Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Paura di dolore o morte durante il parto

Inviata da Cristina78 il 15 lug 2015 Fobie

Sono incinta e sto facendo degli incubi terribili, immagino spesso di morire durante il parto o di provare troppo dolore. Ma lo sapete che se il bambino non ci passa ti tagliano come il pollo arrosto?
Forse è il mio corpo che mi dice che non voglio questo bambino, che mi ucciderà! Io non volevo tenerlo, io volevo abortire, mi vergogno a dirlo ma è cosí, ho già 3 figli e non ce la faccio a ricominciare tutto e mio marito mi ha minacciato di divorziare se abortisco, sono al secondo mese e sto male

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Cristina,
mi occupo da tanti anni di gravidanza, parto e maternità e posso dirle che ogni donna in gravidanza a un certo punto teme il parto tanto da pensare anche alla morte. In effetti è un momento cruciale per la vita del bambino e per la vita della donna e gli uomini lo sanno bene. Uno psicologo molto famoso tempo fa, D.W. Winnicott aveva affermato che gli uomini vanno in guerra nel tentativo di sentirsi al pari delle donne che riescono a mettere al mondo un figlio e partoriscono. Quindi la sua paura è del tutto comprensibile. Potrebbe farsi aiutare ed essere sostenuta in questo periodo così delicato e di grande cambiamento. Immagino che sarà anche un momento faticoso dal momento che ha già tre figli. Credo che però il nodo della questione che va sciolto riguardi l'incomprensione con il marito e la mancanza di sostegno da parte sua. Credo sia importante che la coppia possa aprirsi ai pensieri e alle paure reciproche e capire come affrontare questo momento insieme indipendentemente dal tipo di decisione che prenderete.
un saluto
dott.ssa Sabrina Ornito

Dott.ssa Sabrina Ornito Centro di psicologia clinica Psicologo a Milano

39 Risposte

46 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Cristina,
vedo che è molto spaventata, e non che il marito abbia trovato una modo granchè efficace per rassicurarla, e la paura a volte ti trascina come un vortice nelle sue spire. Ma la paura spesso mente sulla realtà delle cose: vedrà che passerà tutto e lei sarà felice con il suo bambino, credo che sia utile però che ne parli con qualcuno di esperto, potrebbe sorprenderla vedere come terribili draghi possano diventare simpatici gatttini. Coraggio dunque, vedrà che la paura passerà e nascerà al suo posto un bellissimo fiore. Cordiali saluti, dott. Daniele Malerba

Dott. Daniele Malerba Psicologo a Mestre

110 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Cristiana,
mi dispiace sentirla tanto turbata. I sogni sono la via regia per l’inconscio come diceva Freud. La paura di morire potrebbe essere collegata al fatto che divenire madre per la quarta volta è un notevole cambiamento quindi non abbia paura di morire nel vero senso della parola, per quanto riguarda il dolore lo razionalizzi avendo avuto già tre figli sa benissimo la tipologia di dolore che provoca il parto, quindi se è sopravvissuta al dolore tre volte non vedo perché non dovrebbe riuscirci un’altra volta. Inoltre per quanto riguarda il taglio i medici sanno quello che fanno e gestiranno al meglio la situazione.
Nonostante questo i figli si fanno in due e le decisioni si prendono insieme.
Quindi parli con suo marito in modo chiaro e gli esponga le sue perplessità, tuttavia le consiglio di contattare al più presto uno psicologo della sua zona oppure di recarsi al consultorio più vicino a lei così da poter trovare un sostegno in questa fase della sua vita.
Per qualsiasi dubbio io e i miei colleghi siamo qui.
Un saluto
Dottoressa Valentina Falanga

Dott.ssa Valentina Milena Anna Falanga Psicologo a Firenze

16 Risposte

15 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Cristina78,
portare avanti la gravidanza è una scelta che entrambi i genitori devono condividere. Non è possibile immaginare una genitorialità a metà, tanto meno dove vi sono già dei figli che sono stati abituati ad essere amati.

Nonostante la posizione di suo marito, è importante che ne riparliate quanto prima.
Qualunque sia la vostra scelta, parlatene anche con un'ostetrica, un ginecologo o con il consultorio della vostra città. E' importante che lei si senta sostenuta ed accolta sia se decideste di tenere il bambino, sia se decideste di non farlo.

Un saluto
Dot.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2021 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Fobie

Vedere più psicologi specializzati in Fobie

Altre domande su Fobie

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 19050

domande

Risposte 77950

Risposte