Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Non so più cosa fare della mia vita: università

Inviata da anonimo il 6 lug 2015 Orientamento scolastico

buonasera ! mi chiamo valeria e sono al primo anno di scienze e tecniche di psicologia cognitiva ... e al momento sono totalmente in crisi riguardo al mio percorso.
in parte la crisi è dovuta al fatto che sono sempre andata bene al liceo e ora mi ritrovo ad accettare voti mediocri ,ho la media del 25 al momento e ho un esame indietro di analisi matematica...
Non ho la certezza assoluta che le materie mi piacciano .. non sono entusiasta e contenta come i miei compagni di corso o le mie amiche ....
precedentemente ho fatto lo scientifico uscendo con un buon voto alla maturità(90) nonostante abbia odiato matematica e faticato con alcune materie scientifiche per cinque anni ..
Ora mi ritrovo a non saper più cosa fare nella vita . Non sono mai stata quel tipo di persona con le idee chiare sul futuro in passato e avevo pensato a medicina, Filosofia e giurisprudenza anche se adesso escluderei le ultime due dal momento che non ho né il dono della dialettica né quello della scrittura. sono sempre stata interessata dalla letteratura e dalle lingue ma non credo di voler approfondirle all’università anche per mancanza di prospettive .
attualmente sto considerando logopedia ,odontoiatria, medicina o qualcosa che riguardi l’ambito sociale. Non so più cosa fare. mi piace tutto e niente allo stesso momento . non ho idea per quanto riguarda le mie capacità o riguardo alle mie “inclinazioni” … mi piacerebbe lavorare con i bambini in futuro o stare in contatto con le persone.. amo viaggiare ma credo che questo sia irrilevante nella scelta ...
ho partecipato a un progetto di volontariato per un mese in sud America è stata una delle più belle esperienze che abbia mai fatto in vita mia ... motivo per cui avrei pensato anche a qualcosa nell'ambito della cooperazione internazionale... economia dello sviluppo e della cooperazione la escluderei perchè non sarei in grado di dare più della metà degli esami.. un'altra alternativa potrebbe essere quella di accontentarmi del mio percorso attuale e proseguire con la magistrale di "psicologia dell'emergenza" ma non ne so molto a riguardo purtroppo...
il problema è che non voglio perdere un altro anno ... ho il terrore che non riuscirò a compiere una scelta ... non so cosa fare della mia vita ... non posso permettermi di perdere troppo tempo e cambiare troppe idee...

Vi ringrazio anticipatamente, V.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Valeria,
leggendo le tue parole mi è venuto in mente un caleidoscopio, uno di quelli belli, che, quando giri, si formano molteplici configurazioni colorate e sorprendenti.

Scegliere è più difficile quando la propria personalità è ricca di sfaccettature diverse. Molto probabilmente potresti riuscire a studiare con buoni risultati ognuna delle discipline che ci ha descritto e, forse, ad appassionarti, perchè, ciascuna, assomiglia ad una parte di te.

Sei una persona in movimento e per te il tempo è importante.
Per risparmiare tempo, non fare ordine sola in questo momento di confusione. Ipotizza un breve percorso psicologico per riappropriarti di te stessa, riconoscere chi sei e cosa vorresti.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella - Rovereto TN

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2021 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Valeria,
la sua preoccupazione è comprensibile, visto che oggi molti giovani trovano difficoltà nella scelta e, soprattutto, nella prosecuzione del percorso universitario. Nella sua situazione la preoccupazione è anche legata alle prospettive lavorative future e alle sue inclinazioni. Non sempre le due cose coincidono con facilità, ma da ciò che scrive si evince che, forse non del tutto consapevolmente, ha un'inclinazione per le professioni d'aiuto. Se a ciò aggiunge le sue passioni per le lingue e i viaggi, potrebbe trovare la sua strada. Le consiglio una consulenza psicologica che potrebbe aiutarla ad alleviare il suo disagio e a capire quali sono le sue potenzialità, indirizzandola verso un percorso più consapevole.

Cordiali saluti

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Valeria,
la sua preoccupazione è comprensibile, visto che oggi molti giovani trovano difficoltà nella scelta e, soprattutto, nella prosecuzione del percorso universitario. Nella sua situazione la preoccupazione è anche legata alle prospettive lavorative future e alle sue inclinazioni. Non sempre le due cose coincidono con facilità, ma da ciò che scrive si evince che, forse non del tutto consapevolmente, ha un'inclinazione per le professioni d'aiuto. Se a ciò aggiunge le sue passioni per le lingue e i viaggi, potrebbe trovare la sua strada. Le consiglio una consulenza psicologica che potrebbe aiutarla ad alleviare il suo disagio e a capire quali sono le sue potenzialità, indirizzandola verso un percorso più consapevole.

Cordiali saluti

Centro Il Nodo Psicologo a Palermo

18 Risposte

74 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Valeria,
dalle sue parole emerge forte e chiaro lo stato di confusione attuale e la difficoltà di mettere ordine. Quando per la prima volta ci si trova nella condizione di farsi carico della responsabilità di decidere concretamente quale direzione potrebbe prendere la propria vita le scelte possono risultare difficili ed il vissuto di empasse concreto.
Dalla sua ha capacità che le consentirebbero di affrontare con successo tutte le direzioni che ha prospettato ed una personalità oltre che interessi vari e di amplio spettro.
La confusione però è cattiva consigliera e tende ad autoalimentarsi...si fermi e si conceda il diritto di guardarsi, sentirsi, esplorarsi magari affiancata da un professionista.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Stefania Valagussa

Dott.ssa Stefania Valagussa Psicologo a Concorezzo

251 Risposte

1030 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao Valeria,
dalla tua narrazione emerge una grande difficoltà a fare ordine tra molte inclinazioni e molti desideri, che lascia intuire una insicurezza di fondo su cui sarebbe utile poter fare un approfondimento. Non esiste forse, tra le tante, LA scelta giusta ma crescere e scegliere significa trovare il coraggio di prendere una strada e misurarsi con ciò che si incontra sul cammino: entusiasmi, ma anche dubbi, fatiche, cose più e meno piacevoli...Certamente sei una persona ricca di interessi e capacità: detto ciò, io penso che nulla ti vieti di coltivare sentieri diversi: puoi studiare psicologia, fare qualche esperienza in altri ambiti: tutto ti arricchirà in modo diverso e forse la tua via sarà fatta di molti sentieri. Quello principale emergerà percorrendo ogni tratto con amore e fatica. Impara a fermarti e a vivere intensamente ciò che hai scelto, cosa che sia. Se hai intrapreso una strada, non credo che sia fondamentale la media che hai, piuttosto come tu stai nel tuo percorso. Osservati mentre cammini e prendi una direzione, lasciandoti alle spalle troppi se: vedrai che un passo alla volta, l'incertezza lascerà il passo a una traccia da seguire.
Augurandoti di superare le incertezze, ti saluto cordialmente
Dott.ssa Stefania Signoroni, psicologa e psicoterapeuta (Chivasso, Torino)

Stefania Signoroni Psicologo a Chivasso

2 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Valeria, fare delle scelte implica una perdita. Scegliamo qualcosa invece di qualcos'altro. Questa perdita diventa tollerabile nel momento in cui scegliamo qualcosa (per il nostro futuro) che ha un significato rilevante per il nostro passato e per il momento presente che stiamo vivendo. Leggendo le sue parole la prima cosa che ho pensato è che noi impariamo tutto questo, anche se spesso inconsapevolmente, all'interno delle relazioni significative della nostra vita. Credo che una buona relazione terapeutica potrebbe aiutarla a capire meglio perché ha scelto scienze e tecniche di psicologia cognitiva e a cosa è dovuta questa grande insicurezza. Una buona relazione terapeutica potrebbe essere un buon trampolino di lancio per dare maggiore continuità, significato e direzione alla sua vita. Un sincero in bocca al lupo. Resto a disposizione per ulteriori domande. Dott. Massimo Perrini - Psicologo Psicoterapeuta Psicoanalista Relazionale a Roma

Dott. Perrini Massimo Psicologo a Roma

86 Risposte

134 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 19050

domande

Risposte 77950

Risposte