Orgasmo

Inviata da Tiziana · 17 gen 2019 Problemi sessuali

Salve,
vorrei chiedere un parere riguardo una situazione. Sono fidanzata da poco tempo, circa 9 mesi. È la mia prima relazione seria e la mia prima volta in tutto, e è tutto come immaginavo e speravo. Lui mi vuole bene, mi rispetta, mi ascolta, siamo complici, siamo sulla stessa "lunghezza d'onda" salvo per un ambito che, per quanto mi riguarda, è decisamente deludente: la sfera sessuale.
Come ho gia detto per me è stata la prima volta in tutto, (per lui no),dal sesso orale alla penetrazione vaginale. Io non ero pratica, e anzi inizialmente anche titubante se facevo bene etc... ma lui ha sempre raggiunto l'orgasmo una o anche più volte, rassicurandomi sempre che facevo bene.
Io no.
Sono lubrificata, il contatto iniziale, lo "sfioramento" mi piace, ma poi andando avanti inizio ad avere fastidio, fino a farmi male. Un po' credo di non essere "eccitata mentalmente", coinvolta, presa da quello che sto facendo o che ricevo, e probabilmente perchè lo vedo come una cosa che "devo" fare per farlo contento, quando io potrei stare anche senza dato che non provo piacere.
Anche oralmente non posso dire di provare piacere, mi fa solletico e quindi mi tremano le gambe (è normale?), quindi dopo un po' mi stanco di tremare come una foglia e lo sposto. Per quanto riguarda la penentrazione vaginale, siamo ancora all' inizio, sono circa 2 mesi che lo pratichiamo, io non sento quasi nulla, se non ovviamente il pene dentro di me. Per adesso abbiamo sperimentato solo la classica posizione con lui sopra e la donna supina, e ho provato a stare io sopra di lui, ma non riesco e non so come muovermi.
Tutto questo mi frustra, lui sa che non ho mai raggiunto l'orgasmo perchè gliene ho parlato, io da inesperta, non so come aiutarlo, e continuamo sempre a fare le stesse cose che danno sempre gli stessi risultati. Consigli? Suggermenti per posizioni che magari possono facilitare l'orgasmo femminile. Quale potrebbe essere la premessa, l'ambiente idoneo e stimolante per avere desiderio e eccitazione "mentale"?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 GEN 2019

Gentile e simpatica Tiziana,
innanzitutto grazie per la sua sincera testimonianza che lascia trapelare tutto lo stupore che si può sperimentare di fronte ad un 'esperienza che si immagina dovrebbe risultare esaltante e appagante e invece "provoca solo un pò di solletico, per di più dopo un pò, solo fastidioso". Le tremano le gambe, non per un incontenibile stato orgasmico, ma soltanto perchè stimolando certe terminazioni nervose , si può provocare in assenza di una adeguata eccitazione, giusto una reazione di questo tipo, che sembrerebbe alla meglio avvicinarsi più ad una grassa risata che ad altra più invitante risposta. Questo è un messaggio che molti uomini dovrebbero leggere per capire quali abissali distanze possano separare la risposta sessuale di una donna da quella di un uomo. Ciò che mi colpisce di più nel suo racconto, è la tranquillità con cui il suo fidanzato pare vivere la situazione, riuscendo ad ottenere comunque il proprio piacere più e più volte , nonostante le sue perplessità e il suo disappunto. Mi chiedo come questo sia possibile se non considerando scarsamente il sentire della propria donna. Questo aspetto soprattutto, nella vostra relazione, la deve fare riflettere perchè è rappresentativo di un campanello d'allarme. Forse lei dovrebbe andare ad indagare le ragioni inconsce che determinano la sua chiusura o forse più semplicemente dovrebbe cambiare partner sessuale e comprendere che è necessario sperimentare un pochino di più anche in questo campo, per comprendere ciò che può fare al caso proprio senza sentirsi donne perdute. Ricordi inoltre che un uomo che desidera sessualmente una donna , può apparire estremamente duttile sul piano dei possibili interessi e gusti comuni, senza con ciò sentirsi in obbligo d'essere necessariamente sincero. Se lei riesce attraverso l'autostimolazione e fantasie adeguate a provare piacere, significa che non c'è niente che non vada nelle sue risposte emozionali e che, ciò che non va, è da ricercarsi nella relazione di coppia o nella scelta di un partner che le può fare giusto "il solletico".
Cordiali saluti.
Dott.ssa Giuseppina Cantarelli
Parma

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli Psicologo a Parma

191 Risposte

653 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GEN 2019

Buonasera Tiziana,
le prime esperienze possono essere deludenti per svariate ragioni, di fatto la sessualità è una parte importante della dimensione umana ed altresi complessa. Sono coinvolte le nostre emozioni, la percezione del corpo, i vissuti psicologici. Occorre un cammino di consapevolezza e di crescita personale che dura tutta la vita.
In ogni caso lei potrebbe intanto accedere a qualche colloquio da una psicosessuologa per sbloccare eventuali inibizioni o blocchi presenti.
Resto a disposizione
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2240 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 GEN 2019

Buonasera Tiziana,
le consiglierei di rivolgersi ad uno psicologo per rielaborare la situazione e il suo vissuto. Per il momento non si scoraggi e cerchi di affrontare la cosa con più serenità. Non conosco la sua storia per cui non posso dire altro ma credo non sia una questione di posizioni ma semplicemente psicologica che di conseguenza diventa psico-fisica.
Rimango a disposizione.
Cordiali Saluti
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

535 Risposte

239 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 GEN 2019

Carissima Tiziana,
lei appare come una donna confusa. Si è affacciata a questa relazione importante con titubanza legata al sesso e questo l'ha portata, dopo vari tentativi, ad una condizione di anorgasmia in quanto non riesce a provare piacere. C'è quindi da andare ad analizzare le ragioni inconsce che la bloccano e non le permettono (super io rigido) il raggiungimento del piacere. Le consiglio pertanto di rivolgersi ad un bravo psicologo della sua zona o meglio ancora presente su questo sito ma che usi Skype.
MI faccia pure delle domande se ne ha bisogno!

Dott. Angelo Feggi - Psicoanalista Genova

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

473 Risposte

731 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Problemi sessuali

Vedere più psicologi specializzati in Problemi sessuali

Altre domande su Problemi sessuali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88350

Risposte