Non ho più voglia di vivere, il senso di vuoto mi pervade

Inviata da S.O.S · 22 lug 2022 Autorealizzazione e orientamento personale

Buonasera,
sarà impossibile parlarvi di tutto ma cercherò di fare un quadro più dettagliato possibile per ricevere un ulteriore aiuto, perché ne sto chiedendo tanto da mesi ma sembra vada sempre peggio.
Tutto è iniziato 10 mesi fa, con le prime crisi d’ansia (palpitazioni,tremori, mancanza di respiro) mentre ero comodamente seduta sul divano con il mio fidanzato a guardare la tv. Non ci ho messo molto a decidere di iniziare un percorso con uno psicoterapeuta, perché quel malessere non era collegato a nessun evento in particolare e il desiderio di chiudere gli occhi e non svegliarmi più era sempre presente in quegli stati. Sono una ragazza di 30 anni, convivo da 10 mesi con il mio fidanzato con il quale sto insieme da 1 anno e mezzo. Ho lasciato la mia casa e la mia famiglia per lavoro da 3 anni. Sono sempre stata molto accudita e coccolata dai miei genitori, ma non ho vissuto la mia adolescenza e nemmeno anni a seguire come avrei voluto, una famiglia che pensando di farmi del bene mi ha privato di molte esperienze tenendomi una vita in casa. Sono stata bersagliata dai compagni di scuola per il mio essere timida e taciturna, sono stata bersaglio di prese in giro sul mio modo di essere e sulla mia persona che mi hanno portato negli anni ad essere una persona che ha sempre evitato le situazioni sociali. Per 4 anni della mia vita , dai 19 ai 23 ho vissuto perennemente nelle mura di casa davanti a dei videogiochi,il mio unico mondo sociale…ogni invito ad uscire l ho rifiutato perdendo piano piano quelle poche amicizie che avevo. Poi a 24 anni spinta da mia sorella decido di iscrivermi all’università, qui inizia il capitolo più bello della mia vita,finalmente faccio parte di un bel gruppo e finalmente ho ripreso in mano la mia vita. Ricevo molte soddisfazioni laureandomi con il massimo dei voti e finalmente a 27 anni lascio quella casa che per me era diventata non più sostenibile, stanca dei NO di mio padre, avevo voglia di libertà. Vado a lavorare in un’altra regione, è il 2019…i primi tempi tutto bene, nemmeno il covid mi destava preoccupazioni, ma inizio a risentire quella sensazione di angoscia degli anni passata in casa , sentendomi sola. Nel posto in cui lavoro non ho amicizie, e quelle conoscenze appena nate le ho perse pian piano rifiutando gli inviti preferendo rimanere a casa..così scarico un app di chat e conosco il mio attuale fidanzato. Non avevo una storia seria e duratura da 10 anni, felicissima di aver trovato una persona con i miei stessi valori e obiettivi vivo dei mesi spensierati e con la voglia di godermi finalmente la vita insieme a lui! Nel giro di 7 mesi decidiamo di andare a convivere..ed io li realizzo per la prima volta che il mio scappare da casa si stava trasformando in un iniziare a stabilirmi lontano da casa. Iniziano nella mia testa a fossilizzarsi dei pensieri: non voglio stare lontano dalla mia famiglia, non voglio crearmi una famiglia lontano dei miei, non voglio crescere i miei figli senza mia mamma, voglio tornare a casa. Da lì iniziano anche i dubbi verso il mio compagno: “se ho questi pensieri allora non lo amo” “dovrei desiderare di costruire qualcosa con lui ma se preferisco tornare dai miei allora non è la persona giusta” ecc..così arriviamo alla fatidica sera della mia prima vera crisi, la definisco prima” perché ho avuto somatizzazioni forti …ma già da un po’ scoppiavo a piangere pervasa dall’angoscia. Da quel momento l’angoscia e l ‘insoddisfazione per la mia vita e il non voler più vivere sono le sensazioni che prevalgono nelle mie giornate. Ciò che mi dava un minimo di gioia ora non me la da più, situazioni che non mi davano ansia oggi mi danno ansia. Quando torno a casa per le ferie dalla mia famiglia delle giornate sto bene mentre altre sto male…in tutto questo racconto confusionario ho tralasciato che ho la fortuna di avere una persona accanto che durante le mie crisi sta lì, mi ascolta e sa che nessuna parola mi è di conforto perché in quel momento divento la persona più egoista del mondo desiderando solo di non esistere più. Ho provato a iniziare delle attività riempiendo le mie giornate monotone ma non ho voglia di fare nulla, niente mi entusiasma, non voglio nemmeno prendermi cura della casa, di me, pensare di dover cucinare, riordinare casa, uscire, niente di niente e il non fare niente mi snerva allo stesso tempo. Questa cosa mi avvilisce mi fa sentire una nullità, senza identità, non so dare un senso a me stessa. Vivo uno stato di depressione e sembra che nulla mi smuova…sto anche pensando di cambiare terapeuta…finora ho ricevuto suggerimenti sul buttarmi in situazioni che io percepisco scomode ( come uscire in gruppo) per lavorar su me stessa…Mi rendo conto che vi ho detto il 10% di quello che sono ma spero possiate darmi un suggerimento a cui aggrapparmi .
Grazie per lo splendido lavoro che fate.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Altre domande su Autorealizzazione e orientamento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 34550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20550

psicologi

domande 34550

domande

Risposte 117950

Risposte