Non so più che fare...

Inviata da Laura · 17 mar 2021

Buongiorno,
Sono una ragazza di 23 anni, che sta vivendo da un po' di tempo una situazione un po' complessa.
Diciamo che durante le mie giornate tendo principalmente a fare esercizio fisico, cercare lavoro e studiare autonomamente per la patente.
Il punto è che tutte queste attività le vivo più come un'obbligo che come un piacere, soprattutto per me è veramente frustrante cercare lavoro.
Non sono una persona che non ha voglia di lavorare, anzi una parte di me mi dice di provare anche a fare altre esperienze lavorative che non sono di mio gradimento per avere un minimo di autonomia e indipendenza, ma c'è una parte di me che magari si immagina già le situazioni spiacevoli che potrei causare a fare certi lavori o semplicemente penso di non essere capace. Per me inviare i curriculum ormai è più un atto di rassegnazione, perché penso che nulla potrà cambiare della mia situazione. Invece riguardo la patente, sto rimandando da quasi un anno, perché al momento non ho abbastanza soldi per potermi pagare le guide, ma la cosa che più mi infastidisce è la gente che mi chiede spesso il motivo per cui non faccio la patente, alcuni lo chiedono in senso provocatorio. Io rispondo semplicemente che ho dei motivi, ma non approfondisco, anche perché se dicessi la verità sarei presa ancora più in giro.
Da tutta questa situazione nascondo e forse reprimo molta rabbia, soprattutto quando tendono a provocarmi, dentro di me vorrei dirgliene di tutti i colori, però mi trattengo perché poi passerei per la pazza di turno...
Sono molto esausta di questa situazione che vivo, stanca di vivere in questo limbo, vorrei fare qualcosa per migliorare la mia vita e vorrei tanto raggiungere i miei obiettivi non solo per me stessa, ma anche per dimostrare a tutte quelle persone che mi fanno sentire che valgo meno dello zero, che posso farcela anch'io.
Scusate se sono pesante, ma avevo il bisogno di sfogarmi....vi ringranzio in anticipo per la vostra attenzione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 18 MAR 2021

Cara Laura,
non risulta assolutamente pesante....è davvero importante riuscire a esternare le proprie paure e i propri sentimenti, per riuscire a sentirsi più leggeri e sollevati a volte. Il suo racconto è colmo di irrequietezza.
Dovrebbe prendersi del tempo per riflettere un po' su questi aspetti.. concentrarsi sulle sue passioni e sulle cose che la rendono davvero felice.
Non si rassegni nella ricerca di un lavoro, continui a cercarlo con tenacia e vedrà che riuscirà a trovare un impiego che possa soddisfarla sia praticamente che economicamente.
Inoltre dovrebbe cercare di esprimere quello che pensa, senza paura delle conseguenza, perchè questo può aiutarla nel volersi più bene e nell'onorarsi. E' molto comune avere un'intensa paura di affrontare quelle situazioni in cui si è esposti alla presenza o al giudizio di altre persone, questo spesso ci inibisce in pubblico e a volte ci annulla, ma la maggior parte delle volte si tratta di pensieri infondati da parte nostra, senza nessun riscontro.
Ma come sappiamo bene ciò che conta non è tanto la realtà in sé, ma la nostra interpretazione della realtà, la nostra percezione soggettiva della situazione, il significato che diamo a quell’evento.

Resto a disposizione!
Dr Giancarlo Gramaglia.

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

679 Risposte

327 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2021

Ciao Laura, mi sembra di capire che il giudizio degli altri ti pesa e ti influenza parecchio, ma come per ogni cosa siamo noi a decidere il giusto peso da dare. Focalizzati su quello che, invece, fai: studi autonomamente per la patente, a 23 anni non sei disposta a fare qualsiasi tipo di lavoro nonostante tu adesso sia in difficoltà economiche. Questo dimostra, per esempio, che tieni al tuo tempo che andrai a impiegare in un futuro lavoro. Non so se le persone di cui parli siano amici, famigliari o conoscenti. Il punto è che abbiamo la possibilità di scegliere di chi circondarci. fare le cose per dimostrare qualcosa agli altri può portarti a non capire invece cosa davvero fa star bene te, che è quello che conta davvero.
Un saluto
Dott.ssa Montoro Martina

Dott.ssa Montoro Martina Psicologo a Roccella Ionica

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2021

Buongiorno Laura. Non deve assolutamente scusarsi per essersi aperta al suo sfogo ne pensare che possa essere stata pesante. E' sempre bene riuscire a condividere una propria sofferenza. Da ciò che racconta, sembra che lei dia molta importana all'immagine che l'altro ha di lei e sia sensibile al giudizio, mettendo in dubbio la sua immagine personale...è forse questo il fulcro del suo disagio. Sembra inoltre avere la tenenza a reprimere le sue emozioni, non riuscendo ad esprimerle liberamente e facendo si che la appesantiscano e diventino forti dentro di lei. Capisco come debba sentirsi appunto esausta per questa pressione esterna e interna e come non debba essere facile ma ha assolutamente la possibilità di riprendere in mano la situazione e migliorare la sua vita. La cosa migliore da fare è darsi la possibilità di intraprendere un percorso psicologico che possa aiutarla a lavorare sulle sue credenze negative verso il futuro, migliorare l'immagine che ha di se e riuscire a comunicare le emozioni e i bisogni in modo assertivo, in modo concreto e passo dopo passo. Consideri inoltre la possibilità, in un momento precario come quello attuale, di poter intraprenere anche un percorso online, più comodo e in alcuni casi maggiormente economico. Rimango disponibile in privato se dovesse averne bisogno. Cordiali Saluti Dott.ssa Laura Paniccià

Dott.ssa. Laura Paniccià Psicologo a Porto Sant'Elpidio

109 Risposte

44 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2021

Buongiorno Laura, la rabbia che prova nasce dalla percezione di stallo in cui si trova e dalla paura del giudizio altrui. Se le cose che vuole fare, come trovare lavoro e conseguire la patente, sono vissuti come obblighi, come dice lei, non susciteranno mai entusiasmo e motivazione ma se venissero affrontati come opportunità di cambiamento, di crescita allora potrà trarre soddisfazione. L'approccio con cui ci poniamo di fronte alle situazioni fa la differenza, poco importa cosa pensano gli altri. Noi dobbiamo fare le cose per noi stessi. Ci pensi e mi faccia sapere. Cordiali saluti, Dott,ssa Elena Cutillo

Dott.ssa Elena Cutillo Psicologo a Pavia

46 Risposte

11 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2021

Buongiorno Laura,
grazie innanzitutto per aver condiviso con noi qualcosa di suo.
Nel leggerla mi sembra di entrare in contatto con un profondo senso di svalutazione e paura/rabbia legata al giudizio altrui. Mi colpisce la poca fiducia che ha nelle sue capacità e nel fatto che questa situazione di staticità e sofferenza possa cambiare. Ha accennato alla “rassegnazione”, ma di fatto mi sembra di scorgere in lei un moto tutt’altro che rassegnato e statico: se da un lato si avverte tutta la stanchezza e la fatica che necessariamente la accompagnano, dall’altro emergono in lei motivazione e spinta verso il cambiamento. Fa sport, cerca lavoro e contemporaneamente studia per la patente: seppure mi sembra di comprendere che queste attività siano diventate per lei una sorta di routine schematica a cui attingere per non rischiare di cadere nell’immobilità più totale, lasciano tuttavia trasparire le molte risorse che possiede e che, sicuramente anche per colpa del periodo che stiamo vivendo, faticano forse ad essere espresse col giusto entusiasmo che si meritano. Un supporto psicologico che la accompagni durante questo periodo potrebbe essere in grado di aiutarla a focalizzarsi maggiormente sui suoi bisogni ed obiettivi, e verso quelli incanalare gli strumenti e le risorse che ha a disposizione. Mi rendo conto che ciò implica un’ulteriore spesa economica che non sempre è affrontabile, ma può attivarsi nel cercare nel suo territorio studi o terapeuti che offrano tariffe agevolate, far riferimento al CSM della sua zona che offre servizi gratuiti o chiedere un supporto economico ai suoi genitori (nel caso abbia con loro una relazione basata sulla fiducia e sull’aiuto reciproco).

Le auguro il meglio,
Dott.ssa Caterina Berti

Dott.ssa Caterina Berti Psicologo a Torino

134 Risposte

121 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2021

Cara Laura, valuti un supporto psicologico per dare a sé stessa la possibilità di trovare con soddisfazione il Suo equilibrio, raggiungendo la Sua pienezza e il Suo benessere.
Buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1615 Risposte

866 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18350

psicologi

domande 29050

domande

Risposte 99350

Risposte