Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Paura degli amici

Inviata da Marco Signore il 18 nov 2019 Fobie

Salve, sono un ragazzo di 21 anni e ho questa paura che non saprei bene come chiamare. Prima era solo un leggero imbarazzo, dato magari dal mio carattere introverso, ma da 3 anni circa questo malessere è diventato sempre più invalidante. Ogni volta che, nella mia vita sociale, qualcuno si mostra "accogliente" nei miei confronti divento estremamente ansioso e schivo. Per fare qualche esempio, quando mi viene offerto un passaggio o qualsiasi altra cosa, o anche per un invito a casa di un amico o ad una festa. La verità è che in ogni occasione mi fa davvero piacere l'invito dell'amico , ma si attiva automaticamente nella mia testa un meccanismo per cui nascono senza interruzione pensieri del tipo "e ora? Che faccio? E se non ci stessi bene là ? Al solito, finirò per starmene all'angolo da solo, no preferisco stare a casa". Sento il peso delle aspettative dell'altra persona, soprattutto se è amica. È come se in cambio dovessi soddisfare queste sue aspettative e già in partenza do per scontato di non riuscirci, perché non sono una persona divertente, quella con la battuta sempre pronta e che fa ridere tutti, e tra l'altro quando mi ritrovo invece con questo tipo di persone avverto ancora di più la differenza che c'è tra me e gli altri e mi inibisco. È che non so fare compagnia agli altri, è difficile per me trovare argomenti di cui parlare con la maggior parte della gente. So però, per esperienza e perché mi conosco, che se solo riuscissi a non far partire quella "mitraglia" di pensieri io potrei farcela perché non sono nemmeno la persona più noiosa di questo mondo, è che non so come non assecondare troppo il mio cervello. Comunque, come se non bastasse, come risultato di tutto ciò la gente pensa sia noioso, arrogante e pure stronzo... Grazie per aver trovato il tempo di leggere.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Caro Marco,
la prima cosa da fare è sicuramente evitare l'autocommiserazione e non combattere la solitudine, ma accoglierla per iniziare un viaggio interiore. Inconsapevolmente lei mostra molto egoismo perché fa intendere che qualsiasi cosa facciano gli altri non le basterà mai per metterla a SUO agio. E' questo l'errore: pensare solo a se stesso e non a chi la circonda. Perché pensa "finirò per starmene all'angolo da solo" invece di pensare "magari conosco qualche persona nuova a cui fare compagnia"? Non ci sono aspettative da soddisfare, l'alchimia viene con la frequentazione, condividendo gioie, paure, noia e felicità. Quindi, se lei non accetta le opportunità che le situazioni le offrono, come potrà mai pensare di uscire dal limbo che si è creato? Accetti l'uscire ad una festa e si interessi alle altre persone e non alla sua situazione, anche perché se la invitano vuol dire che in lei vedono qualcosa di interessante. Se rifiuta ed evita questi contatti sociali, il suo diventerà con il tempo un limite sempre più grande e insormontabile.

Cordiali saluti

Dott. Emmanuele Rosito

Dott. Emmanuele Rosito Psicologo a Guglionesi

97 Risposte

243 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Fobie

Vedere più psicologi specializzati in Fobie

Altre domande su Fobie

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19300

domande

Risposte 78300

Risposte