativamente una tempistica ed è nei diritti del paziente interrompere il trattamento qualora non percepisca di stare miglirando e quindi essere sulla buona strada.
In bocca al lupo
Dott.ssa Cristina Mencacci

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

5 MAR 2013

Logo Dott.ssa Cristina Mencacci - Psicologa Dott.ssa Cristina Mencacci - Psicologa

366 Risposte

159 voti positivi

Cara alessandra,
la sua potrebbe essere una condizione post traumatica visto che sembra ci sai una coincidenza tra esordio dei sintomi ed un evento traumatico, ma potrebbe anche trattarsi di ansia generalizzata. In entrambi i casi la psicoterapia è consigliabile; è vero che un professionista serio e competente non da indicazioni sulla durata del trattamento, né garanzia sui risultati ottenuti in un lasso di tempo determinato, questo perché il lavoro terapeutico si fa in due, è profondamente relazionale e per tanto il "risultato", ma soprattutto l'andamento del percorso, dipendono dal lavoro di entrambi i partecipanti. Sicuramente è un impegno in molti sensi, ma se vuole elaborare e gestire la sua situazione le consiglio di contattare un professionista nella sua zona di residenza, qui su questo sito ne troverà innumerevoli.
In bocca al lupo per tutto
Saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

4 MAR 2013

Logo Anonimo-126894 Anonimo-126894

272 Risposte

158 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Non voglio più vivere ma ho paura di morire

1 Risposta, Ultima risposta il 26 Aprile 2017

Non riesco a vivere più con la paura di star male e di morire

6 Risposte, Ultima risposta il 03 Aprile 2014

Paura di affrontare, paura di vivere

4 Risposte, Ultima risposta il 28 Marzo 2016

Ho paura di morire?

2 Risposte, Ultima risposta il 31 Marzo 2016

Paura di voler morire

4 Risposte, Ultima risposta il 03 Ottobre 2017

Paura di morire. Banale, ma se diventa limitante?

5 Risposte, Ultima risposta il 21 Agosto 2014

Perché ho paura di morire?

4 Risposte, Ultima risposta il 08 Aprile 2018

Ho paura di morire, non voglio !

13 Risposte, Ultima risposta il 07 Novembre 2017

Paura di morire e ipocondria

2 Risposte, Ultima risposta il 22 Gennaio 2019