Non me lo posso permettere

Inviata da Tiritì · 14 gen 2019 Depressione

"Non me lo posso permettere", questa è la frase che più descrive come mi sento, in tutti i sensi. Innanzitutto infatti non mi posso permettere un aiuto concreto da qualcuno di voi, nonostante sappia di averne bisogno. Una decina d'anni fa, a 17 anni, ci sono già passata e nulla mi aiutò più di 1 anno e mezzo di terapia. La situazione era ben diversa: mia madre, la mia più grande guida in tutta la vita, era da qualche anno malata di depressione, la mia famiglia aveva quindi deciso per un trasferimento in un'altra città per cercare di migliorare le cose e per migliorare le cose mia madre decise di lasciare mio padre. Io, figlia di mezzo, nel pieno dell'adolescenza aveva dovuto affrontare troppi cambiamenti, "perdonare" mia madre per la sua malattia, perdonare il "fato" che aveva trasformato una famiglia da Mulino Bianco in un gran caos. Ci riuscii, anche e soprattutto grazie alla terapia. Mia madre adesso sta bene, è tornata la mia guida e la mia migliore amica e, nonostante la separazione mai veramente accettata da mio padre, la mia famiglia sta bene, con i suoi canonici alti e bassi. Io mi sono laureata a pieni voti in una città diversa da quella dove si trasferì la mia famiglia (avevo bisogno di trovare la mia indipendenza), ho incontrato la mia metà con cui sto da 4 anni e ho, da un anno, cambiato nuovamente città in cerca di un futuro migliore (la città d'origine del mio ragazzo, immersa nella sua famiglia) . Futuro che sembra non arrivare mai. Un futuro in cui non vorrei chissà cosa: un lavoro che mi permetta di arrivare più o meno bene a fine mese, la possibilità di vedere più spesso la mia famiglia e i miei amici ormai sparsi per l'Italia e un po' di soddisfazione. Non ce l'ho, niente di tutto questo. E sono ingrassata di nuovo, esattamente come 10 anni fa. Come 10 anni è tornato quello che ho sempre trovato "il baratro", in cui negli ultimi mesi mi ritrovo, più o meno a lungo o più o meno profondamente. Sono sempre stata una perfezionista in tutto, ho passato la vita a cercare di fare e essere sempre qualcosa in più, in perenne paura della mediocrità. Adesso è esattamente così che mi sento. Ho sempre cercato di aspirare al meglio, di lottare affinchè arrivasse, di organizzare il mio futuro ponendomi obiettivi che una volta raggiunti mi avrebbero reso felice e soddisfatta. Negli ultimi anni i momenti bui ci sono stati ma ho sempre trovato qualcosa a cui aggrapparmi, qualcosa che ritenevo avrebbe potuto poi migliorare le cose. Magari qualcosa non era proprio come desideravo ma: "tra 20 giorni c'è la laurea di quel mio amico", oppure "la quotidianità non è poi così male". Ecco, ora non vedo nulla. Neanche gli esami, splendidi e maledetti scogli che riuscivo a superare brillantemente (maledetto post-laurea!). Quì non ho nessuno a parte il mio ragazzo (anzi, quì c'è la sua famiglia, brave persone ma molto molto diverse da me), non ho soldi che mi possano permettere ogni tanto di raggiungere qualcuno della mia famiglia o dei miei amici, il lavoro è ok ma non mi soddisfa e guadagno poco. Nulla a cui aggrapparmi, nulla che potrebbe migliorare il mio status. E ho paura. Paura perchè non mi entusiasma più nulla, non ho più fiducia nel futuro, nella "vita da adulti". A volte penso che andare via da quì e cambiare di nuovo città, avvicinandomi alle persone che amo, potrebbe darmi qualcosa in più ma mi dico anche che forse è solo un'illusione, che non posso dire al mio ragazzo che voglio andare via, affrontare un'altro trasloco per poi ritrovarmi nella stessa situazione. E quindi a volte arriva il maledetto baratro che cerco di evitare con tutta me stessa. Momenti in cui mi sento chiusa in un grande fosso al buio senza trovare nessuna luce, e mi batte forte il cuore, ed è tutto buio. Mi sforzo di uscire, esco, e cerco di non pensare più, nonostante sappia che quel fosso più non lo affronto e più diventerà grande. E non c'è posto migliore che il divano e le coperte, magari dormendo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 GEN 2019

Gentile utente,
probabilmente lei sta di nuovo attraversando un periodo difficile con calo del tono dell'umore e rischio di scivolare in uno stato depressivo a cui, tra l'altro, sembra essere predisposta.
Ovviamente lo stato depressivo le fa vedere tutto grigio o nero anche quando i problemi non soino gravi.
Infatti lei ha un lavoro che può essere migliorato e incrementato, un fidanzato che insieme alla sua famiglia sembra volerle bene (anche se lei dice che sono persone diverse caratterialmente), può oggi videochiamare gratuitamente i suoi parenti e amici con uno smartphone e le manca solo la sua città di origine che però non le ha portato molto bene dal momento che ha preferito trasferirsi altrove.
E' necessario, quindi, che si prenda cura di sè e di questo stato depressivo come ha fatto una decina di anni fa quando di sicuro aveva meno consapevolezze e risorse di quelle che può avere adesso.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7540 Risposte

21082 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2019

Salve Tiritì,
Dalle sue parole si capisce come il precedente lavoro terapeutico sia stato prezioso per lei: sa fare analisi di sé al punto di comprendere le similitudini con i suoi sintomi di un tempo e sa legare questo ad alcune cause. Accanto a ciò sa descrivere tanto le cose che sono difficili per lei quanto i miglioramenti che sa di aver raggiunto.
Resta, sembra, il punto per cui prosegue ad avere molto senso per lei proiettarsi sul futuro (riferisce non solo di sentirsi attualmente senza "sbocchi", ma anche la sua generica tendenza a progettare e programmare i suoi obiettivi, appunto, futuri) e ciò potrebbe essere uno dei fattori con i quali si impedisce di vivere con gioia il presente.
Comprendo le difficoltà, ritengo però importante, come lei stessa sottolinea, la scelta di prendersi cura di questo aspetto di sé. Non so da dove lei scriva, ma un "consiglio" concreto potrebbe essere quello di rivolgersi alla sua ASL di appartenenza. Oppure contatti un professionista privato, non sempre i costi sono esosi come le aspettative suggeriscono.
Sono a sua disposizione per chiarimenti o informazioni e sono fiduciosa che potrà trovare il suo modo di darsi la cura che merita

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2019

Gentile Tiriti,
dalle sue parole emerge un notevole calo dell'umore, ma al tempo stesso la grande capacità di fare un'analisi accurata dei suoi vissuti, incluse risorse e limiti.
E' possibile che la lontananza da relazioni e ambienti sicuri, abbia contribuito a evidenziare il suo disagio.
Parla anche di esami post laurea, che indicano l'entrata in un ciclo di vita che imporrà scelte importanti per il suo futuro e che possono contribuire al senso di temporanea inadeguatezza.
Un percorso psicologico le sarebbe senz'altro di supporto. Per ovviare l'aspetto economico può rivolgersi ad un consultorio della sua zona di residenza.
Il fosso può essere saltato se dall'altra parte trova una mano pronta ad accoglierla!
I miei migliori auguri
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1359 Risposte

1260 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102350

Risposte