Non controllo la rabbia e lui mi ha lasciata

Inviata da C. · 5 apr 2017 Aggressività

Buonasera, scrivo qui perché da tre settimane ormai vivo soffocata da un dolore che mi paralizza dovuto alla fine della mia storia d'amore. Ho 23 anni e per 5 anni sono stata con un ragazzo che ha la mia stessa età. Le cose tra noi sono state sempre perfette, c'è stato sempre molto amore, complicità, amicizia e rispetto tra noi. C'è da dire, però, che io e lui abbiamo due caratteri molto diversi: lui razionale e introverso, io emotiva e insicura. Queste diversità ci hanno portato, non poche volte, a litigare poiché io mi sono sempre sentita più attaccata a lui e più bisognosa di affetto e attenzioni di quanto non ne avesse lui, e quando me ne rendevo conto venivo pervasa da un senso di frustrazione e rabbia che mi portava a perdere le staffe e a dire cose che nemmeno pensavo. Me ne rendevo conto soprattutto perché io ero sempre desiderosa di vederlo e sentirlo come se da quell'incontro dipendesse la mia vita, mentre lui se non ci si poteva vedere non mostrava segni di particolare sofferenza. Quanto lo invidiavo, soprattutto perché sono più che certa che lui la voglia l'avesse, ma che sapesse tranquillamente controllarsi. Io invece no, nessun autocontrollo e quando succedevano questi impedimenti perdevo le staffe e me la prendevo con lui, come se fosse la causa della mia improvvisa infelicità. Lui non ha mai reagito a queste mie "sfuriate", e questo mi faceva innervosire ancora di più: si limitava a dire di non sopportarle. Io non ho mai capito quanto pesante potessi essere quando reagivo in questo modo, finché dopo l'ultima litigata lui è scoppiato: mi ha lasciata. Dice che ho un comportamento troppo infantile, che lui non sopporta e non accetta atteggiamenti di questo tipo, soprattutto per motivazioni così futili. Mi sono sentita morire: innanzitutto per la prima volta, dopo 5 anni, mi sono resa davvero conto di quanto io sbagliassi, e oltretutto non posso credere che lui mi abbia lasciata. Ho provato a parlargli, a dirgli che ora che ho finalmente riconosciuto il mio problema mi impegnerò per cambiare, ma niente. Lui non si fida. Sì, mi dice che gli manco e che ha nostalgia, ma che "per ora le cose stanno così, è finita. Poi non possiamo sapere che cosa ci riserva il futuro".
Intanto sono tre settimane che ho gli attacchi di panico, che mi sono resa conto di avere una dipendenza da lui impressionante. Non riesco a superare questa rottura perché non voglio lasciarlo andare, sono aggrappata ad una speranza che non mi fa più vivere. Il mio pensiero fisso è quello di riconquistare lui e la sua fiducia, mi ripeto che una storia bella come la nostra non può finire così... Capisco che a furia di sopportare lui sia scoppiato, ma come può avere una determinazione così forte?? Cosa posso fare?? Ho sicuramente intenzione di lavorare su me stessa e smettere di avere atteggiamenti immaturi di quel tipo, ma il mio chiodo fisso è quello di riconquistarlo!
Che cosa posso fare??

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 APR 2017

Cara C.
quando una storia d'amore si conclude vi è sempre molto dolore e sofferenza. Lei racconta di diversità di carattere ma pure dell'emotività ed insicurezza che ha deteriorato la relazione. La frustrazione di conseguenza, causava scariche e sfoghi di rabbia senza capacità di autocontrollo. La consapevolezza che ora lei ha maturato, è quella di aver una parte di responsabilità nella rottura della relazione. Purtroppo da alcune settimane sono subentrati degli atteggiamenti ansiosi significativi conseguenti una relazione forse di dipendenza eccessiva dal proprio ragazzo. Le consiglierei di intraprendere velocemente un percorso di sostegno psicologico utile per individuare nuove modalità relazionali e acquisire maggiore capacità di autocontrollo. In seguito potrà valutare con un terapeuta di fiducia quale strada intraprendere eventualmente per recuperare o salutare la relazione con il proprio ragazzo. Il cambiamento potrebbe rappresentare per lei una nuova opportunità di crescita.
I miei migliori auguri!
Dott.ssa Donatella Costa (Brescia)

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2691 Risposte

2217 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 APR 2017

carissima...il fatto che tu ti renda conto del tuo problema e lo stia affrontando e' qualcosa di molto lodevole.
Se il tuo ragazzo ritiene che il rapporto non possa continuare in quel modo, o non riesce a tollerare piu' di tanto le tue reazioni emotive, se pur molto triste, e' anche un maggior stimolo per te per darti motivo di impegnarti a continuare a migliorarti.
Hai tutta la mia comprensione

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

416 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 APR 2017

Buona sera,
sicuramente potrebbe essere utile per lei intraprendere un percorso che la aiuti a comprendere sia da dove nasca questa rabbia che questa dipendenza dall'altro. il fatto di riconoscersi delle responsabilità è sicuramente un aspetto fondamentale perchè la porta ad interrogarsi su di sè e comprendere alcuni suoi funzionamenti.
Buona serata
Daniele Regini

Dott. Daniele Regini Psicologo a Albano Laziale

134 Risposte

77 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Aggressività

Vedere più psicologi specializzati in Aggressività

Altre domande su Aggressività

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86900

Risposte