Non so come aiutare il mio compagno depresso

Inviata da Carmela · 25 ago 2015 Depressione

Salve..mi trovo in una situazione molto spiacevole per il mio compagno..penso abbia incontrato una ricaduta nella depressione ..purtroppo non ho potuto vivere la sua esperienza passata ..ma ora lui mi ha allontanato e io non so come stargli vicino perché viviamo a 360km ora...il problema è che lui non accetta la sua depressione e non la riconosce come
Patologia..mi ha repentinamente detto di non doversi rivolgere a nessuno perché non è pazzo ..si sta isolando da tutti e da tutto... E dice che solo il tempo potrà aiutarlo..help me

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 AGO 2015

Gentile Carmela,
data la situazione e la distanza non penso che lei possa fare molto se non consultarsi con i familiari stretti del suo compagno e dire a lui che sbaglia ad isolarsi e ad allontanarla e che, comunque, lei rimane disponibile a dargli una mano se lui la chiede.
Può anche provare a spiegargli che confonde la depressione con la pazzia e che è normale chiedere le cure quando si sta male.
Il fatto poi che dice che solo il tempo potrà aiutarlo dovrebbe lasciarla relativamente tranquilla perchè vuol dire che già gli è capitato di avere delle fasi depressive in precedenza che sono guarite senza alcun trattamento e la cosa può accadere nuovamente.
Pensi un poco in più anche a se stessa e non imponga troppo la sua presenza sia fisica che telefonica perchè a volte l'effetto che si ottiene non è quello sperato.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio Campagna (Salerno)

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6934 Risposte

19257 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 LUG 2017

Cara Carmela,
non deve essere facile vivere in questa situazione.
Le consiglio di richiedere il supporto di uno psicologo per affrontare insieme al suo compagno questi problemi. Avrà il giusto sostegno e guida per poter ritrovare un equilibrio nella coppia e migliorare la sua stessa qualità di vita.
Un saluto
Dott.ssa Ilaria Albano
Psicologo a Roma

Dott.ssa Ilaria Albano Psicologa Psicologo a Milano

269 Risposte

319 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 SET 2015

La depressione non è un sintomo di follia, credo che il suo ragazzo tema di scoprire chissà quali patologie si nascondano dietro il suo disagio, ma prima o poi lo dovrà affrontare. Non può forzarlo, non può obbligarlo; può farlo riflettere sui suoi comportamenti: chiudendosi ed allontanandosi da lei, in realtà rischia di mettere in crisi il rapporto, impedendole di partecipare e di condividere le esperienze che vi accadono. Non c'è peggior frustrazione che aiutare qualcuno che non vuole essere aiutato. Come ultima spiaggia: può aspettare che sia lui a cercarla, rispettando, se ci riuscirà, i suoi tempi.

M. Piera Nicoletti Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Pordenone

9 Risposte

4 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 AGO 2015

Cara Carmela, la depressione non è una patologia, è un disturbo psicologico molto frequente in questi ultimi tempi. Ed è molto triste e faticoso stare vicino ad una persona che ha questo problema. Purtroppo non si può aiutare chi non vuole farsi aiutare. E' necessario far comprendere al tuo compagno che, alle volte, tutti noi abbiamo bisogno di aiuto e che chiedere aiuto psicologico non è una vergogna. Lo psicologo al pari del medico ha dedicato con passione la sua vita a prendersi cura delle sofferenze dei suoi simili e questo genere di sofferenza, spesso è assai più seria ed invalidante di una malattia fisica. Ed, al pari di una malattia fisica, può richiedere il supporto di uno specialista. Con simpatia. Dott. Marco Tartari, Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

726 Risposte

435 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 AGO 2015

Gentile Carmela,
è davvero difficile la situazione che si trova ad affrontare e gestire, così come è difficile gestire il sentimento di impotenza che si prova nel momento in cui una persona cui si è legati sta male e non si può fare nulla per aiutarlo. Non è possibile indurre una persona ad intraprendere un percorso psicologico laddove non vi è motivazione...sarebbe controproducente. Quello che lei in questo momento può fare per suo marito è da un lato accertarsi che abbia una rete sociale di riferimento nel luogo in cui si trova e dall'altro mostrare la sua presenza, disponibilità ed ascolto laddove le parli della sua situazione o di episodi che lo hanno per protagonista. Con rispetto, senza giudizio e curiosità lo induca ad aprirsi laddove lui crea uno spiraglio per farlo. Ovviamente non si dimentichi di sè, è vero che se qualcuno cui si è legati sta male si è totalmente sbilanciati su di lui, ma pensi anche al suo di benessere e alla sua qualità della vita. Laddove lo ritenga opportuno prenda in considerazione la possibilità di un percorso psicologico in modo da avere anche lei uno spazio per condividere vissuti, perplessità, dubbi e paure ed eventualmente riflettere sulla modalità più funzionale per lei per gestire questa situazione.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Stefania Valagussa

Dott.ssa Stefania Valagussa Psicologo a Concorezzo

251 Risposte

1034 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 AGO 2015

Cara Carmela,
com'è doloroso non poter aiutare una persona cara che soffre e non vuole aiuto!

Nella sua situazione è difficile anche poter offrire al suo compagno una presenza costante e silente che lo supporti e lo porti piano piano a riconoscere di aver bisogno di un supporto.

Si attivi nel costruire una rete di sostegno nel luogo in cui il suo compagno vive, di modo che altri siano vicini, amici e familiari. Nel caso in cui le fosse possibile, parli con lui del disagi che prova, si faccia raccontare di quello che è accaduto la volta precedente e ascolti, senza giudizio.

Dalle sue parole, qualcosa potrebbe aver convinto il suo compagno che non valga la pena intervenire, che il tempo farà tutto e che chiedere aiuto corrisponda ad essere pazzi.

Talora, invece, potrebbe essere più folle il non chiedere aiuto.

Carmela, pensi anche a stare bene e, se ne sente la necessità, valuti un percorso di sostegno psicologico per sè: affrontare questo momento sola, potrebbe essere molto faticoso.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2060 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2015

Credo che lei abbia espresso un adeguato senso di vicinanza e di aiuto verso una persona a cui vuole bene e che vede in difficoltà. Pare che il suo compagno la voglia un po' escludere. Non so quanto ciò sia legato alla depressione in sè. In questi casi credo che l'unica cosa che possiamo veramente fare verso una persona a cui vogliamo bene è quella di rimanere disponibili e aperti a qualche richiesta mantenendo una condizione il più possibile serena.

Dott. Mazzoleni Damiano Psicologo a Lecco

100 Risposte

153 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2015

Gentile Carmela, è assolutamente comprensibile la sua voglia di aiutare il suo compagno ed il suo senso di frustrazione nel vedere che lui non accetta di essere aiutato. Però, purtroppo solo quando davvero la persona è consapevole di avere bisogno di un aiuto psicologico, che questo può essere utile e non forzandola. Probabilmente coinvolgendo i membri della sua famiglia, come le consigliava la collega, potreste riuscire a fargli prendere coscienza del suo problema.
Cari saluti
Dott.ssa Barnaba - Taranto

Dott.ssa Barnaba Valentina - psicoterapeuta Psicologo a Taranto

94 Risposte

304 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2015

Gentile Carmela
il suo senso di impotenza e frustrazione è palpabile, comprensibile, tuttavia la invito a non lasciarsi travolgere da questo problema. L'ipercoinvolgimento e l'ansia non aiutano a trovare soluzioni.
Sulla base dei pochi dati riportati, quello che mi sento di dirle è che, se lui non vuole essere aiutato perchè riconoscere la sua patologia gli costa troppo, va accompagnato a prendere coscienza del problema dando la propria disponibilità a intraprendere un percorso di cura insieme a lui: questo è l'unico modo documentato per aiutare chi non vuol essere aiutato. Spesso succede (purtroppo non sempre) che la motivazione del portatore del disagio cresce, quando si ha la possibilità di condividere il disagio con un membro della propria sfera affettiva di riferimento. Non so, data la distanza che vi separa, chi potrebbe essere questa persona o queste persone che potrebbero accompagnare in terapia il suo compagno: ha lui genitori, fratelli, amici accanto a sè?
Detto questo, la invito però a non farsi inglobare dal problema del suo compagno: dedichi attenzioni anche a se stessa, è importante, proprio per sostenere meglio il peso della frustrazione.
Auguri!
Dott.ssa Stefania D'Antuono

Dott.ssa Anna Stefania D'antuono Psicologo a Venezia

141 Risposte

475 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16600

psicologi

domande 22950

domande

Risposte 84250

Risposte