Non riesco a fidarmi

Inviata da Francesca · 19 gen 2015 Autorealizzazione e orientamiento personale

Sono Francesca, ho 19 anni e sono fidanzata con un ragazzo che mi ama e che ogni giorno me lo dimostra. Mi apprezza sempre, mi dice che sono bellissima, mi ha anche regalato per Natale un anello, ed era il mio preferito ma lui non lo sapeva nemmeno. Il problema è che non riesco a fidarmi completamente.
All'età di 11 anni, in vacanza con la mia famiglia e con altre, un uomo del gruppo ha abusato di noi 3 bimbe, io me ne accorsi subito, dai primi suoi gesti ambigui ma i miei genitori non mi credettero, quando si scoprì tutto dentro di me sentii un senso di sfiducia verso i miei enorme. Alle elementari e alle medie i compagni mi prendevano in giro per i denti storti, mia madre cercava di difendermi sempre ma le maestre dicevano che dovevo cavarmela da sola, le stesse che mi chiamavano asina perché sbagliavo le h mentre tutti ridevano. Alle superiori decisi di cambiare, misi l'apparecchio e diventai più carina e mi feci anche molti amici ma nessuno sapeva tutta la mia storia. Arrivarono i primi fidanzatini e i primi tradimenti, ora che finalmente ho trovato la persona giusta, che mi da serenità non riesco a fidarmi completamente e lui questo lo percepisce e di conseguenza lo rattrista, mi fa stare male perché vorrei tanto essere serena. Sono una persona molto impulsiva, con un carattere molto forte, tanto che alcune volte mi danno la nomea di "stronza" ma ho il difetto di prendermela per ogni piccola cosa, sono anche molto sensibile e mi faccio sempre carico dei problemi degli altri, rinunciando tante volte alle mie cose per rendere felici gli altri. E forse ascolto troppo il giudizio degli altri pensando sempre di non farcela. Sono simile a mia madre ma io non voglio essere "pesante" come lei, voglio avere solo la sua parte migliore. Come posso migliorare me stessa al fine di stare meglio io e di vivere serenamente con gli altri?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 OTT 2015

Gentile Francesca,
accenni ad episodi del passato come flashback che hanno rappresentato altrettanti traumi di diversa gravità responsabili della tua sfiducia radicalizzata e generalizzata.
Questo non ti fa vivere bene, come vorresti, l'attuale esperienza sentimentale col tuo ragazzo e, contemporaneamente, porti ancora addosso il peso e la rabbia relativi a quegli eventi che minacciano la serenità del tuo futuro.
E' tempo di rielaborare questi vissuti in psicoterapia per trasformare la rabbia in competenza emotiva e raggiungere l'equilibrio psicologico che meriti.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7134 Risposte

20297 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 GEN 2015

Cara Francesca,
noi siamo la nostra storia, quello che abbiamo vissuto, provato e sperimentato: esperienze positive e meno positive, più difficili. A volte, più difficili perché non abbiamo avuto l'attenzione che sarebbe stata opportuna da parte delle persone di cui avevamo fiducia, e ci sembra di non poterci fidare più di nessuno.
Ma ciò che è stato, è passato, e non potremo più modificarlo.
Possiamo invece vivere il nostro presente, le esperienze che si rendono possibili, realizzabili nell'attualità. L'amore che il tuo fidanzato ti dimostra è il tuo presente: mi auguro che tu possa aprirti a questa nuovo affetto senza lasciarti incatenare dal ricordo di esperienze passate non gradevoli.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GEN 2015

Cara Francesca
è certo che l' esperienza che ci racconti di violenza e abuso sessuale sta alla base della tua sfiducia e del "non fidarti" verso le persone e ,in particolare, verso il tuo attuale fidanzato.
Hai davvero bisogno di elaborare questo accadimento che è rimasto dentro di te per troppo tempo e che ti ha costretta a "corazzarti " in qualche modo ( vedi quello che tu chiami "essere stronza").
Ora però è arrivato il momento di ritrovare fiducia nell'essere umano e nella possibilità di avere tu relazioni serene e costruttive.
Penso che ti occorra un aiuto in questo e l'aiuto ti può arrivare attraverso la psicoterapia che ti condurrà a riequilibrare il tuo stato emotivo interiore e ad acquisire modalità più morbide nelle relazioni.
Dici anche di essere "permalosa" e sappi che la vita del permaloso è molto tormentata sentendosi lui al centro di tutto il mondo ed attribuendo ogni cosa a se stesso.
Tu mi sembri una ragazza molto in gamba e devi puntare al massimo sviluppo della tua personalità.
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7044 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GEN 2015

"Essere" spesso è molto complesso e essere come gli altri mi vorrebbero, ancora di più. Sarebbe carino capire quale giudizio teme. Bonizzoni

Psicologi Low Cost Psicologo a Milano

13 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GEN 2015

Gentile Francesca, le esperienze negative che ha vissuto incidono probabilmente sulla sua percezione dell’altro e sulla sua concezione dei rapporti affettivi. In caso di abuso innanzitutto, le tematiche di sfiducia spesso sono fra le prime ad essere messe in gioco.
Io le consiglio di cercare uno psicoterapeuta che a pelle le piaccia, la faccia sentire a suo agio e competente nel campo, con il quale parlare di tutto ciò.
Il suo atteggiamento nei confronti dell’altro probabilmente ha uno scopo difensivo, ma come ha notato anche lei non facilita le relazioni positive. Un terapeuta può aiutarla a gestire le paure e il senso di minaccia che possono stare dietro al tema della sfiducia. La può aiutare inoltre a collocare le esperienze passate, in una fase conclusa della sua vita poiché ora che è adulta, ha maggiori risorse personali, può scegliere chi frequentare e nel momento in cui incontra delle persone con le quali molto semplicemente "sta bene insieme", la può aiutare “ad abbassare la guardia” con gradualità per fare nuovi investimenti affettivi.
Quando lei sarà pronta e la relazione abbastanza matura, potrà aprirsi su queste tematiche anche con il suo ragazzo. Lo aiuterà a comprendere il suo comportamento e ne beneficerà il vostro rapporto.
Un grande in bocca al lupo
Dott.ssa Barbara Trevisan
Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Trevisan Barbara Psicologo a Rovigo

141 Risposte

114 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GEN 2015

Buongiorno Francesca,
le consiglio vivamente di intraprendere una psicoterapia cognitivo-comportamentale che la aiuterà a elaborare l'abuso subito e ad acquisire maggior sicurezza in se stessa, sarebbe un peccato rovinare quanto lei ha conquistato già con fatica. Si metta al lavoro al più presto!
Buona giornata
Drssa Melania Del Vecchio

Dott.ssa Melania Del Vecchio Psicologo a Pavia

8 Risposte

7 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GEN 2015

Cara Francesca,
Tu hai vissuto una situazione terribile ma ho l'impressione che tu abbia provato un po' a sdrammatizzare inserendo il racconto dell'abuso subito e del tuo non essere creduta tra due avvenimenti più lievi (la storia con il tuo ragazzo e l'apparecchio ai denti).
Mi viene da chiedermi se tu abbia una reale percezione di quanto Da te vissuto o se hai semplicemente fatto finta di buttartelo alle spalle senza più pensarci.
Ti consiglierei quindi di valutare l ipotesi di contattare uno specialista nella tua città sia per affrontare quanto accaduto sia per cercare le risposte alle tue domande odierne.
Un caro saluto ed un forte in bocca al lupo ,

Dott.ssa Valentina Mossa, Torino

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

255 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GEN 2015

Gentile Francesca,
L'esperienza avuta a 11 anni l'ha segnata profondamente ed è' capi bile che lei abbia difficoltà nel fidarsi delle persone. Non accenna , nel suo scritto, se ha mai intrapreso un percorso di psicoterapia se così non fosse le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta perché è' importante elaborare quello che le è' successo. Vedrà che con l'aiuto di un terapeuta riuscirà a star meglio e a vivere serenamente il rapporto con il suo ragazzo e con le persone che la circondano. Mi preme sottolineare il fatto di non preoccuparsi e non vergognarsi di raccontare quello che ha vissuto ad una persona competente.
Cordialmente.
Dr.ssa Verena Elisa Gomiero

Dott.ssa Gomiero Verena Elisa Psicologo a Padova

89 Risposte

19 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamiento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamiento personale

Altre domande su Autorealizzazione e orientamiento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88450

Risposte