Non mi sento capita, è solo una questione passeggera?

Inviata da Francesca · 16 giu 2014 Ansia

Molte volte, soprattutto in questi giorni, mi capita di parlare con i miei migliori amici, e di non sentirmi capita. Questo fatto mi ostacola a parlare con loro di tutto quello che mi succede e perciò molte volte mi tengo dentro tutto. Alcune volte quando vorrei stare con un altro gruppo o con una compagnia diversa come per esempio quella del mio fidanzato e i suoi amici, ho paura ad esplicitarlo a loro perché sento come se a loro desse fastidio e dopo un pò mi sento a disagio con me stessa, male e in gabbia. Per questo molte volte mi vengono attacchi d'ansia dovuti a questa sensazione, che sono brevi ma intensi. Non so come uscirne da questa situazione, qualcuno potrebbe darmi una mano per capire qualcosa di più?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 GIU 2014

Gentile Francesca
se rispetto a prima non si sente capita e anche in seguito a questa sua percepito dubbio attiva manifestazioni ansiogene penso che la risposta di come uscirne possa darle solo uno psicologo che possa vederla e parlare con lei dei suoi dubbi e delle sue manifestazioni abnormi. Si tratta nel suo caso di essere vista ed ascoltata di persona da un capace specialista
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale in friuli venezia giulia

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1570 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 GIU 2014

se non ti senti compresa, vuol dire che tu per prima non comprendi cosa c'è dentro di te.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 GIU 2014

Gentile Francesca
a volte nella vita si passano fasi di cambiamento personale in cui le nostre sensazioni interiori sono acuite e la nostra sensibilità aumenta.
Si vive un certo disagio interiore e questo porta ad essere molto esigenti sia con se stessi che con gli altri.
Il mondo esterno appare quasi ostile e diventa molto difficile comunicare.
Tuttavia questi cambiamenti interiori che ci portano, momentaneamente, a sentirci piuttosto "estranei" nel mondo sono positivi e hanno quasi sempre una valenza evolutiva molto ampia; mentre ci sembra di chiuderci in realtà ci stiamo aprendo al mondo. Questo è il motivo per cui lei vorrebbe cambiare compagnia o trovare persone più in sintonia col suo nuovo modo di sentire che si sta formando in lei.
Le consiglio perciò di non chiusdersi in se stessa e nell'ansia di essere incompresa ...osservi le persone e individui tra coloro che frequenta qualcuno che le sembri più a lei vicino e si apra, si racconti, e dica i suoi desideri, anche a partire dal suo partner...penso sia la strada giusta quella di essere lei a ristabilire un nuovo "contatto" col mondo.
La sua lettera mi ha ricordato la favola del "brutto Anatroccolo" che in fondo è la storia di un Out-sider... questo Esserino timido e introverso solo dopo molti tentativi scopre di avere un gruppo di appartenenza ......ma ha dovuto abbandonare molte compagnie in cui era fuori posto e ha dovuto trovare Se stesso prima di trovare altri simili!!!
Bellissima Storia...
La saluto cordialmente.
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna .

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7046 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GIU 2014

Gentile Francesca,
è possibile che gli aspetti di cui parla non siano attuali e abbiano delle radici più profonde che, con l'aiuto di una consulenza di persona, potrebbe esplorare. Tenga presente che l'ansia ha dei meccanismi molto insidiosi e se non adeguatamente affrontata tende a peggiorare.
Inoltre è possibile che se lei non viene compresa forse "mette del suo" impedendo agli altri di farlo.
Che ne pensa?

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

381 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GIU 2014

Gentile Francesca,
servirebbero più elementi della sua storia per capire meglio insieme quali situazioni sono per lei fonte di malessere e la fanno sentire in gabbia. Sicuramente imparare ad esprimere i propri bisogni ci rende più liberi e soprattutto rende gli altri in grado di comprenderci e di rispondere adeguatamente alle nostre richieste.

Una consulenza breve o un trattamento cognitivo comportamentale, potrà sicuramente aiutarla a comprendere cosa le impedisce attualmente di esprimere le sue richieste e quali strategie può utilizzare per rendere la comunicazioni con gli altri più efficace.
Spero di averla aiutata,

Dott.ssa Marzocchi

Dott.ssa Camilla Marzocchi Psicologo a Bologna

341 Risposte

175 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88550

Risposte