Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Non riconoscersi più

Inviata da Anonimo il 28 mar 2018 Terapia di coppia

Salve, sono Elena ed ho 21 anni. Da circa 4 mesi sto attraversando, con il mio ragazzo, una situazione difficile da cui non riesco ad uscire. Mi spiego meglio: un anno fa ci siamo conosciuti, quando ancora stavo col mio ex. Parlavamo di tutto, lui dopo 4 anni di solitudine si era aperto per la prima volta con me, ha sempre detto che mai nessuno era riuscito a ''tirare fuori'' quello che aveva dentro, che non si era mai aperto con nessuno e a me questo ha sempre fatto piacere, mentre io parlavo dei miei problemi e del periodo difficile che stavo passando con il mio ex. La sintonia c'era, come la voglia di vedersi sempre, ci siamo affezionati e andavamo d'accordo, tanto che dopo aver capito che non poteva andare avanti col mio ex per vari fattori ed essermi mollata, ho deciso di conoscerlo meglio e di mettermi con lui. Andava tutto bene, ho conosciuto i suoi genitori e lui i miei (cosa che col mio ex non era mai successa dopo quasi due anni, e questo era uno dei fattori che non poteva far andare la relazione), amici compresi (un'altra cosa che col mio ex non era mai successa). Con lui non mi annoiavo mai ed il sesso era fantastico. Però più trascorreva il tempo, più tutto diventava monotono. Pensavo che con lui non sarebbe mai successo, tutto andava bene ma a distanza di un anno mi ritrovo nella stessa situazione di quando stavo col mio ex quando l'ho conosciuto. Metto a confronto la mia attuale relazione con quella passata e in alcuni casi è simile, ovvero: all'inizio è tutto rose e fiori, per poi diventare una relazione monotona sebbene vissute con persone totalmente diverse. Quindi mi viene da pensare se sia io il problema, se sia io che perda facilmente interesse dopo un pò di tempo. E per colpa della monotonia, ho cominciato a non avere nemmeno più la voglia di fare l'amore con lui, mentre all'inizio ero sempre io a cercarlo. Appena avevamo un momento dove eravamo soli, non potevo fare a meno di farlo con lui. Ora, invece, è gia tanto se lo facciamo una volta o due a settimana, ed io nonostante le buone intenzioni non riesco a viverlo bene come prima. Lui, comunque, si da un gran da fare, mi bacia, mi coccola, mi sussurra parole piccanti cercando di eccitare la mia mente. E gliene ho pure parlato, dicendomi che la trova una cosa normalissima dopo che si sta da tempo assieme. Il sesso per me è sempre stato un argomento delicato dopo aver passato una brutta esperienza con il mio ex, cosa che lui sa benissimo, ma allo stesso importante per tenere viva una relazione insieme all'amore, e nel momento in cui comincia a mancare inizio a farmi qualche domanda. Non lo amo più? Perchè dopo un pò di mesi inizio a volerlo fare meno? Nel tempo sono diventata sempre più scontrosa e appena lui tocca quell'argomento o mi faccia semplicemente capire che vuole fare sesso inizio a pensare che mi usa, a farmi mille paranoie inutili, che gli interessa solo farlo, che mi preferiva prima quando lo cercavo di più sebbene non fosse affatto così. E più penso questo, meno lo voglio accanto a me. Lui, comunque, cerca sempre di tranquillizzarmi e trovare una soluzione sapendo quello che avevo passato prima. Perchè inizio a farmi pensieri di questo tipo sebbene so che sono sbagliati? Mi ha sempre trattata bene, sempre amata, sempre messa al primo posto, sempre cercato di rendermi felice. E' il ragazzo che tutte vorrebbero, compresa io, dice che vuole sposarmi e avere un futuro con me. E allora perchè mi ritrovo a fare pensieri negativi che mi portano a vivere male la mia relazione? L'unica cosa che so è che lo amo anche io e vorrei tanto che tutto tornasse come era prima.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Elena, da ciò che descrivi con questo ragazzo e anche con quello precedente sembra ripetersi un medesimo “copione” fatto di comportamenti e emozioni similari da parte tua . Probabilmente come hai già intuito da sola, si tratta di qualcosa che prende origine da una tua difficoltà Interiore che potrebbe essere indagata in un percorso psicologico allo scopo di trovare la “ chiave “ per sentirti più felice e soddisfatta nelle tue relazioni. I miei migliori auguri, resto a disposizione per ogni chiarimento. Dott.ssa Elisa Priori

Dott.ssa Elisa Priori Psicologo a Ravenna

16 Risposte

15 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile utente
provo a fornirle qualche risposta rispetto alle sue domande, anche se comunque esistono pochi dati e alcuni elementi della sua storia sono da approfondire. Sembra che la problematica che lei riporta sia essenzialmente di natura sessuale. Fa riferimento ad un'esperienza passata che non descrive: se si tratta di un qualcosa di traumatico o doloroso può essere che lei porti con sè le tracce di ciò anche nella relazione attuale. In generale non è possibile isolare gli aspetti sessuali da quelli relazionali; se non in casi di patologie organiche. In coppia la base del rapporto si costruisce su una sana comunicazione all'interno della quale ognuno esprime i propri bisogni e le proprie necessità, esprimendo all'altro ciò che pensa e sente nella maniera che sia più autentica possibile. Conceda a lei e al suo compagno una condivisione sana, sembra che il suo desiderio sia quello di stare con questa persona e dividere qualcosa insieme. Per quanto riguarda gli aspetti corporei e relazionali cui lei fa riferimento, un percorso di sostegno psicologico individuale può aiutarla a comprendere aspetti profondi di sè. Ciò può essere un punto di partenza per instaurare un rapporto di fiducia e relazione con l'altro. Gentili saluti. Dott.ssa Nadia Carbone

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Elena, come dici te il sesso è sicuramente una parte importante di una relazione di coppia e penso che hai fatto molto bene a parlarne con il tuo ragazzo così da evitare di tenerti dentro dei sentimenti che inevitabilmente ci avrebbero allontanato di più...allo stesso tempo penso che per te sarebbe importante interrogarti su cosa ti aspetti da un rapporto di coppia e come pensi che dovrebbe essere. Con l'andare avanti, una relazione di coppia è normale che si modifichi anche se i tempi sono diversi in base alle situazioni; penso che la cosa migliore sia continuare a confrontarti con il tuo ragazzo nel momento in cui senti che le cose non sono come le desideri e allo stesso tempo potresti ragionare su cosa contribuisce a far sì che tu sia tanto sensibile ai momenti di calma di un rapporto. Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento Daniele Regini

Dott. Daniele Regini Psicologo a Albano Laziale

134 Risposte

69 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Elena,
temo che tu abbia ragione e cioè che sia tu ad avere una insoddisfazione interiore profonda che, dopo una fase iniziale di maggiore coinvolgimento, ti porta a perdere interesse e ad annoiarti all'interno della stessa relazione sentimentale.
Le ragioni di tutto ciò non sono facilmente definibili e devono essere cercate tramite un percorso di psicoterapia che ti consiglio di intraprendere.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6564 Risposte

18380 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Elena,
Sei sicura di non riversare su di lui le tue insoddisfazioni personali su e stessa? La monotonia della vita non la possiamo attribuire agli altri, ma a quello che siamo noi, ai nostri interessi, alle motivazioni che ci sostengono... Il rischio è di crearsi un alibi per non guardare se stessi... prova a modificare la tua ottica.
Cordiali saluti
Dr.ssa M. Sara Sanavio
Perugia

Dr.ssa M.Sara Sanavìo Psicologo a Perugia

225 Risposte

93 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77800

Risposte