Non ho più nessun tipo di motivazione

Inviata da kim · 30 set 2020

Buongiorno, sono un ragazzo di 20 anni.
Studio, ho una relazione, una buona famiglia. Diciamo che va tutto bene (rispetto ad altre persone mi potrei ritenere più che fortunato).
Ma ho un problema, molto spesso, ho questo sentimento di terribile tristezza che, mi rovina intere settimane. Rovina il mio studio, momenti della mia relazione e a volte anche in famiglia dà problemi.
Ciò mi porta a perdere intere giornate, il che mi avvilisce e mi porta ancor più tristezza, ed entro in questo circolo vizioso da cui è davvero difficile per me uscirne.
Ho già provato a capire da dove nasce tale tristezza, ed i motivi principali sono: dubbi esistenziali, futuro, e molto probabilmente anche eventi passati.
Come detto inizialmente, ho 20 anni, e non ho una grandissima disponibilità economica, ma credo che debba parlarne con qualcuno.
Dunque, speravo che qualcuno potesse darmi un suggerimento sul come comportarmi.
Buona giornata a tutti.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 1 OTT 2020

Buon pomeriggio Kim,
vorrei intanto rassicurarla circa il fatto che il sentire di essere fortunati non escluda a priori la possibilità di esperire della tristezza.
Come lei stesso dice, ha provato a capire da dove abbia origine e pare abbia individuato alcuni fattori.
I dubbi e le domande che si pone sono assolutamente leciti, in questa fase della sua vita e non solo; occorrerebbe però capire in che modo da questi origini la tristezza.
Le nostre emozioni, infatti, originano dall'analisi e dall'attribuzione di un significato, spesso automatica, relativamente ad un fatto. Sarebbe, dunque utile, conoscere i suoi personali significati.
Dal suo racconto sembrerebbe emergere una tendenza al rimuginio, che mi pare renda insidiosa la sua quotidianità e le arrechi ancora più tristezza.
Il suggerimento che mi sento di darle è quello di intraprendere un percorso terapeutico. Mi rendo conto che intraprendere un percorso terapeutico comporti una spesa che in certi momenti risulta poco sostenibile, ma mi sento di dirle che più tempestivamente inizierà, prima potrà vederne i benefici nel suo quotidiano. Posso dirle comunque che spesso le Università attivano un servizio di consulenza gratuito per gli studenti; diversamente, può rivolgersi ad un servizio pubblico.
Rimango a Sua disposizione nel caso in cui voglia chiedermi delle informazioni.

Dott.ssa Elena La Gattuta Psicologo a Palermo

5 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 OTT 2020

Buongiorno Kim,
I sentimenti che descrivi possono essere legati a particolari vissuti che puoi aver avuto o a situazioni che non ti permettono di essere sereno o ti bloccano. Io possono dirti che se questi sentimenti diventano un problema e ti impediscono di essere tranquillo o ti impediscono di fare delle scelte libere magari parlarne con qualcuno può esserti di aiuto. Da come scrivi sembra che hai una buona consapevolezza di chi sei e quello che vuoi essere ma a volte avere una persona con cui parlare e poterti confrontare esterna alla tua vita aiuta a mettere chiarezza, se ne hai bisogno io rimango disponibile anche online.

Buona giornata
Eleonora.

Dott.ssa Eleonora Orlandi Psicologo a Osio Sotto

6 Risposte

7 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2020

Buongiorno Kim,
I sentimenti di tristezza possono essere fisiologici, la tristezza come la gioia fa parte della vita. Diventano un problema quando sono "indipendenti da cause esterne". E minano così le nostre scelte e la nostra quotidianità.
Potremmo parlarne e capire che tipo di tristezza è la tua.
Io lavoro da anni con i problemi dell'umore.
Ricevo via Skype.

Buona giornata

Luciana Maniaci

Dott.ssa Luciana Maniaci Bocchiardo Psicologo a Milano

26 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2020

Buonasera Kim,
dalle sue parole, oltre alla profonda tristezza, mi arriva anche una emozione di colpa, come se essere tristi non andasse bene perché "potrebbe ritenersi più che fortunato rispetto ad altri"... Non conoscendola non posso sapere se è così ma in ogni caso non mi giudicherei negativamente, la tristezza c'è ed è un'emozione che ci indica che qualcosa non va, che qualcosa manca nella nostra vita e se ascoltata può dirci in quale direzione andare...è necessario però parlarne con un professionista che possa aiutarla a trovare questa direzione, a individuare i suoi valori e capire come vivere una vita in linea con essi. Senza ciò rischia di indossare per troppo tempo degli "occhiali neri della tristezza" che altro non faranno che portare la sua attenzione su quello che non ha, su ciò che non la soddisfa, creando circoli viziosi che abbassano ulteriormente l'umore senza mettere in atto azioni che possano aiutarla a spezzarli. Ascolti la parte di lei che le consiglia di "parlarne con qualcuno", è la parte che vuole cambiare le cose, che combatte per lei. Capisco il problema della disponibilità economica, non è da poco, ma non se lo ponga come ostacolo, ci sono sempre delle soluzioni. Affidarsi al servizio pubblico potrebbe essere sicuramente una soluzione per avere un supporto o una psicoterapia a prezzi più bassi, altrimenti può cercare terapie online o tipologie di terapia che possano darle un sollievo in tempi più rapidi (EMDR, cognitivo-comportamentale, ecc). Non sottovaluterei nemmeno dei percorsi di gruppo che, sebbene non individualizzati, possono comunque fornire strategie utili per gestire il problema nel qui e ora, sicuramente a costi meno elevati di una terapia individuale. Tutto inizia con un primo passo, gradualmente la strada diverrà più chiara, capirà cosa è meglio per lei e farà i relativi aggiustamenti. Spero di averle fornito informazioni utili e spunti di riflessione.. Un caro saluto

Dott.ssa Giulia Fruzzetti Psicologo a Livorno

8 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2020

Buongiorno,
quello che posso dirti é che la tristezza é legata a sensazioni di perdita, ed é molto importante perché ha due compiti:uno relazionale e uno personale. Serve quindi socialmente a chiedere la vicinanza,il calore delle persone care, ma anche in un secondo momento a ricalibrarci e orientarci alla ricerca del benessere. Non a caso, parli di assenza di motivazione e dubbi esistenziali e sul futuro: ho l'impressione che sia un po'come quando accendi il GPS. Innanzitutto ti chiede dove sei, e poi dove vuoi andare. Se hai anche la consapevolezza che in parte la tua tristezza é legata a eventi del passato, sei a un buon punto. Purtroppo da qui in avanti credo tu abbia bisogno di aiuto. Comprendo le difficoltà economiche, ma questi vissuti non se ne andranno da soli e il tuo benessere é importante. Rischi di farti sommergere da questa emozione finché non sentirai più niente, solo vuoto. A quel punto non avrai molta scelta se non un psicoterapia. Ti consiglio di cercare un terapeuta EMDR: dalla mia esperienza é un approccio efficace e un po'più rapido rispetto ad altri, quindi potrebbe darti anche un po'di risparmio a livello economico. Spero di esserti stata in qualche modo d'aiuto, se vuoi sono a disposizione. Dr.ssa Barbara Bertolina Civera

Dr.ssa Barbara Bertolina Civera Psicologo a Torino

33 Risposte

15 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2020

Buongiorno, la cosa migliore sarebbe quella di rivolgersi a un servizio pubblico come, ad esempio, un consultorio, in cui ottenere un supporto a prezzi calmierati. Una seconda alternativa sarebbe una terapia online, solitamente meno costosa di quella in presenziale - ma certamente più di quella tramite pubblico servizio. Alla Sua età sarebbe opportuno affrontare e mettere a tema il senso di questa tristezza perché, come Lei ben coglie, impedisce di progettarsi, cosa che a 20 anni è fondamentale. In bocca al lupo! DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

998 Risposte

1022 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2020

Caro Kim, a 20 anni si incomincia a guardasi intorno, a pensare più concretamente al proprio futuro. La caratteristica del futuro è, come sappiamo, l'incertezza. Quindi, è necessario fare un passo alla volta, proprio come fossi su una scalinata che ti porta verso l'alto: fare un passo alla volta ti consente di essere meno agitato e più tranquillo nell'affrontare ciò che arriva. Riporti una tristezza latente che ti impedisce di vivere il quotidiano. Tu stesso sei consapevole che questo potrebbe avere a che fare anche con vissuti passati, ancora non elaborati. Penso che parlare del tuo malessere con uno psicologo che ti dia supporto sia più che giusto. Questo, non solo ti permetterà di sviluppare strategie da mettere in atto per vivere in maniera adeguata la condizione di incertezza, ma anche di risolvere i vissuti negativi che porti dentro.
Buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1615 Risposte

869 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2020

Gentile Kim,
dalle tue parole colgo, oltre alla tristezza che descrivi, una profonda consapevolezza. Sei consapevole di ciò che hai e per questo pensi che potresti ritenerti più che fortunato, allo stesso tempo sei anche capace di individuare ciò che ti manca e di ricondurre la tua tristezza a dei fattori precisi. Questo è un buon primo passo, che ti può indubbiamente aiutare in un percorso più approfondito di conoscenza di te, che ti possa dare nuovi strumenti per affrontare al meglio la situazione che stai vivendo.
È difficile poter dare dei suggerimenti senza conoscere te e la tua storia, per questo è importante, se ne senti il bisogno, poterne parlare con qualcuno di qualificato.
Informati se nella tua città ci sono associazioni che fanno percorsi a tariffa agevolata, al limite puoi parlarne con il tuo medico e cercare di intraprendere un percorso psicologico nel servizio pubblico. Sono possibili inoltre dei percorsi di consulenza online che in alcuni casi hanno prezzi più accessibili. Pensa davvero che il tuo benessere ha la priorità su tutto.
Rimango a disposizione per qualsiasi dubbio,
un caro saluto,
Lisa

Dott.ssa Lisa Ribechini Psicologo a Pontedera

17 Risposte

7 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2020

Credo che lei abbia già intravisto le possibili cause del suo forte malessere: il futuro ed eventi passati.
Avere timore per il futuro è una situazione che ogni essere umano vive: le cose che non si conoscono mettono sempre ansia-paura-angoscia, proprio perché non le conosciamo.
Gli eventi passati, soprattutto quelli nei quali noi abbiamo sperimentato dolore e rabbia per ingiustizie-mancanza di attenzione-mancanza di rispetto..., pesano e, se rimossi, possono crearci tristezza, senso di inutilità, sentimenti negativi su di noi.
Una psicoterapia, anche on-line, può aiutarla.

Dott. Isidoro Sciulli Psicologo a Bergamo

3 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2020

Buongiorno Kim,
Potrebbe essere una parte integrante del tuo sviluppo questa tristezza. In fondo i dubbi esistenziali fanno parte dell'adolescenza e del divenire adulti. Sono la sana preoccupazione per un futuro incerto, che non è una sciocchezza. Il mio consiglio è quello di chiederti, mentre sei in riflessione sull'origine della tua tristezza, dove possa portarti. Che cosa può succedere, quali sarebbero le conseguenze peggiori a cui potresti andare incontro e poi di provare a immaginare quali soluzioni potresti trovare. Questo modo di "razionalizzare" può permetterti di andare su un piano più logico e alleggerire quello emotivo che invece ti fa sentire solo vuoto. Riempirlo col pensiero e con l'immaginazione, siamo fatti di questo!
Nei momenti di disperazione, se ci fossero, assocerei dei respiri profondi e la concentrazione su questi respiri, immaginando che l'aria, entrando dal naso rinnovi il tuo spirito e uscendo porti via tutta la tristezza che hai. I movimenti del nervo vago stimolano il rilassamento dei muscoli cardiaci, rallentando il battito e generando un profondo senso di calma.
Non voglio prendere sotto gamba il tuo problema però: se dovessi riscontrare delle difficoltà ulteriori, se questi metodi non ti fossero utili, contatta qualcuno.
La salute e il benessere psicofisico, vengono prima di tutto.
Un caloroso abbraccio.



Dr.ssa Michaela Mortera

Dr.ssa Michaela Mortera Psicologo a Civitanova Marche

42 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2020

Buongiorno Kim,
hai ragione, sarebbe bene parlarne con qualcuno. Ti fa star male la tristezza che provi e che è una conseguenza di qualcosa che ti turba ed è lì che bisogna portare l’attenzione. Ai dubbi che hai, al futuro, agli eventi passati.
Per cui ti suggerirei di contattare un professionista per dare spazio a quello che ti fa star male. Solo capendo meglio il problema ti si potrà dire qualcosa di più concreto.
Ti auguro di stare meglio presto.
Dott.ssa Katarina Faggionato

Dr.ssa Katarina Faggionato Psicologo a Vicenza

430 Risposte

199 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18600

psicologi

domande 29700

domande

Risposte 101050

Risposte