Non provare invidia

Inviata da Ibrida · 16 mar 2021

Come si fa a combattere l'invidia, a volte nella vita mi sembra sempre di essere inferiore e di avere meno degli altri, questa sensazione mi accompagna dall'infanzia ma non la riesco a superare, come faccio ad essere felice?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 MAR 2021

Buongiorno,
pone una buona domanda. Si può essere felici e stare bene, dipende solo da se stessi. Si può lavorare sulla propria storia, sul proprio vissuto e rielaborarlo per cercare di superare quello che non ci fa vivere serenamente. Se soffre di invidia può certamente lavorarci su attraverso un percorso di analisi. L’invidia mette in condizione tutto il sociale di essere povero. Si potrebbe vedere nell’invidia questa forza della “ non attività “ , questo crogiolarsi nel niente , questo non occuparsi di sé, inseguendo ideali. Abbia fiducia e lavoro su questo, in modo da poter vivere più serenamente.
Rimango a disposizione.
Un cordiale saluto.
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

646 Risposte

321 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2021

Gentile Ibrida
L’invidia può essere vista come il bisogno, la necessità, il desiderio di qualcosa che, nel profondo, ci manca.
Mi soffermerei a pensare a cosa le è mancato, fin dall’infanzia. Ai termini di paragone che le
sono stati presentati e agli standard che le sono stati imposti.
Il mio consiglio è quello di intraprendere un percorso con un professionista della salute mentale per conoscere e riconoscere le sue risorse e potenzialità sulle quali iniziare a costruire un sé autentico con “nulla da invidiare” ad altri.
Resto a disposizione anche online
Cordialmente
Eleonora Bono Psicologa

Dott.ssa Eleonora Bono Psicologa Psicologo a Vibo Valentia

59 Risposte

22 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2021

Carissima la sua invidia nasce probabilmente dalla poca fiducia in se stessa, al guardare a ciò che non si ha, alla svalutazione di se e della propria vita. Spesso ci capita di passare il tempo a pensare a ciò che ci manca per essere come gli altri perdendo di vista ciò che abbiamo, ma anche ciò che siamo, invece di impegnarci per capire cosa vorremmo realmente e cosa è importante per noi.
Sono disponibile andò vuole a darle un aiuto anche on line. Cari saluti.
Dottoressa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

626 Risposte

305 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2021

Cara Ibrida,
molto probabilmente l'invidia nasce da un sentimento di inadeguatezza e di non sentirsi all'altezza delle situazioni.
Questa è un'ipotesi in quanto ogni caso è personale e unico. Io le consiglierei di lavorare sulla sua autostima, potrebbe essere utile intraprendere un lavoro su di sè per comprendere le paure e le insicurezze alla base di certi pensieri. Potrebbe essere un percorso importante che potrà guidarla verso nuove prospettive di benessere e serenità.
Resto a disposizione e le auguro il meglio,
Dott.ssa Monteleone

Dott.ssa Monteleone Maria Alessia Psicologo a Palo del Colle

148 Risposte

99 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2021

Salve, partirei dal presupposto fondamentale di non combattere il sentimento di invidia verso gli altri , ma dal rafforzare la sua autostima, in quanto lavorando adeguatamente sulla sensazione di inferiorità ed insicurezza che evidentemente ha riscontri nella sua infanzia, lei inizierà a percepire se stessa nel modo giusto e in questo modo non avrà più nessun motivo per combattere l'invidia.

Dott.ssa Roberta Martelli Psicologo a Lanciano

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2021

Gentilissima,
Non c’è una risposta rapida al suo quesito. Il termine invidia ha in accezione negativa si sa. Ma lei in realtà ha centrato il punto. Il sentimento di inferiorità che dice di provare ha a che fare con il continuo paragone di se con gli altri.
Come se ne esce? Con un lavoro profondo e impegnato con se stessi. Nei casi in cui questo sentimento è troppo impattante e compromette il vivere sereno delle proprie relazioni affettive ed amicali è consigliato un lavoro psicoterapico sul sè.
Ci vuole tempo, pazienza e l’aiuto di un professionista.
Per ulteriori dettagli della sua storia può contattarmi per una consulenza online.
I miei auguri
Dssa Riso

Dott.ssa Maria Lucrezia Riso Psicologo a Padova

64 Risposte

46 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2021

Salve Ibrida, lei giunge con una domanda molto ambiziosa "come faccio ad essere felice?", credo che ne noi in quanto psicologi, ne gli altri possano dare una risposta soddisfacente e totalizzante a questo suo quesito, tanto più perché la felicità è molto soggettiva e dipende dalla propria storia personale.
Però a partire dalla descrizione che fa di se stessa è possibile fare qualche considerazione, l'invidia è un misto di rancore e ostilità per chi possiede qualcosa che a noi manca e che desidereremmo. E' un sentimento come gli altri e non sempre ha un'accezione negativa, l'invidia per qualcuno o qualcosa può aiutare a dare il meglio di sé in alcune circostanze, può essere un motore che attiva le nostre risorse verso il raggiungimento di un traguardo.
Tuttavia se questa la si avverte come un impedimento, come mi è sembrato di capire nel suo caso, è possibile che sia riconducibile al modo in cui noi vediamo noi stessi "inferiori", "inadeguati", "meno degli altri", credo sia proprio questo il fulcro del "problema"; restando in questa prospettiva l'Altro ai nostri occhi avrà sempre qualcosa che sentiamo ci manchi.
Alla luce di queste considerazioni ritengo che un lavoro volto all'accrescimento della propria autostima possa aiutarla a trovare in se stessa ciò che ritiene le manchi, potrebbe valutare la possibilità di rivolgersi ad uno psicologo così da raggiungere una maggior comprensione di se stessa e una maggior autoconsapevolezza.

Dott.ssa Giorgia Infantino

Dott.ssa Giorgia Infantino Psicologo a Terni

4 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2021

Buongiorno,
spesso il modo in cui ci valutiamo e le idee che abbiamo su noi stessi ci portano a provare emozioni difficili e ad avere comportamenti che alimentano le nostre insicurezze. Comprendere il motivo di questo modo in cui ci vediamo è molto importante, vedendo da dove origina possiamo cercare di comprenderci, accettandoci da una parte e lavorando per cambiare dall'altra. Questo può portare a vivere a livello emotivo molto diverso le stesse situazioni e avere comportamenti che ci aiutano invece che ostacolarci.

Dott.ssa Marta Fanfoni Psicologo a Milano

8 Risposte

2 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2021

Cara Ibrida, la prima cosa che puoi fare è non combattere ma accettare che l'invidia c'è, esiste dentro di te come dentro a tutti noi. La differenza è proprio questa sapere che c'è, accorgersi quando spunta nella mente, ascoltarla e risponderle con gentilezza che NON TI SERVE un'opinione così inutile che non ti aiuta né a far meglio né a crescere. Se non riesci cerca aiuto di psicoterapia perché hai il diritto ad essere felice e se hai già fatto il passo di scrivere qui significa che sei molto intelligente. Silvana Perino

Dott.ssa Silvana Perino Psicologo a Pinerolo

106 Risposte

36 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAR 2021

Carissima, penso sia importante lavorare sulla propria immagine, sulla percezione che ha di Lei stessa. Un lavoro psicologico può servirLe a modificare il modo in cui si vede e anche tutti quegli aspetti che non Le permettono di essere in armonia con sé stessa.
Buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1568 Risposte

844 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18200

psicologi

domande 28400

domande

Risposte 97500

Risposte