Paranoia e manie di persecuzione?

Inviata da Katia · 23 giu 2019

Ciao a tutti, sono Katia, vorrei esporre un problema che ormai va avanti da più di un anno e riguarda il mio compagno. Inizialmente accusava dei comportamenti minatori verso di lui sul lavoro, tanto da farlo stare male fino ad avere attacchi di panico, aver paura di uscire di casa. Io l'ho sempre tranquillizzato dicendogli che non gli sarebbe mai potuto succedere nulla, di stare sereno, addirittura gli dissi di cambiare lavoro, la cosa sembrava passata. Ma nel momento in cui sono successi degli eventi un po' particolari che lui ricollega a sé stesso, il problema è ritornato. Dal posto di lavoro i comportamenti minatori sono diventati dei suoi compaesani, dei suoi amici e addirittura dubita dei suoi familiari. Fatto sta che dopo più di un anno, lui è convinto di essere seguito, le persone fanno appostamenti per vedere dove va e tutte queste persone comunicano tra loro. Dice che il suo telefono è stato hackerato ed è sotto controllo da queste persone, non solo, amche il mio telefono e quello dei suoi familiari. Quindi tutti sanno cosa fa e dove va. Siamo arrivati al punto che io non posso utilizzare più il telefono in sua presenza e se ci sono dei telefoni di non parlare a voce alta. Non so veramente come aiutarlo, ho provato all'inizio di farlo ragionare e parlare con qualcuno ma mi dava contro, dicendo che stava bene. I suoi e i miei familiari hanno provato a dirgli la stessa cosa ma diventava irascibile. Come mi devo comportare? Ho paura che questa situazione metta in serie difficoltà il nostro rapporto, perché io sto evitando il discorso quando mi parla di ciò che vede intorno a lui, ma facendo così sento di non essere sincera, per me i problemi vanno affrontati! Grazie per l'ascolto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 24 GIU 2019

Buongiorno Katia,

il rischio è proprio quelli, ovvero che i sintomi inquinino non solo l'ambito lavorativo, ma anche quello amoroso, famigliare. Le consiglio di provare a parlare con il suo compagno ed insistere sull'intraprendere un percorso psicologico presso un professionista della zona.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole mi può contattare.
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda
(Lecco e skype)

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1664 Risposte

1177 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17000

psicologi

domande 24050

domande

Risposte 86700

Risposte