non riesco più ad andare avanti, che fare?

Inviata da Lenny · 24 mar 2021

Salve, spero vivamente di ottenere una risposta questa volta perchè precedentemente avevo già pubblicato una richiesta.
Premetto che sono sempre stata fin da piccola 'strana' e io mi sono sentita sempre assai diversa dagli altri. Mi sono sempre domandata perchè per gli altri le cose sono in un certo modo e per me no. Comunque, penso che già dalle elementari avrei dovuto avere un aiuto psicologico.
Penso di aver avuto un'infanzia abbastanza difficile: mio padre è una persona mentalmente disturbata, un bullo, una persona violenta sia verbalmente che fisicamente, anche molto manipolatore. Persone così fanno davvero paura, all'apparenza sembrano normali, quasi buoni, e poi...
Oltre i problemi in famiglia ho sofferto tantissimo anche a scuola a causa del bullismo sia da parte dei compagni che delle maestre perchè ero una bambina muta e che aveva molte difficoltà nello studio. Ero sempre e solamente nel mio mondo.
Alcune cose nella mia vita sono migliorate, come ad esempio i problemi a scuola, ad oggi sono la studentessa migliore della classe (sono al 4° anno delle superiori). Anche se in primo superiore ho abbandonato la scuola, ho perso un anno e ho dovuto cambiare scegliendone una che non mi piace affatto. Ma meglio chiudere l'argomento 'scuola'.
I miei genitori si sono lasciati circa 3 anni fa, ho difficoltà a ricordare il tempo esatto, non ricordo tantissime cose sia passate che presenti. E dopo la loro separazione mio padre non mi ha più trattato un nessun malo modo, talvolta mi ha manipolata per arrivare a vendicarsi di mia madre ma non ci è mai riuscito, però da allora è sempre andato tutto abbastanza bene in ambito affettivo, per cose come mantenimento o altro con mia madre ha fatto un po' la guerra perchè è tipo assai legato ai soldi. Nemmeno con dei pezzi di carta riesce ad avere un rapporto sano, ma dettagli...
Con la separazione ho sperato molto che il clima all'interno della mia famiglia cambiasse, ho pensato che finalmente saremmo stati come quelle famiglie dei film. Felici e spensierate. Ma non pensavo a 15 anni che per una donna mantenere una famiglia con tre figli (tra cui uno piccolissimo) potesse essere così tanto difficile. Mia madre ha dovuto trovare lavoro e il lavoro la fa stare tutta la giornata fuori casa, per non parlare del fatto che è diventata totalmente sclerata, non ci sta più con la testa. Quindi mi è toccato starmene quasi segregata a casa, con una nonna altrettanto sclerata, e due fratelli tra cui uno piccolissimo e viziato (adesso ha 3 anni e lo è ancora).
La mia vita fino ad ora è stata; casa, scuola, ogni tanto qualche uscita con la mia ex amica, e disturbi alimentari da affrontare. Si perchè nel frattempo ho saltato un pezzo importantissimo, dopo delle medie credo (anche qui non ricordo nulla di quando e come è successo) ho iniziato ufficialmente la mia guerra con il cibo e il mio corpo. Però non voglio dilungarmi troppo raccontando anche questo.
Dopo questo evento, la separazione, e la perdita della speranza di una famiglia da film mi sono sentita ABBANDONATA emotivamente , e questo è stato il colpo più forte tra tutti gli 'abbandoni emotivi' (io li chiamo così) che ho avuto. è un dolore bruttissimo.
L'anno scorso ho avuto la mia prima relazione amorosa, è tutto iniziato in maniera fantastica, ho fatto di tutto per avvicinare questo ragazzo che pensavo di amare davvero e che avevo il terrore di perdere o che mi lasciasse per poi, nel giro di poco tempo abbandonarlo perchè non lo amavo più e provavo un intenso odio per lui (che provo ancora senza nessun motivo, lui non mi aveva fatto assolutamente nulla). Stessa cosa ho fatto con la mia migliore amica, lei è stata estremamente attaccata a me per 3 anni nonostante io continuassi spesso ad ignorarla e poi ritornare, ignorarla e tornare, un ciclo continuo, lei non mi ha mai lasciato. Però ho sempre trovato la sua amicizia un qualcosa di falso, perchè so che nasce dal fatto che lei ha bisogno di attenzioni e di sentirsi superiore perchè, a parte me, gli altri l'hanno sempre trattata come una bambina. Infatti spesso lei mi ha confessato di sentirsi come una sorella maggiore per me, e addirittura una madre! Questo attaccamento che aveva lei nei miei confronti non piaceva affatto, mi disgustava, lo trovavo assai invadente. Mi dichiarava esplicitamente di essere gelosa di me e dei rapporti che avevo con gli altri. Quindi, conoscendola bene, ho capito come togliermela di torno dopo 3 anni, è stato semplice, mi è bastato farla ingelosire. Non ho fatto assolutamente nulla di male, è scomparsa lei di proposito. è così adesso da 3 mesi sono completamente sola. Mi sento una persona cattiva, ho capito che cerco di farmi del male di proposito attraverso le abbuffate e l'uso continuo di lassativi solo per attirare l'attenzione di mia mamma e degli altri, per avere un minimo di affetto da loro, perchè anche se mi esprimo a parole non capiscono nulla. Ho un'intensa paura di venir nuovamente abbandonata, che mi buttino via di casa se scoprono i miei problemi alimentari. Ho paura di rimanere da sola, di fare una brutta fine nella vita. Non vedo il mio futuro roseo. Anche se sono ancora in quarto superiore non riesco a fare scelte per il futuro, non solo per dopo la scuola, ma nemmeno per i giorni che vengono. Mi guardo allo specchio e a volte non riesco nemmeno a riconoscermi, mi chiedo come posso essere in grado a farmi una cosa del genere. Credo di non avere nemmeno un'identità stabile, la mia personalità sembra cambiare sempre a secondo del contesto in cui mi trovo per adattarmi alle altre persone. è probabile che per farmi piacere a qualcuno cambi addirittura le mie idee, gusti o preferenze. Il mio umore è sempre più instabile: depressa, ansiosa, paranoica, piena di rabbia interiore, apatica. Per non parlare di quei momenti in cui sento un grande vuoto interiore, momenti che arrivano all'improvviso ed estremente difficili da gestire. Io cerco di stare lontano dall' abbuffarmi ma non ci riesco, è la mia mente che mi fa alzare da sola dalla sedia e mi porta nella parte della cucina dove si trova il mio grande male. Mi ci è voluto molto impegno per capire queste cose, perchè già le provo da tanto tempo e solo ora che sono sola e riesco a pensare unicamente a me stessa riesco a capirle. Anche se con grandi difficoltà.
Adesso non so più cosa fare, sono in una fase depressiva, da circa 3 giorni, molto dura. è probabile che domani mi alzi piena di vita e ricominci la mia routine quotidiana, dimenticando i giorni precedenti e tornando a farmi piacere le attività che adesso trovo difficili da svolgere. Ormai capita spesso. Forse ho bisogno di aiuto, ieri sera mi facevo così tante paranoie strane che temevo potesse accadere il peggio. Poi sono andata a dormire tranquilla in mattinata. Anche il sonno nelle ultime settimane si è alterato.
Mi male male male, soprattutto fisicamente oggi. Cosa posso fare? non dispongo nemmeno di soldi (quelli che accumulo li faccio sempre fuori comprando cose in pochissimo tempo) per visite psicologiche. Qualche consiglio per superare questo periodo?

Perdonate la confusione nelle mie parole, ci ho messo molto a scrivere tutto ciò. Mi sono sentita molto confusa e rileggendo mi sono sentita come se non avessi espresso bene il mio calvario interiore. Quasi non mi sento io rileggendo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19050

psicologi

domande 30600

domande

Risposte 105050

Risposte