Non sento la necessità di avere amici

Inviata da Alix · 9 mag 2022 Relazioni sociali

Buongiorno sono una ragazza di 22 anni e fin da quando ero piccola non ho mai avuto la necessità di avere amici. Durante tutte le scuole elementari mi ricordo che sarò andata a casa di qualche mia amica a giocare massimo 3-4 volte e a volte facevo finta di dimenticarmi che c'era la festa di compleanno di qualche bambino per non andare. Fino ai 13 anni la cosa non mi è mai pesata, avevo una sola amica fidata e mi divertivo a scuola con lei ma non avevo problemi a socializzare, andavo d'accordo con tutti non ero per nulla isolata. In terza media però ho notato che il "significato" dell'amicizia era cambiato, almeno per quanto riguardava le ragazze, loro preferivano parlare di ragazzi, vestiti, trucchi, ecc.., cose che a me non interessavano per niente, preferivo la compagnia dei maschi ma per conformarmi ho iniziato a seguire il gruppo delle ragazze e alla fine devo dire che non mi sono trovata male, ero una delle "popolari", uscivo tutti i sabati, spesso ci si vedeva anche dopo scuola e andavo anche a casa delle mie amiche. I miei genitori però vedendo questo cambiamento iniziarono a frenarmi parecchio, mi facevano pesare il fatto che ogni sabato spendevo 5 euro per il cinema (non me la sento di giudicare però sinceramente a me non mi sembrava esagerato), facevano delle tragedie ogni volta che uscivo e ci tengo a precisare che le mie uscite erano o cinema o gelato perchè abitavo in un paesino e quello era il massimo che potevo fare. Alla fine a causa di queste pressioni piano piano a malincuore decisi di staccarmi dal gruppo approfittando dell'inizio delle scuole superiori e trattai molto male alcuni miei amici per tagliare tutti i ponti con loro. Al liceo provai a ricominciare perchè in quel periodo cercavo amicizie ed anche li ebbi una possibilità ma alla fine a causa di altri problemi decisi di lasciar perdere anche perchè avevo deciso di cambiare scuola. La cosa negativa della scuola nuova era che fossero praticamente tutte ragazze e quindi trovai poche persone con cui condividere i miei interessi che non sono molto femminili però non mi feci alcun problema, in quel periodo avevo altro a cui pensare. Comunque alla fine li mi trovai bene uscivo anche con un gruppo della classe, anche se ho capito subito che non c'era una vera amicizia nemmeno tra di loro, infatti in pratica c'era una "leader" il cui scopo nella vita era avere tanti follower sui social e un sacco di amici, quindi era lei a organizzare le serate e dovevi farti andare bene le sue decisioni altrimenti non ti parlava e salutava più, io ero l'unica che aveva un carattere un pò dominante e soprattutto sono molto onesta e diretta e quindi ero sempre messa un pò da parte perchè dicevo le cose come stavano e forse mi vedeva come una minaccia, però sinceramente non mi importava più di tanto, non era una persona che reputavo amica vera quindi non mi aspettavo nient'altro. Ho quindi avuto un rapporto altalenante con questo gruppo ma tutto sommato alla fine uscivo, mi divertivo e fine. Ho però iniziato a pormi una domanda: vedevo tantissimi giovani intorno a me che basavano la loro vita sulle amicizie, le consideravano proprio come un aspetto fondamentale nella loro vita e vedevo anche tentativi estremi nel farsi nuovi amici, cosa che io nel profondo non desideravo, infatti ho avuto modo di conoscere anche altre persone, alcune molto simpatiche tra l'altro ma poi non avevo voglia di coltivare questi rapporti, stessa cosa anche per i fidanzati, ne ho avuti un paio ma mai per più di qualche mese, l'interesse verso di loro scemava già dopo un paio di settimane e non desidero tutt'ora una relazione stabile.
Dopo il liceo ho continuato a sentirmi con qualcuno anche se ho notato che c'era tanta invidia (immotivata) nei miei confronti da parte di alcune persone e quindi ho prontamente tagliato i rapporti senza soffrirci più di tanto, al momento ritengo di avere solo un paio di amici con cui mi diverto davvero quando esco e che mi fa piacere sentire, ma la domanda è per quale motivo vedo tutti cercare anche in modo disperato amicizie o relazioni, accontentandosi anche di rapporti poco veri o falsi? Mi sento diversa rispetto agli altri perchè magari pensano che sia "stronza" ma in realtà io sto bene così cioè se uno mi vuole star vicino bene altrimenti ognuno per la sua strada non mi faccio tanti problemi, vengo anche giudicata male perchè ho espresso il desiderio, e mi sto attualmente impegnando, per fare carriera nella vita e non voglio avere una famiglia, mi dicono che sono un'opportunista ma non è vero e sinceramente non capisco il perchè parlare male e non capisco se è solo invidia perchè magari in realtà vorrebbero essere loro al mio posto o se è solo cattiveria gratuita, anche perchè la mia famiglia non pensa questo di me.
Quindi mi chiedevo ma è normale non sentire la necessità di avere amici/relazioni o effettivamente è un mio problema?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Psicologi specializzati in Relazioni sociali

Vedere più psicologi specializzati in Relazioni sociali

Altre domande su Relazioni sociali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 35650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20950

psicologi

domande 35650

domande

Risposte 121150

Risposte