Omosessualità. Si può guarire?

Inviata da marco · 16 apr 2014 Orientamento sessuale

Mi chiamo Marco e ho 22 anni. Parecchi anni fa provai attrazione verso un mio compagno di classe e di banco. Mi dichiarai e adesso lui mi odia. Pensai ad una fase di passaggio dato che, obeso, mi sentivo rifiutato da tutti. Adesso, dopo aver perso 38 kg sono molto ricercato dall'altro sesso. 5 ragazze mi sono venute dietro negli ultimi due anni. Ma credo di essermi innamorato del mio professore di università, etero e sposato. Mi piace mentalmente. Ma ho paura che la cosa possa sfociare in altro. Che devo fare? Sono in confusione totale.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 APR 2014

Buongiorno Marco, parti dal presupposto che l'omosessualità non è una malattia! Devi fare chiarezza dentro di te, magari con l'aiuto di un terapeuta potrai innanzitutto prendere coscienza di quale sia il tuo orientamento e capire la tua sessualità. in secondo luogo potrai affrontare con più consapevolezza l'innamoramento verso il tuo professore.

Dott.ssa Bigoni Federica Psicologo a Pistoia

13 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 APR 2014

Gentile Marco,
non possiamo essere noi a dare delle "linee di condotta" su come si dovrebbe comportare in questa situazione, soprattutto senza una conoscenza diretta. Se trova difficoltà nell'accettazione della sua omosessualità o nel rapportarsi agli altri, sarebbe opportuno consultare un Collega di persona.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

761 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 APR 2014

Gentile utente,
vada da uno psicologo psicoterapeuta. Questi argomenti non si possono risolvere con un consulto on line; occorre prendere in considerazione i rapporti familiari con le figure genitoriali, eventuali altri rapporti con figure significative, eventuali esperienze pregresse di tipo traumatico, i rapporti sociali attuali ecc.. Può capitare di essere attratti da ambedue i sessi e un percorso di chiarimento relativo al presente e al passato è necessario per uscire da situazioni complicate o di stallo.

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

726 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 APR 2014

Gentile Marco,
l'omosessualità NON è una malattia, per cui non si può guarire da essa!
Credo che lei comincerà ad essere felice dal momento in cui si accetta, proprio perché non c'è nulla di cui vergognarsi. Tuttavia deve essere lei a convincersene, altrimenti rischia di frustrare i suoi desideri.
Cordiali saluti.
Dott. Petrozzi.

Petrozzi Roberto Alex Psicologo a Savona

32 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 APR 2014

Sono sempre io. Diciamo che non ho specificato una cosa. E professore e tutor di progetti. Ho molto legato. Parliamo di tutto... anche tramite mail ... delle cose più svariate. Per me avrà capito qualcosa. Cosa devo fare per non metterlo in imbarazzo? Come comportarmi? Grazie.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 APR 2014

Ma come devo comportarmi per non metterlo in imbarazzo? Ha capito qualcosa ... si è venuto a creare un rapporto confidenziale ... tra noi... mi segue in alcuni progetti e parliamo tramite mail ...

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 APR 2014

Caro Marco, credo che la sua paura sia assolutamente comprensibile dato che nel momento in cui si è dichiarato al suo compagno di classe ha sentito di ricevere in cambio "odio" e "rifiuto". I sentimenti che prova nei confronti del suo professore probabilmente la spaventano e la confondono perchè c'è l'incognita del come possano essere accolti. In più si tratta di una situazione meno facile da gestire rispetto a quella ipotetica con le ragazze che le hanno fatto la corte di cui ha parlato. Fare un pò di chiarezza sulle sue emozioni credo che possa aiutarla a toglierla dalla confusione e permetterle di gestire la situazione nel modo migliore.

Dott.ssa Giorgia Fantinuoli Psicologo a Torino

4 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 APR 2014

Caro Mark
Considerata la sua confusione riguardo il suo orientamento sessuale le consiglio di rivolgersi ad un terapeuta cognitivo comportamentale, in modo da fare chiarezza sui suoi stati emotivi e processi cognitivi.

Dott.ssa Rossella Boretti Psicologo a Prato

111 Risposte

101 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 APR 2014

Buongiorno Marco, non sono tanto motivata a darti una risposta relativamente al tuo sentirti, in alcune occasioni, attratto da persone del tuo sesso, quanto nel ritenere che non hai ancora superato la fase adolescenziale per quanto attiene al tuo orientamento sessuale prevalente. Come dici tu, il disagio che ci esprimi è dovuto alla tua confusione in merito. Lungi da me l'optare per una scelta prestabilita, in quanto ogni essere umano ha diritto di sentirsi libero nell'esprimersi secondo il suo gusto personale. Sono propensa a darti una mano nel fare una breve ricerca interiore, prima di indirizzarti ad uno specialista di qualsiasi estrazione esso sia. Se credi puoi contattarmi tramite questo sito, senza impegno economico. Ciao.

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

648 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 APR 2014

La informo che sul mio profilo troverà un articolo proprio sull'omosessualità e sul ruolo dello psicologo. Spero le sia di aiuto.
Dott.ssa Frandi Claudia

Dott.ssa Frandi Claudia Psicologo a La Spezia

43 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 APR 2014

Salve Marco,
comprendo la sua confusione, ma voglio rassicurarla. Ciò che sta vivendo è comune a molti ragazzi e non ha nulla di preoccupante. Deve cercare la sua strada facendo luce dentro di sé.
Non vi è nulla di anormale nel provare dei sentimenti verso persone del proprio sesso.
Deve capire se questa è la sua strada, se e come la vuol percorrere.
Mi occupo di problematiche come le sue e mi sento di consigliarle un colloquio con un professionista che possa aiutarla.
Volendo sono disponibile per colloqui on-line.
Per qualsiasi altra domanda non esiti a contattarmi.
Nel frattempo le porgo un cordiale saluto.
Dott.ssa Frandi Claudia

Dott.ssa Frandi Claudia Psicologo a La Spezia

43 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 APR 2014

Caro Mark,
l'omosessualità non è una malattia ma un orientamento della propria sessualità e una scelta più o meno consapevole relativa alla propria identità. Non sempre la consapevolezza di tale orientamento viene accettata con serenità per diversi motivi di vario genere ( culturali, sociali, religiosi, ecc) e per questo è spesso accompagnata da conflittualità e da sensi di colpa. Vale la pena, vista anche la sua giovane età, cercare di fare luce su questi aspetti con l' aiuto di un terapeuta che la accompagni a comprendere e ad accettare la sua identità.
Saluti. Dott.ssa Lilia Di Rosa

Dott.ssa Lilia Di Rosa Psicologo a Catania

62 Risposte

22 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 APR 2014

Buon giorno Mark,
L'omosessualità non è una malattia, non esistono pasticche o altro per curarla, ma soltanto un viaggio dentro noi stessi che ci permetta di vivere il nostro stato senza sentirsi in colpa, malati o diversi... Ma poi diversi da chi? Io le consiglierei di rivolgersi ad un collega nella sua città per aiutarlo a vivere la sua sessualità in modo sereno senza più paura.
Buona giornata
Dott.ssaPetrini Consuelo

Dott.ssa Petrini Consuelo Psicologo a Porto San Giorgio

31 Risposte

9 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 APR 2014

Caro Marco,
capisco le difficoltà e la confusione che l'orientamento sessuale può causare. Oggi, a differenza di quanto avveniva anni fa, l'omosessualità non è più considerata una malattia, bensì appunto un orientamento sessuale, pertanto si è finalmente giunti a comprendere che non sia corretto attuare interventi volti a "guarire". Tuttavia, potrebbe essere utile prendere in considerazione un percorso psicologico, attraverso il quale cercare di capire perché il proprio orientamento sessuale (eterosessuale, omosessuale o bisessuale che sia) sia fonte di disagio, al fine di poter vivere il più serenamente possibile la propria vita amorosa e sessuale.

Le faccio un grosso in bocca al lupo

Dott.ssa Alessia Romanazzi Psicologo a Saronno

52 Risposte

111 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2014

Egregio signor Mark,
mentre un tempo l'omosessualità era considerata dall'Associazione Psichiatri Americani una patologia da curare, oggi non lo è più, viene considerata dai manuali diagnostici internazionali una modalità di espressione della propria sessualità. Tuttavia gli psicoterapeuti cognitivo comportamentali conservano specifici protocolli di intervento terapeutico validati e utilizzati un tempo con elevato successo per chi si sente in qualche modo a disagio e vuole modificare il suo orientamento sessuale e desidera modificarlo.
dr paolo zucconi sessuologo clinioc e pscoterapeuta comportamenytale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1570 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Altre domande su Orientamento sessuale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88400

Risposte