Panico e pianto per paura di malattie a persone care

Inviata da misslaura · 17 nov 2019 Mobbing

Buonasera,
Premetto che vengo da un periodo molto brutto,in cui sono stata vittima di mobbing e bullismo e al contempo sono uscita da una relazione in cui stavo con un uomo violento. Al momento soffro di paura e attacchi di ansia pensando che i miei genitori possano avere qualche malattia. Vedo i sintomi lampanti e in più loro non mi aiutano non facendo nessuna visita. Ho un panico totale e non capisco se i miei siamo sintomi psicologici o se davvero loro siano malati. Non so mi sento agitatissima. Scusate per il disturbo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 22 NOV 2019

Buongiorno Laura,
le situazioni relazionali che lei descrive sono veramente delicate. Da quello che lei riferisce, gli attacchi di ansia che descrive si relazionano alla paura di perdere i suoi genitori, probabilmente tra le persone più care per lei. Sarebbe importante approfondire cosa c’è alla base di questa paura (improvvisa?) della loro perdita, e cosa ha motivato tale ansia: è avvenuta subito dopo i suoi episodi di mobbing, bullismo e la chiusura del rapporto violento? E come è il rapporto con i suoi genitori? Non conosco la sua storia personale per commentare meglio, pertanto le consiglierei di cercare l’aiuto di uno psicoterapeuta affinché lei rielabori tutte le questioni riferite alla luce della sua storia di vita, per così ritrovare il suo benessere. Rimango a disposizione.

Cordiali saluti,
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

618 Risposte

307 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 NOV 2019

Buongiorno,
nessun disturbo, lei sta attraverso un periodo stressante e doloroso e molti eventi sono accaduti che possono ragionevolmente spiegare perchè ora lei stia male: oltre alle conseguenze psicologiche dovute all'essere stata vittima di bullismo e mobbing (di per sè più che sufficienti per causare stress ) lei ha terminato una relazione affettiva (con le dovute implicazioni emotive legate alla fine di una storia) e per lo più con un uomo violento (caratteristica che peggiora la capacità e la possibilità di una persona di far fronte a ciò che le accade e che sicuramente ha bisogno di essere elaborata nelle e per le sue implicazioni emotive).
Inoltre, lei parla di "paura che i suoi genitori possano avere qualche malattia" e di confusione nel capire se siano sintomi o dati di realtà (è possibile ipotizzare che siano più espressione di un timore e di una paura che segno di una malattia vera): tenga presente che l'ansia, vissuta dalle persone sempre con disagio e preoccupazione, è in realtà una risposta fisiologica dell'organismo e della mente a un pericolo reale o immaginato e, spesso, assume funzione adattativa e comunicativa, informandoci che qualcosa sta accadendo dentro e intorno a noi e ci "costringe" a rivolgere l'attenzione al nostro corpo e alle nostre emozioni: credo che questo qualcosa che sta accadendo dentro e intorno a noi sia ciò a cui lei deve prestare attenzione e , quasi sicuramente, la sua paura che i suoi genitori possano essere malati è successiva agli eventi di vita che lei ha descritto e, pertanto, solo paura: non è possibile ricostruire in questa sede quale sia la correlazione tra eventi e sintomo ma è importante lavorare sugli ultimi eventi di vita che ha precedentemente descritto e sul significato dei sintomi e capire cosa ci vogliano dire o ci stiano già comunicando con la loro presenza (quando sono apparsi per la prima volta, in quale occasione, in quale contesto, qual'è stato lo stimolo trigger, come ho reagito e vissuto agli eventi che mi sono capitati, quando si attiva la paura per la malattia dei genitori, cosa era successo, che significato gli do ecc..).
Un lavoro sul sintomo e il suo significato e che dia spazio alla espressione delle emozioni e alla loro elaborazione può sicuramente darle sollievo e aiutarla a riprendere in mano la sua vita!
Le auguro di trovare l'aiuto che cerca e di stare meglio!
Cordialmente,

Dott.ssa Federica Martino
Psicologa e Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Martino Psicologo a Varese

59 Risposte

23 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Mobbing

Vedere più psicologi specializzati in Mobbing

Altre domande su Mobbing

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17950

psicologi

domande 27600

domande

Risposte 95200

Risposte