Non so che fare, ho paura dell'Università

Inviata da Francesco. 20 set 2017 6 Risposte  · Orientamento scolastico

Salve, mi chiamo Francesco e ho 21 anni. Sono iscritto al terzo anno di giurisprudenza. Inizialmente pensavo di farcela, mi piaceva molto questa facoltà e ho legato con vari ragazzi i primi giorni di lezione. Poi arriva la prima sessione del primo anno. Io avevo studiato mesi per preparare bene un esame e partire subito col piede giusto, conoscevo ogni cosa a memoria. Mi siedo davanti la professoressa e tutto mi cade addosso. Bocciato. Ora io ho paura di fare esami, non riesco a prendere voti alti, spesso rinuncio a presentarmi all'appello. E i miei genitori non sono di aiuto in questo caso. Non capiscono, non ascoltano, criticano solo e mi demoralizzano ogni giorno sempre di più. Posso studiare per mesi ma per loro io non avrò fatto mai nulla e di questo passo non farò mai nulla nella vita. Io sto iniziando ad avere paura dell'Università, sto male al solo pensiero di dover tornare. Io non so veramente cosa fare.

paura , genitori , riesco , male

Miglior risposta

Gentile Francesco,
l’ansia da prestazione negli studenti universitari è un fenomeno molto frequente e talvolta può portare a dei blocchi. Potrebbe, inizialmente, studiare con dei colleghi o frequentare dei gruppi studio per creare delle situazioni di condivisione. Questi primi passi potrebbero aiutarla a “relativizzare” le prove d’esame e infonderle una base di sicurezza e senso di autoefficacia.
In ogni caso, comunque, le suggerirei di affrontare un percorso di consulenza specifico che la aiuti a superare la sua condizione ansiogena.

I miei più cari auguri.
Dott. Marco Pilloni

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Francesco,
al di là dell'ansia da esame che tutti gli studenti hanno, occorre convincersi che quando un professore in sede di esame fa una domanda alla quale lo studente non sa rispondere adeguatamente è perchè non ha studiato a sufficienza quel tale argomento anche se non ne aveva la percezione.
Allora non gli resta altro da fare che completare la preparazione colmando le lacune emerse e ripresentarsi all'esame essendo anche grato al docente che è stato strumento indiretto di un miglioramento.
Va da sè che il senso di sfiducia e di insicurezza personale derivante da bassa autostima che può parzialmente interferire nella performance degli esami può essere poi corretto mediante un opportuno percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Logo Dott. Gennaro Fiore Dott. Gennaro Fiore

5430 Risposte

15297 voti positivi

Gentile Francesco,
Lei ha un ansia eccessiva che la blocca ogniqualvolta deve affrontare un esame, un impegno ove è richiesta una prestazione.
Ha già scelto una facoltà che le piace, continui il percorso universitario portandolo a completamento.
L'ansia può affrontarla e gestirla all'interno di un percorso psicologico specifico.
Per cominciare potrebbe accedere allo sportello di ascolto sicuramente esistente nella sua università per raccontare della difficoltà e individuare strategie idonee alla gestione dell'ansia.
Cari saluti
Dott.ssa Donatella Costa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Logo Dott.ssa Donatella Costa Dott.ssa Donatella Costa

1870 Risposte

1677 voti positivi

Caro Francesco,
immagino quanto sia difficile per lei affrontare questa "paura" senza il supporto della famiglia. Questa che lei definisce paura mi sembra molto vicina alla cosiddetta ansia da prestazione. Quali conseguenze pensa possano esserci se gli esami non vanno bene?
Resto a sua disposizione
Dott.ssa Nadia Fasano, Napoli

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Logo Dott.ssa Nadia Fasano Dott.ssa Nadia Fasano

94 Risposte

120 voti positivi

Buongiorno Francesco,

evidentemente l'ansia sta influenzando significativamente la sua quotidianità e nello specifico la sua esperienza universitaria. Sarebbe quindi opportuno intraprendere un percorso con un collega in Università (se esiste un servizio per gli studenti) o nella zona in cui risiede. Questo le permetterebbe di migliorare la qualità del suo benessere psicologico e di valutare con maggior serenità ed obiettività quali scelte a livello di studio fare.
Cordiali saluti
Dott.ssa Barbara Testa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Logo Dott.ssa Barbara Testa Dott.ssa Barbara Testa

89 Risposte

62 voti positivi

Gentile Francesco,

lei ha un problema di eccessiva ansia da prestazione. Le consiglio di intraprendere una psicoterapia cognitivo-comportamentale per sbloccare la sua situazione.
Le pongo una domanda, le capita mai di provare ansia eccessiva anche in altre situazioni oltre a quella universitaria?

Mi risponda pure privatamente per qualsiasi chiarimento

Cordialmente,

Dott.ssa Silvia Picazio

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Logo Dott.ssa Silvia Picazio Dott.ssa Silvia Picazio

313 Risposte

96 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Paura dell'università e paura della nostalgia

3 Risposte, Ultima risposta il 26 Settembre 2016

Ho paura dell'università e non riuscire a parlare

5 Risposte, Ultima risposta il 27 Agosto 2016

Perché ho paura dell'università?

3 Risposte, Ultima risposta il 27 Gennaio 2016

Problemi con l'università, non so cosa fare della mia vita

1 Risposta, Ultima risposta il 13 Marzo 2017

Sono sola e non so cosa fare fare nella mia vita.

2 Risposte, Ultima risposta il 06 Febbraio 2018

Grande confusione e problemi con la scelta dell'università

4 Risposte, Ultima risposta il 26 Novembre 2016

Depressione all'inizio dell'Università?

4 Risposte, Ultima risposta il 25 Ottobre 2016

Non so come scegliere fra dueragazzi Ho forse paura dell'amore?

1 Risposta, Ultima risposta il 17 Luglio 2017

Paura, ansia da prestazione.....non so cosa

2 Risposte, Ultima risposta il 09 Maggio 2017