Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Non so cosa voglio, sono in crisi con il mio fidanzato

Inviata da Martina il 19 mar 2019 Terapia di coppia

Salve a tutti, chiedo il vostro aiuto poiché mi trovo in un momento delicato della mia vita.
Ho passato un brutto periodo, caratterizzato dalla morte di mia nonna, poi di un caro amico e infine degli animali con cui sono cresciuta.
Non ho mai realizzato a pieno tutto e non ho mai avuto modo di sfogarmi veramente, anche perché durante l'accaduto ero all'estero e non ho potuto partecipare ai funerali e ho vissuto il tutto da lontano.
Questo è per dare un'idea della situazione generale.
Quello che mi turba in questo momento è che sono in continuo litigio con il mio fidanzato.
Lo amo molto ma non mi sento rispettata ed apprezzata da lui.
Io faccio di tutto per lui, davvero, e rinuncio a tante cose e non vedo arrivare niente in cambio da parte sua.
A mio parere la relazione è squilibrata.
Lui è la mia priorità ma io non sono la sua.
Da 6 mesi si è trasferito all'estero ed è da allora che sono cominciati i litigi, perché io salto le lezioni, cucino, pulisco, faccio viaggi faticosi per raggiungerlo e non ricevo niente in cambio.
Mi dice spesso che non posso rinfacciargli le cose ma questo non è quello che voglio fare, non faccio quello che faccio per poi poterglielo rinfacciare, lo faccio perché mi piace renderlo felice e fare cose per lui, ma ad un certo punto se non vedo arrivare niente in cambio mi stanco e non mi sento rispettata.
Ho degli sbalzi d'umore incredibili che stanno rovinando la relazione perché lui è disorientato e non sa più come prendermi, dice spesso che sono cambiata e che non mi riconosce più.
Quello che penso è che lui sia un po' egoista, e che si comporti come se non fosse fidanzato.
Fa sempre quello che gli pare e non ascolta, mi sembra a volte che non gli interessi sapere niente della mia vita.
Vorrei che la relazione possa continuare perché lo amo molto e a volte mi rende la persona più felice del mondo, ma ultimamente sto più male che bene e questo mi porta ad avere pensieri negativi che mi buttano ulteriormente giù.
Sono un po' cambiata forse ma questa è la mia prima relazione seria e sto capendo solo adesso cosa voglio, in più sono successe tutte le cose di cui ho parlato all'inizio che ovviamente un po' mi hanno portata a cambiare e ad essere più fragile, ad avere più bisogno di sentirlo vicino.
Gli critico sempre che non mi rispetta e che non fa abbastanza per me, ma capisco anche che questo sia lui e che non posso chiedergli spontaneità.
Mi turba il fatto che a lui non passi neanche per la testa il fatto di fare un gesto carino per me, neanche il giorno del mio compleanno.
E quello che lui mi risponde è che più faccio così, più va sulla difensiva e meno è portato a fare gesti carini. Che a mio parere è un po' un ricatto psicologico perché vorrei avere la libertà di potermi sfogare.
Sono turbata perché passo le ore a criticarlo al telefono e poi mi sento in colpa e torno a chiedergli scusa. Non so cosa voglio so solo che sono stanca e non ce la faccio più. E anche lui è stanco e penso che arriverà a lasciarmi se la situazione non cambia.
Secondo lui esagero e questi non sarebbero motivi validi per finire la relazione.
Sono consapevole di aver bisogno di un aiuto e per questo mi sono già rivolta all'asl, ma il primo consulto psicologico sarà tra un po' di tempo quindi mi farebbe piacere cominciare ad ascoltare la vostra opinione.
Grazie!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Martina,
Mi dispiace per ciò che ha perso, è difficile sopportare il dolore e la sofferenza. Dalla lettura del racconto mi appaiono rilevanti due aspetti.
La difficoltà con questo ragazzo, il desiderio di prodigarsi per lui mettendo in secondo piano i propri bisogni emotivi. L'altro aspetto non meno rilevante, è rappresentato dalla difficoltà personale che lei vive: necessità di elaborare le perdite, sbalzi d'umore, critiche e giudizi.
Credo che debba partire dalla cura di se stessa in primis, come intende la relazione e come pensa di viverla nel presente e futuro.
Cari saluti
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2442 Risposte

2060 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77800

Risposte