non voglio diventare come mio padre

Inviata da maria il 4 gen 2019 Terapia di coppia

Nel rapporto con il mio ragazzo, ora che c'è più confidenza, mi sono accorta che sto cominciando a comportarmi esattamente come mio padre! Cioè rispondo in modo maleducato, con tono di voce sgarbato e parole offensive, sono scontrosa e mi arrabbio sempre per cose di poco conto, facendole passare come tragedie! Non voglio essere così, nel modo più assoluto! Aiuto! Cosa posso fare per non diventare inesorabilmente come lui?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

salve maria, spesso noi tendiamo a riprodurre con gli altri dei comportamenti e dei modi di fare generali che abbiamo appreso durante la nostra vita dalle persone che ci sono più vicine. questo è normale ma se dovessimo accorgerci che questo modo di fare non rispecchia le nostre caratteristiche di base possiamo fermarci ed invertire la tendenza. certo, può essere davvero difficile ma il fatto che lei già abbia molta consapevolezza in merito al suo funzionamento potrebbe essere un elemento a suo favore. mettersi in discussione è davvero importante in questi casi!
saluti
virginia valentino

Dott.ssa Virginia Valentino Psicologo a Avellino

70 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Maria,
Innanzitutto é importante capire da dove deriva la sua rabbia, quali sentimenti copre. In genere dietro una rabbia istintiva c’é una sofferenza difficile da riconoscere e accettare. Provi a focalizzare meglio il momento in cui si attiva, potrebbe trovare aspetti interessanti la cui consapevolezza potrebbe avere una ricaduta sulle reazioni istintive che vorrebbe modificare.
Se dovesse avere difficoltà a farlo da sola, si faccia aiutare da uno psicoterapeuta della sua città.
Un caro saluto.
D.ssa Patrizia Mattioli

Dott.ssa Patrizia Mattioli Psicologo a Roma

69 Risposte

26 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Maria, già che abbia la consapevolezza di agire comportamenti che non trova funzionali rende tutto più semplice. Nelle famiglie impariamo schemi relazionali e comunicativi che sono come una sorta di linguaggio; linguaggio che può piacerci o no ma a cui siamo esposti. Il rischio di riuscire a comprendere e parlare con quel linguaggio chiaramente c'è perché è quello che abbiamo sperimentato ma si può cambiare linguaggio. Prima di tutto rendendone consapevolezza e poi comprendendo a quali emozioni, bisogni e credenze si accompagnano quei comportamenti. Può farsi aiutare da un/a professionista a fare questo lavoro in modo da essere facilitata nell'esplosione di queste parti di sè. Un caro saluto. Luisa

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

321 Risposte

373 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77250

Risposte