Non riesco a trovare la radice delle mie ossessioni.

Inviata da alessandro cuomo · 21 giu 2016

Aiuto soffro di un'ossessione che non mi lascia più vivere, ma non riesco a trovarne la sua causa.
Vado dallo psicologo, dallo psichiatra, prendo lo xeplion, ma non serve a nulla.
Dicono che per risolvere un proplema bisogna andare alla radice, ma non riesco a trovare questa radice sconosciuta,
e vorrei trovarla a tutti i costi, è vorrei sapere il metodo più veloce. Mi turbano le donne che hanno problemi in gravidanza e non so perché, è strano, molto strano, non trovo la causa di questi pensieri ossessivi che mi turbano senza un perché.
Sono un uomo, com'è possibile?
Capisco una donna, ma non proprio me. Faccio yoga che mi dovrebbe aiutare a trovare la radice di questo problema ma ci vuole molto tempo, non c'è una soluzione più rapida?
Aiutatemi vi prego.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 22 GIU 2016

Caro Alessandro, come ha sperimentato, non vi sono terapie brevi né tanto meno farmaci che possano veramente risolvere il disturbo che la affligge.
E' vero, bisogna, attraverso un impegnativo lavoro introspettivo psicodinamico, arrivare alle radici profonde, quelle sepolte nell'inconscio, per rielaborare le cause traumatiche che si manifestano con i sintomi che Lei prova.
Le suggerisco di affrontare un vero percorso psicoanalitico, che non sarà breve. Non vedo altre soluzioni.
Resto a Sua disposizione e La saluto con viva cordialità.
Dr. Marco Tartari, Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

743 Risposte

447 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 GIU 2016

Se posso permettermi un consiglio, lasci stare le tecniche millenarie orientali, abbia fiducia nella scienza moderna occidentale, e si rivolga ad uno psicoterapeuta, meglio se usa il metodo "cognitivo comportamentale".

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

430 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GIU 2016

Gentile Alessandro,
le ossessioni e i pensieri intrusivi rappresentano lo zoccolo duro della psicopatologia perchè bloccano la mente e tormentano il paziente.
Le possibilità terapeutiche sono date da una buona psicoterapia (preferibilmente cognitivo-comportamentale) associata a terapia farmacologica che possa selezionare e monitorare i farmaci più adatti a dosaggi altrettanto adatti.
Non esiste una soluzione rapida e nel mentre procede il lavoro di psicoterapia (almeno un anno) è preferibile avere un atteggiamento di accettazione e/o "negoziazione" col sintomo ossessivo anzichè di assoluta ostinazione e rifiuto.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7180 Risposte

20399 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 GIU 2016

Caro Alessandro
una ossessione "che non la lascia più vivere" è qualcosa che richiede la disponibilità di fare un viaggio lungo e profondo dentro se stessi e andare indietro alla ricerca di un senso e un significato a questo sintomo.
Le "donne con problemi in gravidanza" hanno un significato che allude anche alla sua vita (addirittura si può parlare di vita intrauterina).
Bisogna dare molta disponibilità a questa ricerca, prenderla con calma come una cosa della massima importanza.
A me sembra che la sua fretta di risolvere sia una "resistenza" e come tale parte del problema.
Cerchi di voler tanto bene a se stesso da dedicarti a conoscerti e scoprire cose inedite di te.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7081 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 GIU 2016

Buongiorno Alessandro,
si dia del tempo, un passo alla volta e vedrà che piano piano riuscirà accompagnato dal suo psicologo a capire l'origine della sua ossessione. Già riuscire a riconoscere che c'è una difficoltà e un desiderio è già molto. Lei ce la sta mettendo tutta, ma attenzione che non diventi a sua volta un'ossessione il voler sapere e conoscere, che invece di essere propositivo rischia di diventare a sua volta invalidante e disfunzionale. Non so quale sia l'orientamento teorico del suo psicologo, ma ne parli con lui di questa preoccupazione, di questa ansia per la conoscenza e piuttosto chieda a lui di insegnarle delle tecniche di gestione dell'ansia e del rimuginio.
Rimango a disposizione.

Cordiali saluti

dott.ssa Mara Di Paolo

Dott.ssa Mara Di Paolo Psicologo a Trento

89 Risposte

213 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 GIU 2016

Gentile Alessandro,
dipende da cosa significa trovare la radice...tutti i sintomi psicologici hanno una causa ma bisogna capire a cosa ci si riferisce. Bisogna comunque stare attenti perché la ricerca di questa radice potrebbe diventare essa stessa un'ossessione.
In ogni caso le posso dire che ci sono tecniche terapeutiche molto efficaci per le ossessioni e che possono risolvere il problema in un tempo ragionevole.
Resto a sua disposizione per ulteriori chiarimenti...

Studio B&S - Benessere & Salute Psicologo a San Giorgio a Cremano

19 Risposte

49 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 GIU 2016

Gentile Alessandro,
che tipo di psicoterapia sta seguendo? Il disturbo ossessivo è uno dei disturbi più ostici, frequentemente richiede tempo, quindi porti pazienza! Vedrà che con una buona psicoterapia riuscirà a venirne fuori. Tenga però presente che, dal mio punto di vista, non sempre conoscere l'origine del problema equivale a risolverlo. Quindi smetta di cercare le cause e si concentri sul seguire il percorso terapeutico che già fa; eventuali cause all'origine del problema emergeranno da sole e soprattutto con il tempo.
Resto a disposizione,
cordialmente,
dott.ssa Michela De Simone

Dott.ssa Michela De Simone Psicologo a Nardò

27 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 GIU 2016

Caro Alessandro,
sebbene comprenda la sua ansia rispetto al disagio che sente non esiste un metodo piú veloce per "andare alla radice". Questo processo richiede infatti tempo e sarà possibile solo allorquando guardare alla radice non sarà piú cosí difficile per lei. Probabilmente non é ancora il momento giusto. Si dia tempo, sta già facendo molto e puó trarre notevoli benefici dal lavoro terapeutico anche prima di arrivare al cuore della questione.
Rimango a disposizione.
Cordialmente,

Annalisa Anni
Psicologa Padova

Dott.ssa Annalisa Anni Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Padova

505 Risposte

925 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17450

psicologi

domande 25700

domande

Risposte 90450

Risposte