Non riesco a risolvere i miei problemi con il cibo

Inviata da Pa · 20 mag 2019 Disturbi Alimentari

Salve, scrivo qui perché è da anni che combatto con il cibo e con - credo - diversi disturbi alimentari.
Premetto dicendo che sin da piccola ho assistito a litigi continui dei miei genitori che credo abbiano fortemente condizionato il mio rapporto sia col cibo che con le altre persone. Ho finito le scuole elementari in sovrappeso arrivando, in primo superiore, a pesare 104 kg (il tutto a causa di abbuffate giornaliere). Ho seguito più diete arrivando a stabilizzarmi intorno ai 75 kg. L'anno scorso, però, dopo l'inizio dell'università, per 3 mesi ho assunto un massimo di 500 kcal giornaliere, arrivando al mio peso più basso, 65 kg (che, essendo io alta 1.68, corrisponde al BMI di una persona normopeso). Nonostante ciò, nel giro di un anno ho ripreso i 10 kg persi in quei mesi a causa di abbuffate compulsive e i kg presi son stati soltanto 10 in quanto ho iniziato a fare ricorso a metodi compensativi (vomito autoindotto).
Ho cercato di risolvere la situazione facendomi seguire da una nutrizionista, ne ho cambiate due nell'ultimo anno, ma non riesco a porre fine al circolo vizioso del binge-purge. Riesco a seguire il piano alimentare per qualche giorno, perdo qualche kg, poi arriva l'abbuffata, il senso di colpa e il vomito.
Sto anche vedendo da novembre una psicologa ma la situazione non è cambiata, mi sembra impossibile uscirne.
Non ho il coraggio di dire ai miei genitori di questo "problema" perché non voglio passare per la bambina capricciosa che non riesce a darsi un contengo col cibo.
Mi sento impotente e questo problema ha avuto degli effetti sia sul mio percorso universitario (ho sempre avuto voti altissimi fino alla fine del liceo, ma da quando ho iniziato l'università il mio unico pensiero è il cibo e dimagrire, è come se mi fossi convinta di non poter vivere finchè non arriverò al peso dei miei sogni, 58 kg, ma allo stesso tempo non riesco più ad impegnarmi per arrivarci; e ciò fa sì che io non riesca a concentrarmi sullo studio e che mi "accontenti" di voti mediocri) che sulle mie relazioni interpersonali.
Mi sembra che non ci sia una via d'uscita

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 MAG 2019

Gentile utente,
è possibile che i suoi disagi attuali rispetto al cibo possano essere collegati con i problemi riscontrati nella sua infanzia, ma ciò che è importante oggi è affrontare e superare il problema. Esistono diversi tipi di trattamento per i disturbi alimentati, la scelta del tipo di trattamento dipende anche dall'eventuale presenza di ansia. Si può optare per l'apprendimento di una tecnica di rilassamento psico-fisico, per delle prescrizioni comportamentali o visualizzazioni guidate costruite ad hoc sul problema. L'impostazione del programma terapeutico, oltre che da una conoscenza approfondita di come funziona e si manifesta il problema, dipende anche da una buona diagnosi della personalità. Ad ogni modo si tratta di percorsi brevi di trattamento psicologico (intorno alle 13-15 sedute) e possono svolgersi anche on-line.
Un caro saluto
Dott.ssa Maria Giovanna Zocco - Specialista in tecniche autogene e consulenza psicologica on-line

Dr.ssa Maria Giovanna Zocco Psicologo a Modica

162 Risposte

265 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Vedere più psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Altre domande su Disturbi Alimentari

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17000

psicologi

domande 24050

domande

Risposte 86700

Risposte