Non so come comportarmi e che ruolo ho nell'emancipazione di mio marito.

Inviata da Anto. 23 dic 2016 2 Risposte  · Terapia familiare

Buongiorno, ho visto che il problema di fondo è condiviso da molte donne nella mia stessa posizione, ma ritengo che la mia situazione sia parzialmente diversa. Mia suocera non adotta nessun atteggiamento negativo esplicito nei miei confronti (anzi apparentemente mi elogia con tutti), salvo alcuni episodi, che ritengo di aver risolto. Il punto è che, da quando è rimasta vedova, mia suocera ha maturato un carattere che definirei egocentrico e narcisistico, con un bisogno costante di attenzioni, soprattutto da suo figlio che oggi è mio marito. Facendo un piccolo passo indietro, il papà di mio marito è mancato quando lui era adolescente (oggi ha 34 anni) ed era un uomo molto presente ed affettuoso. Mia suocera, a detta dei racconti di mio marito, non ha mai presentato un carattere particolarmente eccentrico durante il matrimonio, ma le cose sono cambiate da quando il marito è venuto meno. Ha iniziato a pretendere contatti quotidiani e telefonici con il figlio, al quale, allo stesso tempo, raccontava tutto ciò che le accadeva nella vita, ritenendolo un confidente, anche rispetto alle sue relazioni successive con altri uomini. Ciò si è manifestato anche durante la nostra vita di coppia: ad esempio, lei richiede costanti aggiornamenti sui nostri spostamenti quando siamo in vacanza (nel senso di foto ed impressioni per condividere con lei l'esperienza, ma come ovvio, quando sono in vacanza con mio marito vorrei starci solo con lui e non con una terza persona).
Da quando ci siamo sposati, ho chiesto che tali contatti cessassero o, quanto meno, venissero ridotti, temendo che l'opinione costantemente presente di una terza persona potesse minare alla libertà di determinazione della nostra coppia e nuova famiglia.
Diciamo che i comportamenti più pesanti di mia suocera si sostanziano nei tratti tipici del narcisimo: dall'insistenza manipolativa per ottenere risultati apparentemente futili, ma che sommati fra loro diventano pesanti nella libertà di coppia, al bisogno costante di sentirsi apprezzata, al centro dell'attenzione e dotata di potere decisionale sulla vita di mio marito e, di riflesso, anche sulla mia.
Io e mio marito abbiamo discusso in più occasioni di tale situazione e lui stesso riconosce i comportamenti inadeguati ed inopportuni di sua madre.
Senonché, ogni volta che mio marito tenta di ridurre la presenza della madre nella sua vita, si sente in colpa di averla come abbandonata. Insomma, mi pare che, da un lato, gli pesi la presenza incombente e possessiva della madre nella vita, dall'altro, si senta responsabile della stabilità emotiva della madre. Così, però, mi pare che non faccia nessun passo avanti, perché, per ogni presa di posizione, c'è anche un comportamento di rimorso.
In tutto questo non riesco a focalizzare il mio ruolo.
E' evidente che ho tutto l'interesse all'emancipazione di mio marito, anche in vista di un fututo allargamento della famiglia: vorrei avere al mio fianco una persona adulta ed autonoma con cui crescere i figli, secondo le nostre regole di coppia e non secondo canoni determinati dall'esterno.
D'altro canto non so come aiutarlo per non sentirsi in colpa, più che rassicurarlo del fatto che si trova nel giusto e che sua mamma non presenta evidenti problemi di salute o anche solo di solitudine.
Vorrei che si liberasse, ma non vorrei per altro verso essere invadente, rischiando di fare esattamente quello che fa sua madre. Non nascondo che, dentro di me, ogni tanto mi da fastidio che si mostri così preoccupato di ferire i sentimenti di sua mamma, perché ne ricavo, forse sbagliando, una sua dipendenza, che mi preoccupa per la nostra relazione presente e futura.

Miglior risposta

Gentile Anto,
da quanto lei dice, si potrebbe pensare che suo marito si faccia troppo influenzare e manipolare dalla madre in decisioni che riguardano solo voi come coppia ma ho l'impressione che le cose non stiano proprio così.
Soprattutto se suo marito è figlio unico, è ovvio che la madre da quando è rimasta vedova abbia cercato da lui più attenzioni e contatti ma questo non dovrebbe innescare gelosia da parte sua essendo diversa la natura del rapporto.
Lei può contribuire alla riduzione dei sensi di colpa di suo marito, semplicemente col non ostacolare o complicare la relazione madre-figlio, mettendo in difficoltà suo marito e facendolo sentire tra incudine e martello.
Se poi non condivide il mio pensiero, può chiedere insieme a lui una consulenza psicologica dal vivo ove possono essere forniti molti più dettagli sulla situazione.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Anto, il fatto che suo marito consideri i comportamenti di sua madre come inadeguati ed esagerati è già una cosa molto importante e non è per niente scontata perché molto spesso questa consapevolezza non c'è.
Ovviamente in una situazione di questo tipo nella quale il legame tra madre e figlio è molto forte e nella quale la presenza della madre invade quotidianamente ed insistentemente la vita del figlio, cambiare modalità di interazione può essere complicato e può richiedere un po' di tempo. Suo marito deve imparare ad acquisire una maggiore autonomia e libertà e forse ha delle difficoltà a comprendere come fare affinchè questo "distacco" sia progressivo e tale da non provocare il malessere di sua madre ed il deterioramento della relazione con lei.
Le rassicurazioni potrebbero essere del tutto inutili perché molto probabilmente i suoi sensi di colpa sono determinati da fattori emotivi, più che razionali.
Forse suo marito ha solo bisogno di un po' di tempo, ma se queste difficoltà dovessero persistere potrebbe valutare la possibilità di rivolgersi ad uno psicologo che lo possa aiutare in questo processo di allontamento.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

24 DIC 2016

Logo Dott.ssa Erica Tinelli Dott.ssa Erica Tinelli

234 Risposte

296 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
non so come comportarmi con il mio ex

1 Risposta, Ultima risposta il 13 Marzo 2019

non so come comportarmi con lui

1 Risposta, Ultima risposta il 13 Marzo 2019

Perché mio marito ha smesso di essere un marito?

1 Risposta, Ultima risposta il 10 Dicembre 2018

Vome posso comportarmi con mia figlia

3 Risposte, Ultima risposta il 13 Dicembre 2016

Depressione e Alcolismo: come aiutare mio marito?

6 Risposte, Ultima risposta il 24 Marzo 2014

Separazione difficile con marito e figli che non accettano

3 Risposte, Ultima risposta il 28 Settembre 2016

marito ansioso

4 Risposte, Ultima risposta il 21 Marzo 2018

mio marito fa uso di coca come posso aiutarlo

2 Risposte, Ultima risposta il 26 Aprile 2017