Non so più cosa sta succedendo dentro di me

Inviata da Gianluca · 18 ago 2015 Autostima

Ciao a tutti,
mi chiamo Pasquale, ho 18 anni e praticamente sono un ragazzo sfigato e paranoico che si fa problemi su tutto, ho perso la spontaneità nel fare e dire le cose, non ho amici perché sono sempre stato un ragazzo timido, insicuro e senza autostima. In 18 anni della mia vita non ho mai conosciuto e soprattutto parlato con una ragazza, soffro di disagio sociale. Adesso da 3 giorni a questa parte non sono più me stesso con nessuno (neanche in famiglia), non riesco più a fare niente di spontaneo (troppi film mentali che non esistono). Non riesco a sfogarmi con nessuno, non mi arrabbio più come prima, penso che nessuno accetti i miei sfoghi e sciocchezze varie. Come già detto prima non sono più spontaneo su niente, non ho né la forza di reagire né quella di andare avanti, sono un ragazzo distrutto mentalmente e fisicamente. Sto incominciando a farmi paranoie mentali anche in casa, dove sono sempre stato sicuro di me stesso al contrario di fuori dove non lo sono mai stato. Adesso sono scoppiato a piangere perché sono disperato, perché non posso essere come gli altri che hanno una vita tranquilla, sono sicuri di se stessi e soprattutto non si fanno problemi su niente e si godono la vita così com'è. Reagisco solamente piangendo, non provo più niente come prima, sono confuso,senza idee e sto impazzendo.
Probabilmente ho qualche malattia ma non lo so, soffro di qualche disturbo. Sono 3 anni che non esco più di casa, sono asociale e non so a chi chiedere aiuto. Grazie per il sostegno morale che mi riuscite a dare.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 AGO 2015

Gentile Pasquale,
paura, sofferenza, stanchezza emergono chiaramente e con forza da questo suo messaggio, così come emerge il fatto che ha raggiunto il livello di sopportazione e sente l'esigenza cambiare la sua attuale situazione. Rivolgersi alla sua rete sociale può essere di aiuto ma non è sufficiente. Si conceda la possibilità di intraprendere un percorso psicologico nel quale approfondire, ricostruire la genesi e i fattori di mantenimento ed interpretare questo suo disagio. Non si preoccupi delle etichette diagnostiche, si concentri sulle sue emozioni e i suoi vissuti e li utilizzi come molla per fare qualcosa per sé. Laddove lo ritenga opportuno può coinvolgere anche i suoi famigliari in questo percorso. Lavorare sul contesto di vita è uno strumento in più che è bene non dimenticare.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Stefania Valagussa

Dott.ssa Stefania Valagussa Psicologo a Concorezzo

251 Risposte

1040 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 AGO 2015

Caro Pasquale,
siccome hai solo 18 anni e si può dire che sei ancora adolescente, mi chiedevo cosa può averti fatto diventare così come ti descrivi. Intanto devi sapere che ti stai appena affacciando alla vita sociale e, poco per volta tutto può cambiare, anzi tutto certamente cambierà!
Siccome la timidezza e l'ansia sociale non si ereditano con i cromosomi, mi viene da pensare che in famiglia , negli anni dell'infanzia e dell'adolescenza probabilmente non hai avuto, come accade a tanti, la fortuna di essere educato e accompagnato a conoscere ed apprezzare quelle esperienze che facilitano le relazioni e i contatti tra bambini o ragazzi, ad es. gite scolastiche, feste a casa di amici, pratiche sportive etc.
Con questo background negativo probabilmente la timidezza te la sei portata anche nella scuola media inferiore e superiore ove, essendoci classi miste, le interazioni sociali tra ragazzi e ragazze sono inevitabili. Forse perciò, quando dici che non hai mai parlato con una ragazza intendi dire che non hai mai avuto esperienze sentimentali ma questo, per un ragazzo timido della tua età è molto frequente e non ti devi sentire un marziano per questo.
Ovviamente, questa eccessiva timidezza ed incompetenza sociale deve essere corretta anche perchè si ripercuote sul tono dell'umore e contribuisce a mantenere un circolo vizioso che mantiene troppo basso il tuo livello di autostima.
Ti suggerisco di parlare con i tuoi genitori, dire anche a loro che sei cresciuto con le carenze e le disfunzioni caratteriali che ci hai descritto e chiedere di sostenerti per un percorso di psicoterapia che ti faccia superare l'ansia sociale e acquistare più autostima.
Segui il mio consiglio e non stare a piangerti addosso perchè per te la vita vera comincia adesso!
Cari saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio Campagna (Salerno)

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7297 Risposte

20610 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 AGO 2015

Caro Pasquale, è molto difficile poter raccogliere tutto questo malessere tramite una mail ed è altrettanto difficile poterti aiutare concretamente.
Non sei l'unico adolescente ad avere insicurezze e paranoie, è solamente che molti tuoi coetanei le affrontano in modo più spavaldo e ricorrendo a sostanze varie.
Io credo che tu, invece, di autostima ne abbia abbastanza per trovare il coraggio di reagire a tutto questo disagio.
Innanzitutto esci da casa, perché il mondo e il confronto con gli altri arricchiscono e non uccidono, e poi rivolgiti ad uno psicologo della asl quanto prima, non perché tu sia malato, ma per porre subito sollievo alla tua sofferenza, prima che ti spenga ancora di più.
Attraverso un percorso psicologico potrai comprendere meglio da dove nascono le tue paranoie ed insicurezze e le modalità migliori per affrontarle, vincerle e tornare sereno.

I miei migliori auguri.
Dott.ssa Annalisa Iovane

Dott.ssa Annalisa Iovane Psicologo a Roma

138 Risposte

112 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 AGO 2015

Ciao Pasquale apprezzo e stimo molto il tuo coraggio e come ho potuto notare hai trovato un modo di sfogarti e parlare di te. Non sei il solo alla tua etá a sentirti nel modo in cui ti sei descritto ed hai proprio il diritto di vivere i tuoi anni ritrovando in te forza e comprensione. Chiedi aiuto a qualcuno che puó sostenerti in questo delicato momento della tua vita io ti consiglio di fare qualche incontro con uno psicologo qualcuno con cui puoi sentirti al sicuro,protetto e soprattutto non giudicato. Coraggio!

Dott.ssa Romina Marelli Psicologo a Roma

5 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 AGO 2015

Pasquale
recupera un poco di razionalità e vedi le cose in modo più equilibrato: non esistono questi ragazzi spensierati che si godono la vita e che non hanno alcun problema.
Ogni persona ha qualche problema e qualche preoccupazione, solo occorre osservare da vicino. Però tu hai messo questa terribile distanza tra te e gli altri ed ora ti senti agli antipodi. Il tuo essere un nerd "sfigato" (nerd te lo dico io e sfigato ti sei definito tu) esalta la presunta brillantezza di coloro che vedi come "a posto" o a "postissimo".
Dai Pasquale la distanza tra te e loro non è così ampia come tu la immagini. Siete molto più vicini.
Ora però è necessario che tu ti armi delle tue qualità e precisamente l'essere timido, inibito, e impacciato e cominci ad uscire allo scoperto e affronti questo pazzo mondo che hai davanti.
Sì, hai capito bene, le tue qualità sono proprio queste e con queste devi presentarti al mondo e non perdere altro tempo.
Dietro ogni ragazzo come te si nasconde sempre un grande cuore e tutti gli "sfigati" (oddio non tutti tutti) sono spesso capaci di grandi gesti di coraggio e generosità spesso inaccessibili a persone super sicure che cadono nell'errore di pensare solo narcisisticamente a sè.
Questa è la verità celata dietro i personaggi dei Super Eroi, hai mai pensato che volessero segnalare una realtà di coraggio e altruismo dietro l'apparente timidezza e insicurezza? Io ci vedo questo. E la stessa cosa la vedo in te.
Dai, asciugati quei lacrimoni e mettiti in testa che vali tantissimo e inizia ad andare nel mondo. Amati e fatti amare per quello che sei.
Un caro saluto Pasquale.
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7209 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 AGO 2015

Gentile Pasquale,
penso debba prendere coraggio e cercare qualcuno che la aiuti, non solo amici o parenti ma un professionista psicologo psicoterapeuta.
La cosa migliore sarebbe che lei ci vada con uno o tutti e due i genitori; manifesti loro questo desiderio/proposito. Infatti, data la sua giovane età, la cosa migliore è il coinvolgimento della famiglia. Potrebbe stupirsi della loro reazione, in ogni caso cerchi aiuto, chieda e chieda con insistenza.
cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

734 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 AGO 2015

Pasquale buongiorno, mi permetto di darti del tu perchè sei molto giovane. Nonostante la tua giovane età però stai provando un disagio molto forte che ti impedisce di fare le stesse cose che fanno i ragazzi della tua età. Il fatto di ammettere di avere un problema serio e scrivere a dei professionisti per avere un riscontro e supporto è indice di coraggio, per cui mi complimento con te per aver fatto questo primo passo. Il percorso che hai intrapreso nel chiedere un aiuto qui su questo portale è la scelta giusta; ci sono persone che ti possono aiutare a stare meglio e ad affrontare i tuoi problemi perchè hanno studiato per questo e hanno le competenze per aiutare chi ha delle difficoltà psicologiche. Non preoccuparti di quale sia il disturbo, perchè l' etichetta non è molto significativa, ma canalizza le tue risorse nella ricerca di un terapeuta che tu reputi competente ed adatto a te, cercando anche su questo sito e leggendo tra le descrizioni dei vari professionisti.
Vedrai che troverai uno psicologo/a che ti saprà capire e sostenere, a cui potrai rivolgere qualunque dubbio o domanda. Se tu dovessi avere altri dubbi o perplessità puoi riscrivere.
Ti faccio i miei migliori auguri per il futuro

saluti

Dott.ssa Linda Mannori

Dott.ssa Linda Mannori Psicologo a Sarzana

52 Risposte

36 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 AGO 2015

buongiorno Pasquale, mi dispiace molto per la sofferenza e il disagio che sta provando in questo periodo della sua vita; credo che trovarsi nella situazione che descrive sarebbe destabilizzante per chiunque, ma il suo messaggio su questo sito potrebbe essere il primo passo per ritrovare un po' di benessere: su guidapsicologi sono iscritti molti professionisti in tutta Italia, può contattare uno psicoterapeuta della sua zona e iniziare un percorso finalizzato ad una maggiore conoscenza di sé ed allo sviluppo dell' autostima. Le auguro di trovare la serenità che cerca.
Dott.ssa Alessia Picco

Dott.ssa Alessia Picco Psicologo a Giaveno

54 Risposte

126 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 AGO 2015

Gentile Pasquale,
può certamente chiedere aiuto ad un professionista psicoterapeuta vicino al so attale domicilio. Nella ricerca può usare il partale utilizzato per mandare il suo messaggio.
Penso che se ha scritto ad una comunità di psicologi forse a qualche livello senta che lei ha bisogno di un aiuto di questo tipo. Il pianto, la confusione, la sensazione di impazzire sono importanti segnali che si sta mandando per apprendere qualcosa su di se, individuando apetti di se che necessitano di cambiamento.
Un lavoro terapeutico potrà sicuramente giovarle e aiutarla a decodofocare tali messaggi contenuti nei sintomi che descrive.
I miei auguri di ogni bene.
Dr.ssa Fabiola Santicchio

Dott.ssa Fabiola Santicchio Psicologo a Potenza

18 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autostima

Vedere più psicologi specializzati in Autostima

Altre domande su Autostima

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27350

domande

Risposte 94350

Risposte