Paura di farsi avanti ad una vecchia fiamma

Inviata da Angelo · 28 feb 2017 Terapia di coppia

Salve!
Chiedo scusa se ho scritto un romanzo..
ma ho davvero il bisogno del parere di un esperto, e di sfogarmi..

Sono un ragazzo di 26 anni, e da circa 1 settimana soffro di sbalzi d'umore dovuto ad una serie di ragioni, una in particolare mi ha colpito molto profondamente.. ed è la ragione per cui oggi vi scrivo

Prima di continuare, ci tengo a volere descrivere in breve che tipo di persona sono, in modo da capire al meglio come mi senta.
parto col dire che fin ad oggi purtroppo sono sempre stato un ragazzo timido ed insicuro. . e negli ultimi 10 anni (dai 16anni ad oggi), ho sofferto di una strana ansia nei confronti delle ragazze che mi piacevano, il meccanismo era sempre lo stesso:

''vedevo una ragazza anche sconosciuta, iniziavo a farmi filmini mentali, ed infine entravo in uno stato di ansia esagerato. che a seconda del caso durava settimane o mesi''
Di solito questo accadeva quando mi sentivo con la ragazza o avevo intenzione di conoscerla.
Naturalmente per diversi anni ho seguito un percorso di psicoterapia (poi interrotto perchè non potevo permettermelo economicamente), ricordo una frase che disse lo psicologo:

'' Tu dici che consciamente vuoi conoscere queste ragazze, ma inconsciamente ti fai questi filmini mentali perchè alla tua mente basta amare la figura idealizzata della ragazza, senza sapere chi sia realmente. quindi hai paura di confrontarti con loro''

ricordo che a 16anni ,la mia ultima fidanzatina mi trattò malissimo, umiliandomi davanti alle amiche e naturalmente tradendomi.. ricordo che fu un periodo molto ansioso. e da quel giorno si è attivato in me questo meccanismo.

Ora arrivo al dunque.
Ho accennato che in quest'ultimo periodo sono molto ansioso per un paio di ragioni, la prima è che non essendoci molto lavoro, sto cercando di aprirmi un attività, quindi mi sto creando un mestiere, anche se forse non mi piacerà.. lo faccio perchè me lo hanno consigliato in molti, e cerco di convincermi che questa attività sarà per me uno strumento per potermi permettere l'indipendenza che non ho mai avuto, quindi non essere neanche di peso ai miei genitori nel caso entrassi all'università, quindi per me.. aprirmi un attività per cui non stravedo molto.. sinceramente mi causa un po di preoccupazioni.. ma potrebbe essere un treno per raggiungere piu scopi

il secondo.
Ho ammesso di essere stato sempre timido ed insicuro.. ma negli ultimi mesi ho imparato a dire basta a me stesso e a cercare di migliorarmi, leggendo libri sulla pnl.. cercando di sentirmi appunto più importante e sicuro grazie al fatto che mi sto creando un lavoro,
mi da gioia di vivere, e ho potuto conoscere in me, un ragazzo che prima non conoscevo, un ragazzo ottimista, pieno di energie, curioso..
Ed avevo questa gioia fino ad una settimana fa..

5 anni fa, conobbi una ragazza di 3anni più piccola di me sul pulman a scuola, era un amica di un amica, o conoscente.. quell'estate io e lei ci sentimmo molto in chat, non sempre.. parlavamo e scherzavamo tranquillamente, credo che per lei non avevo mai provato alcun tipo di ansia, ma poi quando un giorno le chiesi di vederci per un gelato, lei rifiutò scrivendomi un romanzo, dicendo che voleva stare da sola, che non era mai uscita con un ragazzo, che il suo sogno era di partire e che non voleva far soffrire nessuno, che era molto timida, chiusa socialmente e via così..
naturalmente le risposi con calma, dicendole che anch'io ero timido,che la capivo, ma che una conoscenza dietro ad uno schermo non era il massimo.
Poi seppi dalla mia amica che si erano confidate, che lei le disse che era molto dispiaciuta per come era andata (con quel messaggio mi disse No).. e che non sapeva come rispondermi, che pensava di ricercarmi (in quei giorni), naturalmente questo non successe mai.. e da quel giorno non la rividi più nemmeno sul pulman, fino alla settimana scorsa...

la scorsa settimana andai a fare la spesa con mia madre perchè stava molto male e aveva difficoltà a spingere il carrello, e fu li che all'ingresso del centro commerciale vidi una bancarella di libri, ricordo che ci fermammo un attimo col carrello per guardare nella vetrina di un negozio, dopodiché vidi a circa 10m una ragazza che sistemava i libri che mi guardava negli occhi.
distolsi un attimo lo sguardo per guardare la vetrina, poi la vidi girata di spalle.. e quando le passai vicino, capì che era lei..
dopodiché entrammo al supermercato ed in quel momento sentii le mie gambe tremare, come se avessi freddo.. iniziai a sentirmi nervoso e a provare ansia.

quando uscimmo dal supermercato, ripassammo nuovamente davanti alla bancarella, e vidi nuovamente quella ragazza seduta, che mi guardava, non potei fare nulla perchè dovevo riportare a casa mia madre perchè stava male..
e da quel giorno, inutile dirlo.. il mio meccanismo si riattivò.. e per più di una settimana pensavo.
'' voglio andare a parlarle, voglio farmi avanti, chiederle il numero.. poterla finalmente conquistare''.
avrei preferito rivederla dopo che la mia attività sarebbe partita.. non ora... ora che stavo imparando a costruire la mia sicurezza....... mi sento terribilmente destabilizzato..

Mi fissai la settimana scorsa un giorno per cercare di approcciarla, di farmi avanti.. ma la settimana per me non fu per niente semplice... non dormivo più.. provavo forti ansie con tanto di tremarella, spasmi muscolari.. il mio umore passa dall'essere sicuro e felice, all'essere molto triste, insicuro, nervoso... ho perso la stabilità che stavo imparando a conoscere..
da un lato pensavo che sarebbe stato un bene lasciar stare..... ma dall'altro pensavo che così facendo sarei stato un codardo.. che non voglio vivere col rimorso di non averci provato..
lei per me non è una ragazza qualunque, cioè per lei non provo una comune ansia d'approccio.. ne provo una peggiore.. ho paura almeno il doppio, proprio perchè ho paura di essere riferito una seconda volta, certo.. ho pensato che ormai sono passati 5 anni e che siamo entrambi cambiati, siamo più maturi.. ma ho molta paura.. ogni giorno passo il tempo a sfogliarmi pagine di forum che danno consigli su come conquistare le ragazze, e più leggo, piu mi sembra una cosa complicata..

quando quel giorno arrivò, io e mia sorella andammo insieme alle bancarelle, non riuscivò nemmeno ad uscire dalla macchina talmente avevo panico.. per mia fortuna quella volta la ragazza non ci fu, e credo che se ci fosse stata, non sarebbe andata benissimo.. perchè non ero in me.. e ancora oggi mi chiedo dove sia finito il ragazzo che ho conosciuto

Ogni tanto piango.. o provo ansia o malessere quando sono dentro e fuori casa.. e il mio unico modo per reagire e pensare costantemente che esistono molte altre belle ragazze.. altro non riesco a pensare.. spesso mi faccio dei filmini mentali per simulare il giorno in cui mi farò avanti per parlarle e chiederle il numero, ma ho molta paura del no.. di qualsiasi tipo di no.. di non riuscire a fare colpo su di lei..

Che cosa dovrei fare con lei e con me stesso?.. a momenti non so nemmeo io che mi prende... che fare... mi sento spento.. impaurito... e sento di avere un conto in sospeso con lei..

Grazie per la vostra attenzione

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 1 MAR 2017

Gentile Angelo,
dal tuo lungo scritto si evince, come tu stesso hai più volte riconosciuto, che sei una persona timida, insicura e con un basso livello di autostima.
Hai detto anche che per "diversi anni" hai seguito un percorso di psicoterapia ma non hai specificato in questi anni quante sedute complessive hai fatto dal momento che non sembri aver tratto giovamento da questa imprecisata esperienza di psicoterapia.
Traspare tuttavia una voglia di riscatto e di reazione a questo tuo modo di essere che non ti piace e che effettivamente è poco produttivo.
Purtroppo è altrettanto evidente che con le tue sole forze è difficile per te ottenere cambiamenti strutturali e importanti per cui dovresti riconsiderare la possibilità di riprendere la psicoterapia magari con un terapeuta diverso (visti gli scarsi risultati ottenuti) facendo un percorso psicoterapeutico (preferibilmente cognitivo-comportamentale) di durata adeguata che a mio avviso dovrebbe essere di almeno un anno con regolari sedute settimanali.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7134 Risposte

20297 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 MAR 2017

Caro Angelo, se da un lato il tuo timore di ricevere un rifiuto può essere legato al precedente rifiuto, dall'altro ansia, paure e insicurezza ti accompagnano da molti anni e meriterebbero un approfondimento in un percorso di psicoterapia, che forse è il caso di riprendere.
Affrontare l'ansia può aiutarti a vivere più in contatto con la realtà, anziché perderti nei tuoi "filmini mentali", rimuginando su pensieri e fantasie.
Per quanto riguarda il lavoro, emerge un conflitto tra il tuo bisogno di indipendenza economica e iniziare un'attività che forse non ti piacerà, di cui non sembri convinto.
In entrambe le situazioni sembra che la tua vita sia guidata più dalla paura che dal desiderio.
Però accanto a questa parte di te paurosa e ansiosa, esiste anche una parte ottimista e piena di energie che scrivi di aver scoperto in te. Quella parte c'è tuttora ed è in attesa di prendere spazio per potersi nuovamente esprimere, mettendoti in contatto con i tuoi desideri e con lo slancio per affrontare le situazioni che ti spaventano.
Rimango a disposizione.
Un saluto.

Dott.ssa La Carbonara Laura Psicologo a Pavia

39 Risposte

23 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88550

Risposte