Paura della mente

Inviata da maria · 8 giu 2016 Disturbo ossessivo compulsivo

Salve sono una ragazza di 30 anni che non vivo più da 6.
Vi spiego, ho avuto il mio primo attacco di panico che lavoravo in un bar e da quel momento ho iniziato ad aver paura di riaverlo. Dopo questo episodio sono arrivata al punto di licenziarmi e non fare più questo lavoro anche se mi piace molto. Dopo anni ho iniziato ad avere molte fobie, la paura di stare male in primis, paura di mezzi pubblici, paura di allontanarmi dal paese, paura di restare sola se mi trovo in qualche posto nuovo. Diciamo la mia vita è diventata molto limitata al punto di sentirmi inutile e non realizzata. Ho iniziato a far uso di alcol all'inizio per divertimento, poi per calmarmi. Ero diventata dipendente, lo usavo per calmarmi, lo usavo per andare a lavoro, per superare le mie paure. Bevevo tutti i giorni. L'anno scorso intrapresi un percorso psicologico di quale sono stata in terapia per 6 mesi, mi sentivo un po meglio anche se non riuscivo a superare queste mie paure, ma pian piano stavo allontanando l alcol, finché un giorno il mio fidanzato al quale ci sto da 5 anni e sono molto attaccata a lui quasi dipendente. Ebbe un grave incidente per cui stava perdendo la vita, fu in coma per 15 giorni. Ammetto di aver vissuto un trauma, ma le conseguenze le ho sentite dopo che lui se ne è uscito dall'ospedale. Sono iniziati i miei pensieri ossessivi gravi tipo di suicidarmi, di far del male alle persone care.ecc questo mi ha portato tanta angoscia, paura di impazzire, paura di perdere il controllo della mia mente. Dopo mesi di disagio ho iniziato a giocare nelle slot, a rubare i miei, a diventare bugiarda, finche un giorno fatta grave a giocare e bere tutta la notte con oltre a 500 euro di danni decisi che forse era l alcol che mi stava portando a questi livelli. Così decisi di non bere più. Sono stata 2 mesi senza toccarlo, ma la mia ossessione dalle slot non va via. Come ho qualche soldo corro là e questa angoscia mi ha fatto cadere di nuovo a bere. Non capisco perché, è come passassi da una dipendenza alla altra. Ora sto tornando di nuovo sui miei passi a tener lontano l alcol, ma questi pensieri mi stanno uccidendo. Vivo nella angoscia, la mia storia con il mio fidanzato sta andando a vento, i miei familiari mi trattano da tossica, non mi danno più soldi, non comprano più vino. Il mio ragazzo mi dice di non riconoscermi più e questo mi fa sentire ancora più fallita. Come posso fare a eliminare questi pensieri e soprattutto questo impulso di giocare? Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 9 GIU 2016

Gentile Maria,
Il problema della dipendenza riveste varie forme ( dipendenza da alcool, da droga, da sesso, da gioco d'azzardo, ecc.), resta invece alla base una personalità dipendente, spesso a causa di bisogni fondamentali inespressi o non riconosciuti, come per esempio il bisogno di attaccamento e di una base sicura. I comportamenti maladattivi sono la punta dell'iceberg, le cause le può ricercare con l'aiuto di un intervento psicologico, buona fortuna!

Dott.ssa Codruta Ileana Terbea Psicologo a Lecce

105 Risposte

190 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 GIU 2016

Gentile Maria,
da quel che racconta, sembrerebbe che lei cerchi di superare le sue disregolazioni emotive con delle addiction , ossia diventando dedita a qualcosa. Sembra che quella dell'alcol sia stata sostituita/associata al gioco. Torni a farsi seguire da un terapeuta.
Cordiali saluti
Dott.ssa R.Pranzo

Anonimo-146760 Psicologo a Torino

28 Risposte

14 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 GIU 2016

Buon pomeriggio Maria,
effettivamente la situazione che descrive sembra molto seria.
Il fatto però che lei stessa riconosca di avere un problema lascia da pensare che sia sulla buona strada per cercare di superarlo, ma farlo da sola credo sia chiedere troppo a se stessa.
Sarebbe importante individuare nella sua città un centro specializzato in dipendenze ed iniziare un percorso con l'adeguato sostegno psicologico.
Cari auguri,
dott.ssa Patrizia Borrelli

Dott.ssa Patrizia Borrelli Psicologo a Milano

72 Risposte

224 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Vedere più psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Altre domande su Disturbo ossessivo compulsivo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte