Non mi piace ma non riesco a dirgli di no

Inviata da erika · 14 lug 2018 Terapia di coppia

Buongiorno gentili dottori, sono una ragazza di 22 anni. Quasi un anno fa ho concluso una relazione, durata circa sei mesi, con un ragazzo che stimo molto ma per il quale non ho mai sentito attrazione, soprattutto fisica. Per quel che è riuscita a durare, la nostra relazione è stata meravigliosa. Anche la conclusione, seppur molto dolorosa per lui, è stata pacifica. Per tutto quest'anno ci siamo visti sporadicamente, dapprima parlando come al solito, tra risate e passeggiate, come se non fosse successo niente. Successivamente abbiamo fatto una gita fuori porta di tre giorni insieme, per poi tornare a sentirci molto poco. Qualche settimana fa per lui non è stato più possibile tacere: mi ha spiegato la sofferenza terribile che lo invade ogni volta che, dopo esserci visti qualche ora, ci salutiamo e io sparisco, anche per settimane.. Ha descritto il suo sentimento come "l'essere messo in un cassetto e tirato fuori ogni tanto, quando ne hai voglia o non c'è nessun altro disponibile". Ha ragione e ora che lo vedo mi accorgo di questa mia dinamica subdola. Adesso ci ritroviamo di fronte alla scelta: o ci eliminiamo l'uno per l'altro (senza avere alcun tipo di rapporto, neanche la sporadica passeggiata, persino per un eventuale incontro casuale), o proviamo ad assecondare quello che in questo momento è il suo desiderio (vedersi di più, stare insieme come coppia).
Mi fa notare che è come se in me ci fosse un combattimento tra una parte che lo desidera e una parte che si oppone strenuamente. In realtà i miei sentimenti per lui non sono cambiati: continua a non piacermi e a non generare in me il desiderio di unirmi di più a lui. Non crede molto al fatto che io senta che non ci sia "chimica", nel senso di ciò che scatena l'attrazione e il desiderio fisico dell'Altro, che è come io ho cercato di spiegargli il mio rifiuto. Il pensiero di doverlo cancellare dalla mia vita mi angoscia, ma non posso pensarlo diversamente da un amico.
Inoltre, è possibile che siamo sull'orlo di un disastro: sto approfondendo la conoscenza con un ragazzo, che io desidero solo come amico ma che ha già mandato segnali chiari di interesse ben diverso dall'amicizia. Se il mio ex fidanzato dovesse anche solo intuire qualcosa, crollerebbe (me lo ha esplicitato e ne ho già avuto la prova quando è andato totalmente in crisi al solo vedere che io e l'altro ragazzo parlavamo).
Mi chiedo, allora, perchè sfuggo continuamente dalle possibilità di relazione, seppur sia ciò di cui ho maggiormente bisogno in questo periodo della mia vita, dopo anni passati in solitudine (ho sempre avuto buoni rapporti con tutti, ma approfondito mai con nessuno). Mi chiedo perchè trattengo un ragazzo, impedendogli la possibilità di liberarsi di me (cosa che lui non vorrebbe, ma che sentirebbe di dover fare per vivere), quando non sono interessata a lui e non corrispondo i suoi sentimenti. Mi chiedo perchè in 22 anni non sono mai riuscita a percepire il "mi piace" verso qualcuno.
Scusate la lunghezza dello scritto. Sarei grata se qualcuno si sentisse di fare qualche osservazione in merito. Grazie.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 LUG 2018

Gentile Erika,
credo che per questo suo ex sarebbe preferibile chiudere i contatti con lei e voltare pagina senza farsi illusioni dolorose continuando ad accettare il ruolo poco gratificante che lei gli ha assegnato.
Quanto a lei, è ipotizzabile vi siano nella sua personalità problemi intra-interpersonali che si ripercuotono sulla sfera dell'affettività e/o sessualità da affrontare e risolvere in un percorso di psicoterapia che le consiglio di intraprendere.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7205 Risposte

20470 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 LUG 2018

Gentile Erika,
da quanto scrive sembra che al di là della difficoltà di definire la relazione con questo ragazzo (amico, ex, o aspirante attuale fidanzato) ci sia una problematica sua più profonda che ha a che fare con il suo modo di entrare e coinvolgersi nelle relazioni interpersonali e con il distinguere cosa realmente desidera lei in una relazione e da una relazione.
Un lavoro psicoterapeutico su di sé e sul suo mondo interno potrà aiutarla a fare chiarezza sulle sue modalità relazionali attuali e sui motivi che la portano ad utilizzarle e potrà eventualmente aiutarla anche a modificarle per avere relazioni più adeguate e complete, dove anche la dimensione dell'attrazione e del desiderio fisico possano trovare il loro meritato spazio.
Se lo desidera rimango a disposizione.
Un cordiale saluto,
drs Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

475 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26500 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17650

psicologi

domande 26500

domande

Risposte 92200

Risposte