Non so se lo amo ancora..?

Inviata da Graziana · 3 feb 2018 Terapia di coppia

Ho 18 anni e sono fidanzata da due anni con un ragazzo di 20.. conoscenze e cotte per ragazzi ne ho avute, ma questa è la mia prima relazione.
Il nostro è stato amore a prima vista, io mi sono innamorata all’istante di lui e ho sempre avuto una forte attrazione fisica mei suoi confronti, e viceversa. Essendo innamorata, lui è entrato sin da subito nel mio mondo: in famiglia, tra i miei amici, nelle mie passioni. Inoltre con lui ho perso la verginità.
Da un bel po di tempo il nostro rapporto è cambiato, la causa principale è l’eccessiva gelosia da parte sua che sfocia in una incapacità di difesa nei miei confronti (fa il gradasso solo dietro al cellulare e a me da fastidio perché a me piace affrontare le situazioni faccia a faccia), il continuo apprezzare altre ragazze per stuzzicarmi e cosa più importante la sua immaturità, a volte mi sembra di parlare con un bambino; non è ancora entrato nell’ottica che se si vuole un futuro dignitoso bisogna muoversi.
Io non ho avuto una infanzia felice e ciò mi ha portato a crescere in fretta, per questo a volte penso che forse sono io il problema..
L’attrazione nei suoi confronti è diventata altalenante e solo quando ho la necessità di stare con lui andiamo d’accordo (dopo un po’ la sua presenza mi infastidisce ma allo stesso tempo non posso farne a meno), altrimenti sono continui litigi e a volte anche pesanti. Riusciamo ad andare d’accordo per qualche giorno solo dopo aver avuto rapporti(ciò capita di rado visto i miei impegni e l’impossibilità a volte di rimanere soli).. poi punto a capo.
Passiamo molto tempo insieme tutti i giorni, ma è diventata una routine in quanto non si fa mai nulla di diverso oltre a una passeggiata ogni tanto o da soli o con amici , o stare in casa. Sento il bisogno di evadere.
Mi sono presa una settimana di pausa da lui, poi ci siamo rimessi insieme e le cose sembravano andare per il verso giusto, però poi tutto è ritornato come il solito.
Io comincio a pensare ad altri ragazzi.. però poi con la mente torno sempre da lui.
Io vorrei un futuro con lui, ma non riesco ad immaginarlo più come la mia “favola d’amore”.
Sono confusa e non voglio fargli del male, è un bravo ragazzo, dolce e affettuoso.. però vorrei un uomo accanto e non un bambino da crescere. Con lui ne ho parlato e ogni volta si fa discussione in quanto lui sostiene di darmi tutto e di non farmi mancare niente, ciò è vero solo per quanto riguarda il fatto che mi riempie di attenzioni, ma di fondo non c’è nulla o meglio non percepisco nulla, e ciò mi spaventa.
Non so cosa fare..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 5 FEB 2018

Gentile Graziana,
è un peccato che con questo ragazzo tu abbia bruciato le tappe e ti sia fatta guidare troppo dalle pulsioni e dall'emotività e molto poco dalla prudenza e dal buon senso.
Hai già provato a prendere qualche pausa e a sensibilizzarlo ma non è servito pressocchè a nulla e temo che le cose non cambieranno.
Pertanto, a mio avviso, per sperare di salvare questa relazione occorre un adeguato periodo di psicoterapia di coppia in cui possiate entrambi essere aiutati ad un confronto consapevole e alla crescita personale.
Diversamente, penso che la relazione non abbia un futuro ma che anzi possa essere fonte di notevoli problemi che sarebbe preferibile evitare.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7523 Risposte

21052 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 FEB 2018

Cara Graziana,
la sua confusione riguardo alla relazione che si trova a vivere è più che comprensibile. Nonostante la sua giovane età, lei dimostra di essere una ragazza molto matura e consapevole. Questo la porta inevitabilmente a porsi una serie di domande sulla relazione che sta vivendo ricercando poi, con il suo ragazzo, un confronto che però non si dimostra essere produttivo. Se dovesse averne necessità, per poter far chiarezza le consiglierei di rivolgersi ad uno Psicologo della sua zona per qualche seduta di counseling, in modo che possa far emergere ed intervenire efficacemente sulle sue criticità.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1139 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29800

domande

Risposte 101300

Risposte